L'associazione Utopia Rossa lavora e lotta per l'unità dei movimenti rivoluzionari di tutto il mondo in una nuova internazionale: la Quinta. Al suo interno convivono felicemente - con un progetto internazionalista e princìpi di etica politica - persone di provenienza marxista e libertaria, anarcocomunista, situazionista, femminista, trotskista, guevarista, leninista, credente e atea, oltre a liberi pensatori. Non succedeva dai tempi della Prima internazionale.

giovedì 7 febbraio 2013

LA SIRIA TEATRO DELLA NUOVA GUERRA FREDDA, di Pier Francesco Zarcone

Fra gli osservatori di politica internazionale si pone ormai al di là del semplice sospetto l’ipotesi che la guerra per procura attualmente in Siria faccia parte di una nuova guerra fredda fra l’Occidente e il “blocco” Russia/Cina/Iran.
Negli ultimi tempi la politica estera statunitense, con l’appoggio degli alleati della Nato, ha aggravato l’instabilità di varie aree strategicamente rilevanti: Balcani, Nordafrica, Mediterraneo orientale, Iran; tuttavia non solo in fisica ad ogni azione corrisponde un’azione uguale e contraria. Nel nostro caso il principale soggetto controagente è la Russia, che oggi si trova in una posizione migliore di alcuni anni fa, nella quale spiccano il rafforzamento della sua presenza nei Balcani a seguito della vittoria in Serbia di Nikolić e nel Mediterraneo orientale con le crisi di Grecia e Cipro. Non guasta, anzi, il darsi da fare della Gazprom sulle riserve di gas al largo delle coste cipriote.


Gli interessi di Cina, Russia e Iran sulla questione siriana
a) Cina
Al momento l’interesse cinese verso la questione siriana è indiretto, fermo però restando che - a motivo della strategia globale degli Stati Uniti - anche per la Cina (e non solo per Russia e Iran) la Siria di al-Assad costituisce un fianco occidentale di difesa, seppur lontano. La posizione assunta al Consiglio di sicurezza è sì “di principio”, tuttavia esprime una preoccupazione concreta, giacché dopo la Libia un’ulteriore ingerenza nei problemi interni di uno Stato - nel caso siriano palesemente posta in essere da Stati Uniti, Gran Bretagna, Arabia Saudita, Qatar, Turchia - un domani potrebbe riguardare anche Pechino per via dei musulmani Uiguri nello Xinjiang e del Tibet. Entrambi ottimi pretesti per innescare qualche mina in territorio cinese, con il fine non tanto recondito di mettere in difficoltà una Cina in fase di espansione commerciale in Oriente e in Africa. Lo scenario libico, quindi, per Pechino assolutamente non ha da ripetersi. Il fatto è che il diritto internazionale non si compone solo di trattati, ma anche di consuetudini: da qui il fondato timore per la possibilità dell’affermarsi di un nuovo principio consuetudinario di diritto internazionale legittimante l’intervento contro Stati sovrani quando siano compiuti per crimini contro la popolazione civile o per la possibilità del compimento di siffatti crimini.
D’altro canto la Cina sa benissimo di essere oggetto (insieme alla Russia) di un’azione di accerchiamento e contenimento da parte degli Stati Uniti, suscettibile di evoluzioni militari dirette; da ciò è derivato il rafforzamento delle intese militari e politiche fra Pechino e Mosca, nonché, sul piano economico, il progetto di realizzare uno spazio economico eurasiatico unito e un’unione doganale.
b) Russia
Se nella faccenda siriana la Cina, per il momento, ha solo una parte potenziale che non la obbliga a entrare direttamenti e in scena al di là del voto al Consiglio di sicurezza, ben diversa è la posizione della Russia. I suoi interessi in gioco sono almeno quattro: il primo è uguale a quello cinese, in quanto gli spunti di intervento dell’Occidente allineato con gli Usa sono vari (Cecenia, Ossezia, Georgia ed eventuali agitazioni popolari “spontanee” in Ucraina e Bielorussia); vi è poi da evitare la completa espulsione dal Mediterraneo con la perdita della sua unica base navale (il porto di Tartus) e di punto fisico di appoggio strategico verso il mondo arabo; impedire che, saltato l’asse Damasco-Teheran, tocchi poi all’Iran essere attaccato, con il rischio e la conseguenza di trovarsi alle sue frontiere meridionali - fisicamente e politicamente - di nuovo la presenza degli Stati Uniti; infine perdere un ottimo cliente per la vendita di armamenti. A questo si aggiunga che esistono anche contingenti ragioni di politica interna perché la Russia non molli sulla Siria: infatti in Russia l’opposizione a Putin si va diffondendo a livello popolare, e non è il caso di fornirle pretesti ulteriori come l’accusa di debolezza verso l’Occidente.
Sia pure per motivi non tutti coincidenti, quindi, Cina e Russia si trovano sullo stesso fronte; e  tanto è chiara la cosa che un esponente della Fratellanza Musulmana della Giordania ha invitato le nazioni islamiche a boicottare i prodotti sia cinesi sia russi.
La maggiore immediatezza dell’interesse russo va inquadrato nella situazione posta in essere dagli Stati uniti fin dal inizi degli anni ’90 con il crollo dell’Unione Sovietica, consistente nel porre in essere una strategia finalizzata a circondare la neonata Federazione Russa e impedirle di diventare una rivale pericolosa. Con questa prospettiva gli Usa hanno cercato alleanze (e basi) nella zona caucasica, nella ex Asia sovietica e nei Balcani. La tattica ha avuto innegabili successi, tuttavia non ha conseguito la totalità degli obiettivi previsti, giacché la Russia - iniziata (faticosamente) una fase di ripresa dopo il disastro a cui l’aveva portata la presidenza di Eltsin - nell’insieme non è riuscita a non perdere tutta la sua influenza nella ex area sovietica (in particolare in Asia centrale), si riorganizzata militarmente e va facendo (finora) lucrosi affari nel settore energetico.
Effettivamente la Russia sul piano internazionale ha subìto una serie di brutti colpi, di cui le invasioni di Afghanistan e Iraq, nonché le crisi libica e siriana sono solo gli elementi più visibili. In Africa gli Stati un tempo filorussi sono finiti sotto l’influenza occidentale, a parte il Sudan. Nel Vicino Oriente, però, la Russia ha di molto migliorato i rapporti con Baghdad ed è diventata di fatto un alleato della Repubblica Islamica dell’Iran. Ovviamente dopo i cattivi esiti delle imprese in Afghanistan e Iraq, Usa e Nato agiscono per contrastare l’influenza russa nel Caucaso.  
In Asia la Federazione Russa (ma anche la Cina) ha effettuato grandi investimenti economici e realizzato importanti accordi militari il cui culmine attuale è dato dall’accordo di Almaty (Kazakhstan) che ha istituito un sistema integrato di difesa aerea tra Russia, Armenia, Bielorussia, Kazakhstan, Kirghizistan e Tagikistan.  
Di recente Usa e alleati - dopo il disastro iracheno, e costretti ad avviare il ritiro dall’Afghanistan - si sono concentrati contro gli interessi economici e strategici russi nel Vicino Oriente e in Nordafrica. Siria e Libia sono gli ultimi elementi di questa fase, e attualmente si registra l’appoggio statunitense anche a movimenti radicali islamici in territorio russo.
Come si diceva, la disponibilità dell’accesso russo al porto di Tartus (che verrebbe meno in caso di vittoria dei ribelli, e sul quale la Russia ha investito vari milioni di dollari) è importantissima per Mosca anche perché Mosca intende posizionarvi proprie portaerei. Comunque per la Russia l’eventuale perdita di Tartus sarebbe rimediabile grazie agli sviluppi della tecnologia militare, come vedremo nell’apposito paragrafo sulla strategia russa.
c) Iran
E poi c’è l’Iran, non solo per il mantenimento dell’ormai famoso asse sciita che oggi attraversa orizzontalmente il Vicino Oriente. Infatti anche questo Paese (apparentemente così lontano) ha interessi navali nel Mediterraneo, tuttavia, quanto testé detto per la Russia non può dirsi per l’Iran, che in tale mare in atto dispone solo delle installazioni e strutture semipermanenti realizzate nel porto siriano di Latakya. Venendo meno la Siria, ed essendo il Mar Caspio un bacino chiuso (a differenza del Mar Nero per la Russia), addio Mediterraneo per Teheran.
L’Iran ha oggi bisogno vitale della Siria nel quadro dell’estensione del raggio operativo della sua marina militare oltre il Golfo Persico, fatto illustrato dalle missioni finora compiute, che hanno riguardato già due volte il Mediterraneo, nel 2011 e nel 2012. Poi, il 17 gennaio di quest’anno, il Contrammiraglio Habibollah Sayyari, comandante della marina iraniana, ha annunciato una terza missione, iniziata il successivo giorno 21: una flottiglia comprensiva della portaelicotteri Kharg e della fregata Sabalan, partita da Bandar Abbas, attraverserà il Canale di Suez dopo il Mar Rosso con l’obiettivo Mediterraneo, dove probabilmente parteciperà a manovre congiunte con la marina siriana e con le tre flotte russe che sono attualmente al largo della Siria.
Per l’Iran non esiste solo l’interesse militare, ma anche quello economico/energetico (tanto per cambiare). Il 25 giugno del 2011 il Ministero iraniano delle Risorse Petrolifere aveva avviato il progetto di estensione dei suoi oleodotti fino alla Siria e al Libano non escludendosi una deviazione per raggiungere la Giordania. L’intera realizzazione del progetto - che si pensa di estendere ulteriormente per raggiungere i Balcani, con un investimento totale di 10 miliardi di dollari - non solo potrà far abbassare i prezzi, ma, se comprenderà la Giordania, la libererà dalla dipendenza energetica dall’Egitto e dall’arcinemica Arabia Saudita. La costruzione del nuovo gasdotto è stata ripresa il 19 novembre 2012 dopo il momentaneo congelamento dovuto alla guerra in Siria, di modo che dopo giugno di quest’anno il metano iraniano (che in quel periodo sarà giunto alle centrali elettriche di Bagdad) sarà anche a disposizione di Damasco. La ripresa della costruzione dell’oleodotto significa che sul piano militare la situazione siriana si sta evolvendo bene per al-Assad, ma si vocifera anche che siano in corso colloqui segreti fra Stati Uniti e Iran.
d) Israele
Va infine sottolineato che per Usa e Israele eliminare il regime siriano vorrebbe dire anche infliggere colpo durissimo ai rifornimenti che l’Hezbollah libanese e Hamas a Gaza ricevono appunto da Siria e Iran. Vero è che Israele ha atomiche nel suo arsenale, e che le userebbe senza pensarci più di tanto se si arrivasse a una situazione del tipo “muoia Sansone con tutti i Filistei”; situazione che però non è affatto dietro l’angolo. Invece il ripetersi di conflitti armati locali è tutt’altro che da escludere. Orbene, sia l’Hezbollah (che già nel 2006 dette sul campo una dura lezione ai soldati israeliani) sia Hamas oggi dispongono di moderna tecnologia bellica iraniana, tra cui missili con la portata di 120 km (Tel Aviv dista da Gaza solo 71 km), capaci di superare senza problemi la cosiddetta barriera dell’Iron Dome – tanto strombazzata da Israele – che invece era efficace solo per i primi razzi artigianali di Hamas. Praticamente, quindi, a seguito dei rifornimenti di Siria e Iran all’Hezbollah e ad Hamas, il territorio israeliano sarebbe potenzialmente sotto attacco missilistico da nord e da sud, e in caso di nuove ostilità, in Israele potrebbe essere costretta a usare i rifugi una popolazione di circa 2.000.000 di abitanti, e non più di 200.000 come era accaduto durante la guerra con l’Hezbollah del 2006. Un ulteriore dato interessante è che l’Iran ha molto perfezionato la tecnologia dei “droni”, tanto che di recente i Pasdaran sono stati in grado di assumere il controllo in volo di un drone statunitense che volava su territorio iraniano, facendolo poi atterrare. Dal canto suo l’Iran ha fornito droni di sua fabbricazione all’Hezbollah, che ha effettuato un test facendo attraversare da uno di essi il territorio israeliano fino alla centrale nucleare di Dimona, sopra la quale è stato distrutto dagli Israeliani.  

Il Mediterraneo (e quindi la Siria) come parte della strategia russa per fronteggiare gli Usa
Crollata l’Unione Sovietica, il mondo si era trovato giocoforza a vivere il cosiddetto  “monopolarismo”, con gli Stati Uniti unica superpotenza. Questa fase - per le difficoltà di vario tipo in cui versano gli Stati Uniti - sta passando. I disastri militari in Iraq e Afghanistan probabilmente saranno registrati dagli storici come l’avvio delle grandi manovre per un nuovo ordine mondiale meno un ipolare. Da qui per la Russia la duplice esigenza di riorganizzarsi e riposizionarsi, sia per difendersi dalla persistente - e non diminuita - minaccia statunitense, sia per fini espansivi, e Putin ha teorizzato il passaggio dal “monopolarismo” al “non-polarismo”. Cosa che non sarà indolore per nessuno, quand’anche i più non si accorgano di quanto sta accadendo, e infatti Putin l’ha messo per iscritto con la frase

«Il mondo è sulla soglia di una fase di disordine che sarà lunga e dolorosa».

Per quanto ancora né Russia né Cina siano in grado di porre fine immediatamente all’assetto unipolare, tuttavia si vanno intensamente attrezzando per la bisogna, tanto più che se l’annuncio di diminuzione delle Forze Armate Usa e della riduzione del bilancio militare, dato a suo tempo da Obama, implicherà una diminuita capacità di sostenere contemporaneamente più di un fronte bellico. Obama (immeritato “premio Nobel per la pace”) sa bene che in questa fase economico/finanziaria fare la guerra non è proficuo, per cui ha varato un piano che, come di recente ha testualmente scritto il Washington Post

«riflette la preferenza della sua amministrazione per lo spionaggio e l’azione coperta piuttosto che per l’uso della forza convenzionale».

Poiché esso si basa sul rafforzamento dell’organico della Dia (Defence intelligence agency), la conseguenza è implicita: continuare a “fare la guerra”, ma utilizzare prima massicce azioni coperte per minare dall’interno il paese nel mirino, sia per poi effettuare attacchi militari veri e propri (come nel caso della Libia) sia per farlo disgregarlo con la sovversione interna (come in Siria).  
Inoltre lo scudo missilistico statunitense, finalizzato a evitare una risposta nucleare dopo un first strike (primo colpo) statunitense, minaccia Russia e Cina (e Iran). La risposta che la Russia sta dando a questa minaccia consiste nello sviluppo e aumento delle sue infrastrutture militari sulla costa artica, nell’accrescimento della potenza navale e nella ricerca di ulteriori punti di appoggio (la Russia evita di usare la parola “basi”) oltre a quelli esistenti fuori dal territorio russo in Mar Nero (Sebastopoli) e nel Mediterraneo (Tarsus). Oggi la Russia in questa ricerca guarda al Mar dei Caraibi, al Mare Cinese Meridionale e alla costa orientale dell’Africa vicino al Golfo di Aden. Le sue nuove basi navali potrebbero essere installate a Cuba, nel Vietnam e nelle Seychelles. Il loro ruolo è chiaro: fungere da strutture permanenti di attacco contro gli Usa.
Si aggiunga che sta cambiando la funzione della flotta russa: mentre all’epoca dell’Unione Sovietica il suo compito consisteva principalmente nella difesa costiera, per contrastare eventuali tentativi d’invasione da parte di forze terrestri, oggi invece è in atto l’adeguamento alla strategia di accerchiamento statunitense, e quindi - al pari di Cina e Iran - la Russia sta accrescendo di gran lena la sua potenza navale, puntando ad acquisire per la flotta la superiorità nell’armamento nucleare. Entro il 2020 dovrebbero entrare in linea almeno 50 nuove navi da guerra e oltre 20 nuovi sottomarini, dei quali più del 40% avranno un’accresciuta capacità di attacco nucleare rispetto agli standard attuali. Nel 2011, dopo i testi di lancio del missile nucleare Liner, che sembra essere in grado di penetrare lo scudo antimissile statunitense, il comandante delle Forze Strategiche Missilistiche della Federazione Russa, colonnello-generale Karakaev, ha sostenuto che in un futuro prossimo i missili intercontinentali russi saranno “invisibili” alle difese nemiche.

 
Se Assad sta per vincere, ci sarà davvero l’intervento degli Usa?
La domanda non è affatto retorica per due motivi. Il primo è che ci si deve chiedere se gli Stati Uniti assisterebbero passivamente a un successo strategico dell’attuale blocco russo/iraniano. Una recente incursione aerea israeliana non fa certo ben pensare. Con la sconfitta dei ribelli salterebbe la strategia Usa per la creazione di un asse di governi della Fratellanza Musulmana da Tunisi fino a Damasco, proiettato verso l’Iraq nonché tale da accerchiare l’Hezbollah libanese e chiudere da sud l’Iran.
Il secondo motivo è che la vittoria di Assad è oggi meno aleatoria di ieri, anche se sui grandi mass-media non se ne parla. Sembra che l’esercito regolare siriano controlli ormai circa l’80% del territorio nazionale, tant’è che oggi i combattimenti si concentrano presso la frontiera turca, nelle provincie di Idlib, nelle zone attorno a Damasco e Homs, e vicino al Libano. Si sono formate milizie popolari filogovernative per contrastare gli attacchi dei ribelli e di recente la Guardia Repubblicana, dopo aver autorizzato le reclute a prestare servizio nella regione di origine, hanno arruolato in una settimana 20.000 volontari. Bloggers non-allineati rendono noto che, dopo essersi riassestato colmando le perdite e ricostituito le scorte di materiali, l'Esercito regolare siriano ha in corso offensive in grande stile, che nell'Ovest si è concluso vittoriosamente un grande scontro nella zona di Homs, che vaste operazione sono in corso vicino Daraa, al confine con la Giordania, e a Deir Ez-Zour, vicino al confine iracheno Anbar.
Di recente Bachar al-Assad ha rilasciato l’orgogliosa dichiarazione di chi non ha alcuna intenzione di lasciare campo libero ai mercenari jihadisti, che ormai sono la parte di gran lunga maggioritaria del cosiddetto Esercito Libero Siriano e ai loro mandanti internazionali, sostenendo che

«Se si dovesse verificare l’invasione straniera della Síria, (…) ultimo bastione della laicità, della stabilità e della convivenza, ci sarebbe un effetto domino (…). L’Occidente non avanzarà in questa direzione. Ma se lo facesse, nessuno potrà prevedere le conseguenze. (...) Io non sono un pupazzo né sono stato fabbricato dall’Occidente (....). Sono siriano. Vivrò  e morirò in Siria. (...) [Erdoğan, premier turco] si comporta come un sultano dell’Impero Ottomano e si reputa un califfo. (…) L’uscita di scena o no del Presidente siriano potrà essere decisa solo dal responso delle urne (...) La Siria non sta vivendo una guerra civile. Bensì una questione di terrorismo che ha ha a che vedere con l’appoggio esterno di cui godono i terroristi per destabilizzare la Siria. (…) Dobbiamo pemsare che la guerra sarà dura e difficile. Non ci si può aspettare che un piccolo paese come la Siria possa vincere i giorni o settimane tutti i paesi che ci stanno attaccando attraverso intermediari, come stanno facendo gli Stati Uniti, l’Occidente e vari paesi arabi. (…) Se cessasse l’appoggio ai ribelli dall’estero, posso dire che tutto finirebbe in poche settimane».

E c’è da dire che una vittoria di Assad non farebbe certo venir meno, anzi, i molti motivi concomitanti (l’entità delle vittime civili non interessa nessuno) in virtù dei quali finora l’intervento non c’è stato. Anzi. E questi motivi sono tali, come ora vedremo, da far pensare che l’eventuale intervento richiederebbe il formarsi di un’adeguata coalizione.
E passiamo ai motivi:
a) la non-teorica possibilità che gli Stati Uniti siano considerati occupanti, e non liberatori, da un quarto almeno della popolazione siriana e anche da una parte consistente dell’opinione pubblica araba, con la prospettiva di un bis dell’Iraq;
b) l’esercito siriano in quanto ad armamento, addestramento e volontà di non cedere ai ribelli e ai loro complici è ben diverso dall’esercito iracheno e nella sua capacità operative si è assai migliorato con la guerra civile; molto hanno giocato i rifornimenti dell’Iran e della Russia (quest’ultima ha inviato ad al-Assad anche gli elicotteri Mi-25, detti pure i “carri armati del cielo”, come dimostra l’intercettazione britannica di un cargo russo diretto in Siria); in più almeno il 70% dei militari di carriera è fatto di alatiti, mentre esercito e regime sono sostenuti da una parte consistente della popolazione che non vuole vivere sotto un regime islamico;
c) la prospettiva di un intervento di non breve durata e costosissimo è accresciuta dal potenziamento dell’apparato antiaereo siriano, grazie alle forniture russe di missili Iskander, immuni ai sistema di difesa missilistica e dei micidiali missili di difesa terra-aria multi-bersaglio Pechora-2M, temuti dai vertici militari Usa;
d) l’enorme deficit degli Stati Uniti sconsiglia una nuova avventura militare nel Vicino Oriente, tant’è che l’intervento in Libia è stato effettuato dai soci della Nato; quindi l’imbarcarsi di Washington in prima persona nel pasticcio siriano potrebbe avere anche risvolti positivi per tutti i suoi molti nemici;
e) il consistente arsenale di armi chimiche della Siria, con circa cinquanta siti di stoccaggio e impianti di produzione propri, anche in zone assai popolate; per metterci subito le mani onde evitare che cadano in mani jihadiste (cosa che gli Usa pur nella loro irresponsabilità non vogliono assolutamente) e per proteggerli adeguatamente, bisognerebbe impiegare parecchie migliaia di soldati (più di 70.000, pare, e solo per questo compito); inoltre non è detto che in caso di attacco esterno occidentale Assad non decida di farne uso;
f) infine l’eventualità che un intervento occidentale in Siria non provochi una conflagrazione nella totalità del Vicino Oriente è così bassa da reputarsi inesistente.


Nella diffusione e/o ripubblicazione di questo articolo si prega di citare la fonte: www.utopiarossa.blogspot.com

RED UTOPIA ROJA - Principles / Principios / Princìpi / Principes / Princípios

a) The end does not justify the means, but the means which we use must reflect the essence of the end.

b) Support for the struggle of all peoples against imperialism and/or for their self determination, independently of their political leaderships.

c) For the autonomy and total independence from the political projects of capitalism.

d) The unity of the workers of the world - intellectual and physical workers, without ideological discrimination of any kind (apart from the basics of anti-capitalism, anti-imperialism and of socialism).

e) Fight against political bureaucracies, for direct and councils democracy.

f) Save all life on the Planet, save humanity.

(January 2010)

* * *

a) El fin no justifica los medios, y en los medios que empleamos debe estar reflejada la esencia del fin.

b) Apoyo a las luchas de todos los pueblos contra el imperialismo y/o por su autodeterminación, independientemente de sus direcciones políticas.

c) Por la autonomía y la independencia total respecto a los proyectos políticos del capitalismo.

d) Unidad del mundo del trabajo intelectual y físico, sin discriminaciones ideológicas de ningún tipo, fuera de la identidad “anticapitalista, antiimperialista y por el socialismo”.

e) Lucha contra las burocracias políticas, por la democracia directa y consejista.

f) Salvar la vida sobre la Tierra, salvar a la humanidad

(Enero de 2010)

* * *

a) Il fine non giustifica i mezzi, ma nei mezzi che impieghiamo dev’essere riflessa l’essenza del fine.

b) Sostegno alle lotte di tutti i popoli contro l’imperialismo e/o per la loro autodeterminazione, indipendentemente dalle loro direzioni politiche.

c) Per l’autonomia e l’indipendenza totale dai progetti politici del capitalismo.

d) Unità del mondo del lavoro mentale e materiale, senza discriminazioni ideologiche di alcun tipo (a parte le «basi anticapitaliste, antimperialiste e per il socialismo.

e) Lotta contro le burocrazie politiche, per la democrazia diretta e consigliare.

f) Salvare la vita sulla Terra, salvare l’umanità.

(Gennaio 2010)

* * *

a) La fin ne justifie pas les moyens, et dans les moyens que nous utilisons doit apparaître l'essence de la fin projetée.

b) Appui aux luttes de tous les peuples menées contre l'impérialisme et/ou pour leur autodétermination, indépendamment de leurs directions politiques.

c) Pour l'autonomie et la totale indépendance par rapport aux projets politiques du capitalisme.

d) Unité du monde du travail intellectuel et manuel, sans discriminations idéologiques d'aucun type, en dehors de l'identité "anticapitaliste, anti-impérialiste et pour le socialisme".

e) Lutte contre les bureaucraties politiques, et pour la démocratie directe et conseilliste.

f) Sauver la vie sur Terre, sauver l'Humanité.

(Janvier 2010)

* * *

a) O fim não justifica os médios, e os médios utilizados devem reflectir a essência do fim.

b) Apoio às lutas de todos os povos contra o imperialismo e/ou pela auto-determinação, independentemente das direcções políticas deles.

c) Pela autonomia e a independência respeito total para com os projectos políticos do capitalismo.

d) Unidade do mundo do trabalho intelectual e físico, sem discriminações ideológicas de nenhum tipo, fora da identidade “anti-capitalista, anti-imperialista e pelo socialismo”.

e) Luta contra as burocracias políticas, pela democracia directa e dos conselhos.

f) Salvar a vida na Terra, salvar a humanidade.

(Janeiro de 2010)