L’associazione Utopia Rossa lavora e lotta per l’unità dei movimenti rivoluzionari di tutto il mondo in una nuova internazionale: la Quinta. Al suo interno convivono felicemente – con un progetto internazionalista e princìpi di etica politica – persone di provenienza marxista e libertaria, anarcocomunista, situazionista, femminista, trotskista, guevarista, leninista, credente e atea, oltre a liberi pensatori. Non succedeva dai tempi della Prima internazionale.

PER SAPERNE DI PIÙ CI SONO UNA COLLANA DI LIBRI E UN BLOG IN VARIE LINGUE…

ČESKÝDEUTSCHENGLISHESPAÑOLFRANÇAISPOLSKIPORTUGUÊSΕΛΛΗΝΙΚΆРУССКИЙ

domenica 10 novembre 2019

GESÙ E I SUOI «CUGINI»

dal libro di Roberto Massari

Introibo (teste Paulo)

Alle prime due volte in assoluto (cioè nella storia) in cui nel Nuovo Testamento si afferma che Gesù ebbe dei fratelli è molto facile assegnare delle date e un nome.
La prima volta, intorno alla Pasqua del 54, nella lettera che Paolo scrisse ai giudeo-cristiani di Corinto da Efeso o dalla Macedonia. L’Apostolo delle genti rivendicava il diritto per i propri seguaci di portare con sé le compagne o le mogli come già facevano «gli altri apostoli e i fratelli del Signore» (1Cor 9: 5).
La seconda volta fu più o meno nello stesso periodo o poco dopo, raccontando alla comunità dei galati la sua prima visita a Gerusalemme, quando aveva incontrato «Giacomo, il fratello del Signore» (Gal 1: 19).

Paolo ha lasciato scritto anche come nacque Gesù, avendo Dio inviato «il suo Figlio nato da donna, nato sotto la Legge» (Gal 4: 4): quindi nessun accenno a miracoli o futuri miti della verginità di Maria, nessun nome di un padre «carnale» per Gesù e l’esplicito riconoscimento dell’avvenuta circoncisione secondo le prescrizioni della Torah.
Tralasciando per il momento il mito del concepimento verginale, se questo mio lavoro avesse l’unico scopo di dimostrare che Gesù ebbe dei fratelli o fratellastri uterini nati dopo la sua nascita da Maria, potrei fermarmi qui e chiudere il libro. Risparmierei a me la ricerca e al lettore il lungo viaggio nella tradizione esegetica normalmente evocata da coloro che nel passato già difesero la testimonianza paolina. Ma ci risparmieremmo anche l’altra esegesi, quella che l’apologetica cattolica ha prodotto dal III-IV sec. in poi, e continua a produrre ancora nel Terzo millennio, per dimostrare che Gesù non ebbe fratelli/fratellastri e che Maria rimase «sempre vergine». L’argomento principe della dottrina cattolica è infatti che gli evangelisti, scrivendo (in greco) riguardo ai fratelli di Gesù, intendevano parlare in realtà di «cugini» (secondo alcuni) o di non meglio precisati «parenti» (secondo altri), scontando un limite linguistico dell’aramaico che non ha un termine specifico per «cugino» e quindi può confondere i due gradi di parentela.
Per questo affermo che il libro potrebbe fermarsi qui, giacché la questione è risolta da quasi duemila anni grazie a Paolo e alle sue due lettere scritte tra il 54 e il 55. Nella storia, quindi, i primi cenni all’esistenza di fratelli di Gesù li dobbiamo a un celebre ebreo (tribù di Beniamino), forse della Cilicia (ex regno seleucide), grecofono bilingue (At 21: 40), conoscitore di altri idiomi (forse il siriaco), ma che scriveva solo in greco.
È anche escluso che egli si fosse fatto influenzare da un presunto «errore» degli evangelisti, che parlano normalmente di fratelli (e sorelle) di Gesù, con Marco e Matteo che ne elencano addirittura i quattro nomi: nel 54-55 i vangeli ancora non erano stati scritti, con l’eccezione di Mc, che comparve più o meno nello stesso periodo riscuotendo il plauso di Paolo (come dimostrerò), privo comunque di qualsiasi riferimento alla nascita di Gesù o alla verginità di Maria, sia per il concepimento sia per il resto della vita.
È decisivo invece il fatto che Paolo incontrò di persona Giacomo come capo della comunità gerosolimitana in almeno tre occasioni ufficiali (Gal 1: 18-19; 2: 1-10; At 21: 17-26). Non aveva quindi bisogno di consultare testi per sapere se Giacomo fosse veramente fratello di Gesù e figlio di Maria. Non doveva nemmeno chiederglielo, perché lo «stato di famiglia» gesuano poteva essere solo arcinoto nell’ecclesia di Gerusalemme. E in realtà Paolo non ci ha lasciato solo una «notizia», di cui valutare filologicamente l’attendibilità, ma una testimonianza diretta, di vita vissuta a tutti gli effetti. Senza contare il fatto che stiamo parlando di un testimone d’eccezione: il fondatore del cristianesimo.

lunedì 4 novembre 2019

Tratado para radicales libres

Actualización en tres campos de acción

por Tito Alvarado

Introducción
A partir de lo elaborado por Saul Alinsky (1909-1972), conocido como Tratado para radicales, hacemos una actualización, previo traducir el texto de Alinsky, del inglés al español. A diario nos enteramos de movilizaciones, se apaga una y aparece otra. Hablamos de gente movilizada en diversos lugares por diversas causas.

Hay algunos lineamientos generales que debemos tener en cuenta, primero está la causa, luego la respuesta, reaccionamos a un desquicio del sistema, este detalle no se aprecia en toda su magnitud, se tiende a luchar por la causa inmediata, desvinculada de la totalidad, que es el sistema que produce, a diario, atropellos contra el buen vivir de la gente.

Entregamos una traducción al español de las reglas escritas por Alinsky y desarrollaremos una actualización del Tratado para radicales, en tres campos específicos: 
A) Acción en la calle
B) Dominio del discurso
C) Contrarrestar los medios de comunicación

Hasta la fecha, demasiadas veces hemos puesto los muertos, los heridos, en suma la sangre y el cuerpo. Nos conformamos con victorias pequeñas. El mundo avanza hacia un desastre cuyas consecuencias pueden terminar con la civilización humana, en otras palabras: asistimos a nuestro propio exterminio. El capitalismo nos está matando.

La historia del siglo pasado muestra portentosas victorias, como también colosales derrotas. No son las ideas lo que ha fallado, es el factor humano. Muchas veces nuestros análisis no han sido correctos, así como, demasiados líderes sucumben ante su propio ego.

No son salvadores lo que necesitamos, necesitamos mayor conciencia, buscar juntos las soluciones, ver lo particular en la perspectiva general, en otras palabras, se trata de actuar en forma local con una visión global y actuar en forma global con una visión local.

martedì 22 ottobre 2019

Carta de un habitante del Sur del mundo


[por Marcelo Colussi]


Hallada en el baño de un restaurante de baja calidad en un barrio popular de Rawalpindi, Pakistán. Escrita a mano en perfecto francés con tinta color azul. Autor anónimo.

Dirigida a quien quiera leerla
(pero especialmente a los ciudadanos del Norte)

No soy blanco. 
Aclaro esto desde un principio para que se entienda bien quién escribe esto, y por qué lo escribe. No ser blanco significa que no pertenezco a ese 30 por ciento de privilegiados -si es que así se le puede llamar- que no se siente discriminado por el simple hecho de tener un determinado color de piel. No ser blanco, es decir: ser oriental, negro, indio, árabe, mestizo o todo tipo de combinación que se desee, es ya un estigma imposible de borrar. Los que sufrimos este estigma, los que padecemos esa pesada carga día a día, somos muchos, muchísimos. Somos, especialmente, los que vivimos en el Sur del mundo (África, buena parte de Asia, Latinoamérica y el Caribe, Oceanía y sus islas). Y representamos mucha gente, la enorme mayoría de la población del planeta. 
POBREZA ABSOLUTA
Es muy impreciso decir "el Sur", por supuesto. Pero da una idea bastante aproximada del problema en ciernes: ser del Sur es, en términos generales, no ser blanco y formar parte de ese 70 por ciento de población planetaria que vive en condiciones infrahumanas, que no sabe si al día siguiente va tener para comer, que no sabe cuándo va a desencadenarse la próxima guerra, ni por qué (guerra que, por supuesto, no ganaremos y nos dejará con más problemas de los que ya tenemos). Ser del Sur es formar parte del enorme grupo de los que no saben leer ni escribir -y que constituye un vergonzantemente alto porcentaje de la Humanidad- o que, si llegamos a la lecto-escritura, somos unos analfabetos en la tecnología de avanzada que no dominamos. Ser del Sur significa que en un 50 por ciento de los casos se sufre desnutrición o malnutrición. Sí, sí como lo están leyendo: ¡desnutrición! Desnutrición en un mundo que se permite gastar cantidades demenciales de dinero en armas (35.000 dólares por segundo), o en productos innecesarios, un mundo que produce el doble de la cantidad de alimentos necesarios para alimentar perfectamente a todos sus habitantes, pero que dadas las injusticias reinantes condena de hambre a una inmensa cantidad de seres humanos, que se da el lujo (¿eso es un lujo?) de arrojar comida a la basura o tener mucha gente obesa, mientras a muchos nos falta un simple pedazo de pan. Un mundo en el que un perrito de un hogar término medio del Norte come un promedio anual de carne roja superior a un habitante de nuestras tierras. Mundo -ya que hablamos de hambre hablemos también de sed- donde hay habitantes que utilizan un promedio de cien litros diarios de agua, mientras otros tenemos que conformarnos con escasos cinco litros, o menos. No lo entiendo: se busca agua en el planeta Marte, pero nos olvidamos que en la Tierra hay gente sedienta. Y, por supuesto, esos sedientos están en estas latitudes australes. 

domenica 13 ottobre 2019

Ecuador-Haití: dos historias distintas, dos realidades de rebelión

por Tito Alvarado
11 octubre 2019
Ecuador, Haití, dos historias distintas, dos pueblos con diversidad cultural, dos realidades de rebelión. Cuando la paciencia se agota, se expresa la voluntad popular en la calle, el poder responde con represión. Ocuparse de otros asuntos en estos momentos es mirar para otro lado. En estas realidades no hay nada más importante, es un asunto de vida. ¿Qué es la democracia para quienes están en el poder? El gobierno de los iguales, donde la gente de a pie no tiene manera de expresar sus intereses y menos que estos sean respetados.
¿Son creíbles gobiernos que trabajan en contra de los intereses de las mayorías? ¿son nacionales gobiernos que se arrodillan ante leyes de mercado que impone el más fuerte? ¿hay inteligencia en gobiernos que no atienden la educación de sus respectivos pueblos? ¿se puede esperar algo distinto de quienes defienden intereses económicos por sobre las necesidades humanas?

sabato 12 ottobre 2019

Ecuador: le radici della sollevazione amerindia contro Lenin Moreno

di Andrea Vento
La sollevazione popolare scoppiata il 3 ottobre in Ecuador a seguito dell'approvazione da parte del presidente Lenin Moreno del Paquetazo, il pacchetto di misure economiche draconiane imposto dal Fmi a seguito della concessione nel marzo scorso di un prestito di 4,2 miliardi di dollari, rappresentano l'inevitabile conclusione di un percorso iniziato negli anni precedenti. Dopo 10 anni di presidenza di Rafael Correa, venne individuato dal partito di sinistra, Alianza Pais, proprio Lenin Moreno come suo successore con l'onere di proseguire la "revoluciòn ciudadana", inaugurata dallo stesso Correa oltre un decennio prima. Una presidenza progressista quella di Correa, che interrompeva la serie di governi di destra e neo-liberisti succedutesi dal 1979 dopo la fine della dittatura, con un netto segno di discontinuità politica ma che al termine dei suoi 3 mandati presidenziali lasciava un bilancio con luci ed ombre. Se da un lato infatti Correa aveva rotto la tradizionale subalternità del paese andino all'influenza geopolitica statunitense sostenendo il progetto di integrazione regionale solidale dell'Alba, l'Alleanza Bolivariana dei Popoli di Nostra America, promosso da Hugo Chavez e da Fidel Castro e aveva con coraggio ottenuto la riduzione del debito pubblico estero del 30% attraverso un legale auditoria con i creditori e, addirittura, fatto smantellare la base Usa di Manta nel 2009 non rinnovandone la concessione dei terreni, dall'altro ha continuato sulla strada delle politiche economiche estrattiviste, causa di devastazioni ambientali e di drenaggio di risorse da parte delle multinazionali, entrando in rotta di collisione con la Conaie, la potente Confederazione delle Nazionalità Indigene dell'Ecuador, fino al ritiro dell'appoggio di quest'ultima al governo Correa nel maggio del 2008. Le comunità indigene, dopo un anno e mezzo dall'inizio del suo primo mandato, non hanno più sostenuto il governo Correa a causa della sua politica economica perché, nonostante fosse basata sull’idea di ridistribuzione della ricchezza, la sua visione rimaneva centralista, sviluppista e di mercatoquindi diametralmente opposta rispetto alla cosmovisione amerindia. 

mercoledì 9 ottobre 2019

El INTERNET Y SUS MITOS

Por Marcelo Colussi

Un cuchillo puede servir para cortar la comida…, o para apuñalar a alguien. Del mismo modo, la energía nuclear puede servir para alumbrar toda una ciudad, o para hacerla volar por el aire. Conclusión: la tecnología en sí misma, permítasenos apelar a este maniqueísmo un tanto reduccionista, no es ni “buena” ni “mala”. El aprovechamiento de los avances técnicos está en función del proyecto humano en que se despliegan. Los instrumentos que el ser humano va creando, desde la primera piedra afilada del Homo Habilis hasta la más sofisticada estación espacial actual, son herramientas que ayudan a la vida. Las herramientas no tienen un valor por sí mismas: son la perspectiva ética, el modelo de ser humano y de sociedad a la que sirven, quienes les da su valor.
Es importante empezar diciendo esto para aclarar un mito que se ha venido dibujando en el mundo moderno, el mundo de la industria basado en la siempre creciente revolución científico-técnica: el mito de la tecnología y del progreso sin par.

mercoledì 2 ottobre 2019

Greta Thunberg, “cambio climático” y capitalismo

por Marcelo Colussi
La “Flor de las Indias”, como las llamara Marco Polo cuando las conoció, es decir: las mil doscientas pequeñas islas e islotes de coral desperdigadas por el Océano Indico más conocidas como Islas Maldivas, con sus 400.000 habitantes (hoy día paraíso turístico … para quienes pueden pagar el viaje), están condenadas a desaparecer bajo las aguas oceánicas en un lapso no mayor de 40 años si continúa el calentamiento global de nuestro planeta -fundamentalmente debido a la sobreemisión de gases de efecto invernadero, en especial de dióxido de carbono (CO2)- y el consecuente derretimiento de casquetes polares y glaciares con el subsiguiente aumento de la masa líquida de la superficie terrestre. Lo curioso -¿tragicómico?, ¿incomprensible?- es que los habitantes de esta región geográfica no han vertido prácticamente ni un gramo de este agente contaminante.

venerdì 27 settembre 2019

Una marea verde di oltre un milione di Giovani per il Futuro invade le piazze italiane, di Piero Bernocchi

E circa 200 mila lavoratori/trici scioperano, per la prima volta in Italia e in Europa, per fermare i cambi climatici e la devastazione ambientale.
E’ stata una giornata davvero memorabile quella di oggi: una marea verde di oltre un milione di studenti, giovani e giovanissimi in lotta per difendere il proprio e l’altrui futuro dalle devastazioni ambientali, ha invaso le piazze e le strade di circa 180 città italiane (come partecipazione al primo posto Roma, seguita da Milano, Napoli, Torino ecc.), con una mobilitazione che ha superato quelle di ogni altra nazione ed ha ricordato i momenti migliori del movimento noglobal dei primi anni Duemila. Ma nella giornata si è verificato un altro evento senza precedenti né in Italia né in Europa: circa duecentomila lavoratori/trici hanno scioperato per la prima volta contro le devastazioni ambientali e i cambi climatici, affiancandosi alla lotta dei Giovani per il Futuro. Particolarmente rilevante la mobilitazione della scuola, indetta dai COBAS e, a seguire, da vari altri sindacati, con una partecipazione inimmaginabile solo fino a pochi mesi fa e di importanza cruciale perché la scuola è l’istituzione-chiave per il gravoso ed epocale compito di informare ed educare  le nuove generazioni sull’insostenibilità degli attuali modelli di sviluppo e di consumo e sulla urgente necessità di modificarli radicalmente. Cambiamenti climatici, enormi quantità di rifiuti, produzione energetica attraverso i combustibili fossili, Grandi opere costose, inutili e dannose, saccheggio dei territori, scriteriate attività estrattive, produzioni dannose ed inquinanti, iperconsumi: in questi mesi, a partire dal successo clamoroso dei Venerdì per il Futuro di Greta, milioni di persone hanno preso coscienza che tutti questi elementi sono interconnessi in un sistema che sta portando l’intera società verso il collasso. Ma tali elementi distruttivi - la cui responsabilità principale è dei poteri “forti” politici ed economici, dei governi e dei grandi conglomerati industriali e finanziari che seguono la logica del profitto capitalistico - coinvolgono direttamente anche centinaia di milioni di cittadini dei paesi più ricchi, che hanno introiettato e praticano sistemi di vita e di consumo disastrosi. La modifica di tali sistemi è il vero tema posto con forza da FFF e da noi raccolto con l'intento di dare un contributo alla costruzione di un grande movimento che coinvolga anche il mondo del lavoro dipendente e che si connetta con gli altri movimenti che confliggono con l’attuale sistema, poiché, tutte le principali contraddizioni presenti nel capitalismo sono tra di loro collegate e devono trovare risposta in un movimento plurale e profondamente democratico. La sete del profitto ad ogni costo, la mercificazione di tutto l’esistente, l’esclusione di intere popolazioni dai processi decisionali - con le conseguenze di guerre, crescente divario tra ricchi e poveri, carestie, malattie endemiche e profonde ingiustizie sociali - sono le forze motrici che stanno distruggendo l’ambiente.
Ma, se siamo convinti che una immane impresa come quella di modificare i sistemi di vita di miliardi di persone non può avvenire con mezzi repressivi, allora l’informazione, l’educazione ambientale, l’istruzione corretta sono le armi fondamentali, oltre alla lotta incessante ai poteri politici ed economici che vogliono conservare lo stato di cose presente, magari sostituendo al “capitalismo nero” (fondato sul petrolio) il rampante e affamato “capitalismo verde”. E dove se non nella scuola dovrebbe avvenire questo profondo e costante lavoro educativo, con docenti, Ata e studenti impegnati insieme in esso? Per quel che ci riguarda, oltre a proseguire il nostro impegno contro le devastazioni ambientali e le Grandi Opere dannose, lavoreremo per consentire alla scuola di svolgere tale lavoro fondamentale, diffondendo ovunque, grazie al CESP (la nostra struttura culturale e formativa), convegni e seminari con docenti, Ata e studenti impegnati ad affrontare i temi della lotta per la difesa dell’ambiente, quali il superamento dei combustibili fossili, l’abbandono della perversa logica delle Grandi opere, la lotta al consumismo che produce montagne di rifiuti e brucia risorse non rinnovabili e fomenta la guerra dei penultimi contro gli ultimi nella scala sociale provocando rabbia, odio e infelicità diffusa nell’impossibilità di stare al passo dei consumi. E senza mai dimenticare che, a nostro avviso, non è possibile una vera salvaguardia ambientale senza giustizia sociale e una profonda trasformazione strutturale che faccia prevalere la difesa dei Beni comuni sulla logica capitalistica del profitto e della mercificazione globale.
Piero Bernocchi portavoce nazionale COBAS


Nella diffusione e/o ripubblicazione di questo articolo si prega di citare la fonte: www.utopiarossa.blogspot.com

lunedì 9 settembre 2019

MENTRE IL GOVERNO SI PREPARA A RILANCIARE LA TRATTA…

di Antonio Marchi 

L'articolo che qui presento - scritto da Sara De Carli per il sito di Vita Bookazine - anche se «vecchio» di parecchi mesi, rimane di grave e urgente attualità. E questo perchè nonostante il cambio di Governo continuano le logiche criminali che da tempo noi di Utopia rossa stiamo denunciando riguardo al traffico di esseri umani che sta alla base degli imbarchi con i relativi sbarchi (si vedano gli interventi di Roberto Massari e del medico del Ghana in un precedente articolo di UR). È la logica del «salviamoli quando sono a bordo delle navi», senza alzare lo sguardo oltre i mareggi del Mediterraneo, su come e perché quella povera gente si è venuta a trovare in condizioni ancor più disperate di quelle in cui normalmente vive. Non si vuole capire che le persone a bordo delle navi (comprese quelle delle Ong integralmente inserite nella tratta) sono vittime di organizzazioni criminali che da anni hanno avviato questo traffico, proficuo solo per loro e certamente per i governi africani locali che non fanno nulla per porvi termine.
L’articolo di Sara De Carli porta in evidenza una delle tante realtà che si nascondono dietro questo traffico di esseri umani. Le vittime - che per ora sono decine e decine di migliaia ma col tempo e con la connivenza dei governi europei (italiano in prima fila) diventeranno centinaia di migliaia - sono povere persone, tradite nei loro giusti intenti dalla propaganda di viaggi facili, di approdi a un futuro luminoso. Credono al racconto favolistico di una vita degna di essere vissuta per poi scoprire le varie fasi dell’inganno: dai lagher di attesa nel Nordafrica (dove vengono depredati/e di ogni cosa, costretti/e a lavoro schiavistico e a prostituirsi), alla traversata su imbarcazioni di fortuna o a bordo delle complici Ong. I dati forniti di recente sulle migliaia di persone morte in mare fino ad oggi (quindi prima di arrivare ai porti europei!) sono mostruose, dovrebbero rivoltare la coscienza di qualsiasi essere umano e basterebbero da sole a giustificare un intervento contro le mafie euro-africane che gestiscono la tratta.
Con il buonismo non si spezza una simile rete criminale. La storia ce lo ha insegnato. Un crimine contro l’umanità va affrontato e risolto con altri mezzi. Massari ne aveva indicato uno abbastanza semplice ed efficace: formare una task force che uccida gli «scafisti» appena usciti in acque internazionali e poi sequestrare tutte le imbarcazioni (Ong comprese) che partecipano al traffico. Basterebbe uccidere una prima dozzina di scafisti su due o tre imbarcazioni uscite dalle acque libiche o tunisine e immediatamente il traffico cesserebbe. Gli scafisti, infatti, sono tutto meno che degli eroi. Di recente invece un tribunale di Palermo ha mandato assolti 7 scafisti che erano arrivati in Sicilia con 36 cadaveri a bordo… Altro che buonismo e rispetto della legge! Qui siamo alla più infame connivenza.
Ovviamente l’eliminazione fisica degli scafisti  dev'essere seguìta dallo sbarco in Italia dei poveracci che sono a bordo, impegnandoisi a offrire loro un’alternativa di vita civile e non minacciandoli di rimpatrio come avviene ora per molti di loro.
Attenzione al rimpatrio, perché con i suoi costi esosi e irrazionali (come gli straordinari in massa alle forze dell’ordine che al momento lo Stato non riesce nemmeno a pagare o i viaggi in prima classe dei poliziotti al ritorno) anche il rimpatrio rientra nella logica «economica» del traffico di esseri umani.
A volte sembra che si lascino sbarcare questi poveracci proprio per speculare sul loro rimpatrio. E ci si chiede quale sadismo può spingere a rimpatriare della gente che per giungere fin qui si è privata di tutto ciò che possedeva, ha fatto prostituire le proprie donne, ha rubato i soldi da pagare ai negrieri e ha vissuto per periodi in condizioni di schiavitù. Sembra incredibile, ma c’è chi guadagna anche sui rimpatri.
Giorni fa ho fatto un appello perché si smetta di essere moralmente complici di questo crimine contro l’umanità. Ho ricevuto molti attestati di solidarietà ma continuiamo a trovarci nell'impotenza, a fare da semplici spettatori mentre l’attenzione viene concentrata tutta - volutamente - sul dilemma sbarchi sì o sbarchi no. E il risultato per il momento è che si riapre la filiera dei «trasporti» assistiti dalle Ong e dalla Marina militare, che è come dire al traffico di esseri umani: forza, moltiplicatevi. E questo messaggio sta già arrivando aille centinaia di miiioni di africani e asiatici che stanno cercando a loro volta di arrivare in Tunisia o in Libia, cosdti quel che costi. Mi vergogno per i politici (parlamentari, membri del Governo, responsabii dei partiti, ma anche dirigenti delle forze dell’ordine) che ne hanno la responsabilità in prima persona.

Racconto la tratta, perché nei villaggi della Nigeria nessuno sa la verità
13 febbraio 2017 

Blessing Okoedion è nigeriana, ha trent'anni ed è una mediatrice culturale. È stata vittima della tratta, ingannata, nonostante la sua laurea. In Italia sono 70mila le donne vittime della tratta, di cui la metà giovani nigeriane. «Nei villaggi i trafficanti appaiono come salvatori, con 40 euro si prendono una ragazza. Ma è forse una colpa vivere in un villaggio e non sapere l'inglese?». Lei si è liberata e ha raccontato la sua storia in un libro

Come ho fatto ad essere così stupida? Come ho fatto a fidarmi e a non accorgermene? Inizia con queste domande la testimonianza di Blessing Okoedion, una ragazza di trent’anni, nigeriana. Oggi è una mediatrice culturale, nel suo passato ci sono la strada e la prostituzione. Blessing è una ex vittima della tratta. È arrivata in Italia nel 2013, ingannata da una donna che lei ora definisce un «lupo travestito da agnello». Ha una laurea in informatica Blessing, ma non è bastato a riconoscere l’inganno, tanto era studiato il “travestimento”: «appena ho capito quale lavoro avrei dovuto fare, qui in Italia, non facevo altro che ripetermi “come ho fatto”, “come può essermi successa questa cosa”». La catena di Blessing era un debito da 65mila euro, così le disse quella donna che l’aveva ingannata. Lei ha avuto la forza di romperla, denunciando e ricominciando una nuova vita. E raccontando la sua storia in un libro appena pubblicato, Il coraggio della libertà (edizioni Paoline) scritto insieme alla giornalista Anna Pozzi.
Nel mondo sono almeno 21 milioni le persone vittime di tratta, per il 70% donne e bambini. «Tratta» significa persone trafficate e sfruttate, prevalentemente per sesso e lavoro servile: ogni due minuti, nel mondo, c’è un bambino che viene sfruttato sessualmente. È un giro d’affari che vale 32 miliardi di dollari l’anno e che in Europa vale più del traffico di droga o d’armi. Se ne è parlato nel convegno «Migrazioni e traffico di persone», a Milano. È un fenomeno che tocca anche l’Italia, in ogni sua zona. Solo in Italia sono 50-70mila le donne vittime della tratta, circa la metà giovani nigeriane: ogni mese qui in Italia da loro si acquistano 9-10 milioni di prestazioni sessuali. Lo sfruttamento del lavoro riguarda invece 150mila persone: lavoro schiavo, non semplicemente lavoro nero, con sottrazione di documenti, salario di poche decine di euro per 12 ore di lavoro, condizioni abitative disumane, fornitura di beni di prima necessità obbligatoria e a caro prezzo. Basta un dato per capire quanto la tratta ci riguardi: le donne nigeriane sbarcate in Italia nel 2016 sono state 11mila: erano la metà (5.600) l’anno prima. Molte di loro, come Blessing, si chiedono «come è possibile».
Come è possibile? «Tante persone in Nigeria hanno sentito parlare della tratta. Ma nelle città. Nessuno va nei villaggi a raccontare. I trafficanti sanno che non possono più prendere ragazze in città, ma nei villaggi questi appaiono come gli unici salvatori. I nostri villaggi sono abbandonati dalle autorità, i trafficanti arrivano, promettono un lavoro, magari come baby sitter. Sono una mano tesa per persone abbandonate a loro stesse, l’unica mano tesa. Con quaranta euro si prendono una ragazza», racconta Blessing. La sua voce si leva forte, potente: «Ma è forse un peccato vivere in un villaggio? Non parlare inglese? Perché lì nessuno racconta la verità? Perché nessuno spiega a queste ragazze e alle loro famiglie cosa sia la tratta?».
Il problema che Blessing denuncia - tecnicamente lo chiamano «gap informativo» - è un nodo cruciale delle migrazioni odierne e dei tentativi di arginare i numeri del traffico di esseri umani, tant'è che l'OIM-Organizzazione Mondiale per le Migrazioni ha avviato una campagna informativa sui social chiedendo a migranti arrivati in Italia di registrare una brevissima testimonianza in cui raccontino la verità su ciò che hanno passato in Libia, perché «chi parte non sa cosa lo aspetta», afferma Flavio Di Giacomo, portavoce OIM. Il progetto si chiama Aware Migrants. Non sanno, dice Di Giacomo senza mezzi termini, che «la Libia è inferno. I migranti vengono picchiati, rinchiusi nei campi, gli viene chiesto di pagare un riscatto, a volte lavorano ma non vengono pagati. Molti vorrebbero tornare indietro, ma a i trafficanti non vogliono che chi vede le reali condizioni della migrazione e soprattutto della traversata torni indietro per raccontarlo. Chi parte non sa, parla del Mediterraneo come di un fiume, the river, c'è una sorta di marketing incentrato sulla facilità della traversata. Quando arrivano sulla spiaggia e vedono il mare e i gommoni con cui dovrebbero attraversarlo hanno paura e vorrebbero tornare indietro: ma non possono, una volta che hai pagato devi partire. Tanti hanno sul corpo i segni delle violenze, tagli su braccia e gambe, tanti hano raccontato di persone uccise perché non volevano più partire».
Ecco perché la distinzione fra migranti economici e rifugiati è stata superata dalla storia: queste persone sono partite per motivi economici, tecnicamente non sono rifugiati e non hanno diritto alla protezione internazionale, però nel loro percorso nei fatti hanno subìto una violazione dei loro diritti umani. E sono costretti a imbarcarsi. Questa è la realtà. «Non abbiamo il diritto di dire "non partite"», spiega Di Giacomo, tornando alla campagna sui social, «ma abbiamo il dovere di informare, perché tanti oggi ci dicono "non immaginavo"».
Una mano tesa Blessing l’ha trovata da suor Rita Giaretta, a Casa Rut, a Caserta. «Non volevo stare lì da loro. Altre donne, come quella che mi aveva tradita. Perché questa donna mi tende la mano? Cosa vuole da me? Io non avevo mai pensato prima che una donna e una donna cristiana potesse vendere un’altra donna: avevo paura. Non è facile avere fiducia quando sei stata tradita», racconta. Poi pian piano ha capito che Casa Rut «era una mano tesa vera, che non dà false speranze. Nelle parole delle suore di Casa Rut ho visto un messaggio, “siete capaci di cose belle, non siete condannate alla tristezza della morte, dentro di voi c’è la possibilità di una rinascita». Oggi è questo il messaggio che Blessing grida forte: «mi sto facendo voce per dire a tutte le ragazze trafficate che c’è una possibilità di rinascita. E di gioia».


Nella diffusione e/o ripubblicazione di questo articolo si prega di citare la fonte: www.utopiarossa.blogspot.com

RED UTOPIA ROJA – Principles / Principios / Princìpi / Principes / Princípios

a) The end does not justify the means, but the means which we use must reflect the essence of the end.

b) Support for the struggle of all peoples against imperialism and/or for their self determination, independently of their political leaderships.

c) For the autonomy and total independence from the political projects of capitalism.

d) The unity of the workers of the world - intellectual and physical workers, without ideological discrimination of any kind (apart from the basics of anti-capitalism, anti-imperialism and of socialism).

e) Fight against political bureaucracies, for direct and councils democracy.

f) Save all life on the Planet, save humanity.

(January 2010)

* * *

a) El fin no justifica los medios, y en los medios que empleamos debe estar reflejada la esencia del fin.

b) Apoyo a las luchas de todos los pueblos contra el imperialismo y/o por su autodeterminación, independientemente de sus direcciones políticas.

c) Por la autonomía y la independencia total respecto a los proyectos políticos del capitalismo.

d) Unidad del mundo del trabajo intelectual y físico, sin discriminaciones ideológicas de ningún tipo, fuera de la identidad “anticapitalista, antiimperialista y por el socialismo”.

e) Lucha contra las burocracias políticas, por la democracia directa y consejista.

f) Salvar la vida sobre la Tierra, salvar a la humanidad.

(Enero de 2010)

* * *

a) Il fine non giustifica i mezzi, ma nei mezzi che impieghiamo dev’essere riflessa l’essenza del fine.

b) Sostegno alle lotte di tutti i popoli contro l’imperialismo e/o per la loro autodeterminazione, indipendentemente dalle loro direzioni politiche.

c) Per l’autonomia e l’indipendenza totale dai progetti politici del capitalismo.

d) Unità del mondo del lavoro mentale e materiale, senza discriminazioni ideologiche di alcun tipo (a parte le «basi anticapitaliste, antimperialiste e per il socialismo».

e) Lotta contro le burocrazie politiche, per la democrazia diretta e consigliare.

f) Salvare la vita sulla Terra, salvare l’umanità.

(Gennaio 2010)

* * *

a) La fin ne justifie pas les moyens, et dans les moyens que nous utilisons doit apparaître l'essence de la fin projetée.

b) Appui aux luttes de tous les peuples menées contre l'impérialisme et/ou pour leur autodétermination, indépendamment de leurs directions politiques.

c) Pour l'autonomie et la totale indépendance par rapport aux projets politiques du capitalisme.

d) Unité du monde du travail intellectuel et manuel, sans discriminations idéologiques d'aucun type, en dehors de l'identité "anticapitaliste, anti-impérialiste et pour le socialisme".

e) Lutte contre les bureaucraties politiques, et pour la démocratie directe et conseilliste.

f) Sauver la vie sur Terre, sauver l'Humanité.

(Janvier 2010)

* * *

a) O fim não justifica os médios, e os médios utilizados devem reflectir a essência do fim.

b) Apoio às lutas de todos os povos contra o imperialismo e/ou pela auto-determinação, independentemente das direcções políticas deles.

c) Pela autonomia e a independência respeito total para com os projectos políticos do capitalismo.

d) Unidade do mundo do trabalho intelectual e físico, sem discriminações ideológicas de nenhum tipo, fora da identidade “anti-capitalista, anti-imperialista e pelo socialismo”.

e) Luta contra as burocracias políticas, pela democracia directa e dos conselhos.

f) Salvar a vida na Terra, salvar a humanidade.

(Janeiro de 2010)