L’associazione Utopia Rossa lavora e lotta per l’unità dei movimenti rivoluzionari di tutto il mondo in una nuova internazionale: la Quinta. Al suo interno convivono felicemente - con un progetto internazionalista e princìpi di etica politica - persone di provenienza marxista e libertaria, anarcocomunista, situazionista, femminista, trotskista, guevarista, leninista, credente e atea, oltre a liberi pensatori. Non succedeva dai tempi della Prima internazionale.



giovedì 15 marzo 2018


Andrii Ishchenko and Inna Valeshkovskaya
A regional European Assembly of Resistance (EAoR) was held in Budapest (Hungary) from March 2 to 4, 2018: a delegation of the All-Ukrainian Independent Trade Union Zahist Pratzi (“Labour Defense”), consisting of its coordinator, Andrii Ishchenko, and a member of its feminine department, Inna Valeshkovskaya, took part in its work from Ukraine. Among the participants there were representatives of the left and social organizations of Austria, Hungary, Slovenia, Spain, Czech Republic, Germany, Russia, Croatia, Serbia, France and Sweden.
As it was expected, the most heated discussion was on the “Ukrainian issue”. The representative of the pro-Russian party Union of Leftists, Sergei Markin, living outside the country, claimed that a fascist regime is already established in Ukraine and their party is being persecuted and works underground, trying to add to the text of the Final Resolution some paragraphs which would shift its emphases from classist priorities to civilizational ones.
On the contrary, I focused on the fact that the right regime in Ukraine, although slipping increasingly into authoritarianism and carrying out ultra-capitalist reforms, tries to preserve democratic decorations; however, at this time its nature is undistinguished from right-wing authoritarian regimes surrounding Ukraine (Russia, Belarus and Kazakhstan).
There are no sufficient grounds to believe that the Ukrainian regime has already turned into an open terrorist dictatorship, since there left and trade union activists can work using legal methods; they consider suicidal to enter stealth mode and will make maximum use of the remaining opportunities for a legal struggle for the Ukrainian workers rights, in spite of the growing pressure of an authoritarian and anti-democratic regime and the persecution of trade union activists in different parts of the country.
In the final text of the General Resolution of the Assembly of Resistance, as a result of an acute and open controversy and a lengthy discussion, almost all of the attendees of the meeting decided to retain its classist orientations and accents of genuine proletarian internationalism; its substance wasn’t distorted by the seeking of “progressive” imperialism and the struggle of civilizations.
Based on the results of the three-days work, the Final Declaration was adopted, in which the participants stated the crisis of the political and parliamentary left-wing practically in all countries of the world, the ubiquitous reduction of the social state (even in Sweden) and the need for joint international actions in which the “overthrow” of authoritarian systems can begin socially only with a broad, mass movement of public self-defense.

Four main directions of joint actions was adopted:

1) In the economy – the fight against the oligarchic economy and its replacement by a mixed multi-sector economy, creating a pluralistic ownership structure for broader groups of society, in other words, the necessity of freedom in organizing cooperatives in all spheres of economy;

2) In social policy – the struggle to improve the living conditions of impoverished social groups. Instead of various forms of bourgeois nationalism, racism, ethnic folly, the persecution of Roms and migrants, the most important public task of the left-wing – regardless of politics – is to ensure the cultural growth of the population, the establishment of civilian “people’s” educational structures and self-education groups;

3) In the political field – the concept of political democracy needs to be supplemented with concepts of economic and cultural democracy, so that everyone could be involved in “democracy”, and not just “elected”. Authoritarian regimes and their excluding constitutions must be rejected. Social rights should be fixed in the constitutions and implemented;

4) In the field of social base – the main keys of the anticapitalist left-wing are trade unions and public organizations. If left forces don’t act as a spokesman of the interests of people living on wages or labor incomes and unemployed workers, they will destroy themselves.

lunedì 12 marzo 2018


IN DUE LINGUE (Inglese, Italiano)
IN TWO LANGUAGES (English, Italian)

© Shlomo Cohen
Has Turkey changed under Erdoğan? The question may seem absurd only due to the habit of considering Turkey a secular and Westernised country before Erdoğan came to power.
However, this consolidated image turns out to be false. There has been a change, but not in substance: what has changed is its exteriority. In fact, albeit with periodic recourse to elections, the country has always been governed in an authoritarian way, and today this feature is only more evident and its quality is more pronounced.
Mustafa Kemal and his successors made immense efforts to westernise Turkey quickly – too quickly – and they were apparently successful. Kemalist secularism never appropriated, for example, the French model, but limited itself to putting the Turkish religious world under political and state control and banning its public manifestations.
In the end, a centuries-old national history which had too hastily been sent to the museum of past things has re-emerged with cultural, spiritual and political strength.
On the other hand, the whole history of the Turks from their departure from the steppes of Central Asia has developed under the sign of Islam, and the Kemalist revolution – also imposed bloodily – had in many respects raped the identity of what we could call the “Turkish soul”.
If we want, Atatürk himself, without moustache and Western dress, gave a certain sense of artificiality. This does not mean that there is no longer a Westernised and secular sector in Turkish society, but only that it has lost political and cultural hegemony, and in addition it has proved to be in a minority.
In 2002, the Islamic Justice and Development Party (AKP) won the elections and in a few years managed to penetrate the secular strongholds of public administration and justice that previously seemed impossible to conquer. Their power was neutralised and the same fate fell on the Armed Forces, in theory also a solid pillar and guardians of the Kemalist turnaround.
Ultimately, Erdoğan and the AKP have freed the profound sentiment of popular and Islamic Turkey, the Islamism of which – previously confined to the private sphere – has become free and of public significance.
The success is such that the portrait of Atatürk, still hanging on the walls of public offices, now no longer does damage and can remain where it is – after all it represents a moment of national victory for the Turks.
The victory of the AKP has not led to a new course of democracy, it has simply established a new cult of personality: that of Erdoğan instead of that of Mustafa Kemal. Some say that ultimately the Islamic turnaround was not an end in itself, but the instrument for the affirmation of Erdoğanism.
Now elected directly by the people, Erdoğan behaves as if he were the incarnation of the volonté générale of the Turkish nation. His power is fully consolidated: the AKP has the majority in Parliament, the Armed Forces have been tamed, the judiciary and the Constitutional Court are obedient, the mass media are mostly controlled and finally (and not least) the new masters of the country can distribute public procurement – both large and small – among their clients in peace.
One instrument in particular has shown singular effectiveness: the wide use of a rhetoric that blends victimism, neo-Ottoman arrogance, an internal-external conspiracy syndrome and the hunting of traitors.
This is an effective instrument, because it corresponds to a widespread attitude especially among the most working class, especially Anatolian, sectors and considered by many external observers as a psychological remnant of the troubled history of Ottoman imperial decline.
Treason is now perceived as present in anyone and in any sector that does not go along with the AKP. This is a very heterogeneous basin: Turkish left, Kemalists, liberals, Kurds and pro-Kurds, religious minorities such as the Alevites, the few Shiites in existence, some Armenian and/or Greek Orthodox survivors.
Traitors now include personalities who were once authoritative exponents of the AKP, but then fell into the unforgivable sin of political dissidence – albeit minimal: Abdullah Gül, one of the founders of the AKP and former president of the Republic; Bülent Arınç, also co-founder and former speaker of the Parliament; and finally Ahmet Davutoğlu, former minister of Foreign Affairs and president of the Council.
Fethullah Gülen is a well-known enemy, but it is worth recalling that without his support (due to the vast network of connections he had at his disposal) Erdoğan might not have succeeded in winning over the secular bureaucracy and the Armed Forces during the crucial period of 2011–12.
In addition there is the growing nostalgia for the Ottoman – that is Islamic imperial – period, a source of inspiration for Erdoğan’s variable and contradictory foreign policy, thanks to which Turkey remains in NATO but performs nonchalant “waltzes” with Russia.
Finally, there are the expansionist ambitions, which today are aimed at Syria, using the Kurdish obsession of Erdoğan as a pretext.


On the Kurdish problem, the initial “opening” of the Turkish president did not last long, and he returned to the most obtuse Turkish nationalism and its basic lie: the Kurds do not exist, they are simply “Mountain Turks”.
Thanks also to the previous complicity of Erdoğan with the jihadists in Syria, a situation has now arisen in which the Syrian Kurds – connected with the PKK of Turkey – are not seen as enemies either by the Kremlin or by Washington; hence Erdoğan’s swinging between Russia and the United States, welcomed by his interlocutors in an opportunistic way when convenient, but always with suspicion.
Incidentally, the Kurdish-Syrian problem is not the only one to pollute relations between Ankara and Washington: it seems that investigators of the FBI are working on a dossier on Erdoğan, his family and related entourage for a fraud involving the Turkish State Bank regarding trade with Iran, subject to the accusation of violating US sanctions and banking laws.
The problem will become tangible if there are indictments against the suspects, with the risk of US sanctions against Turkey. In this case, the question could also – in theory – be reflected on Turkish membership of NATO. If this were to happen, a further Turkish rapprochement with Russia should not be surprising, notwithstanding the unknown quantity of Russian willingness (and possibility) to accept Turkish claims on the Kurds of Syria.


Meanwhile, in Afrin things are not going very well for the troops of Ankara, struggling with a fierce resistance and technical difficulties in protecting their armoured vehicles, which in fact have suffered substantial losses. If the final battle were to arrive, the Turks would most likely win it, but at the price of very strong losses not only in terms of material resources, but also of human lives.
On the possibility or not of Russian acceptance of Turkish claims in Syria, a reflection is necessary. In Syria, Moscow has entered into agreements with the Damascus government for its geostrategic interests. The military presence of Russia requires that the country be stabilised and remain a friend; to this end there are no serious alternatives to Assad, whose government must be definitively strengthened and regain control of all Syrian territory. Not easy, but not impossible.
In light of this, Russia has no interest in supporting the Turkish claims, since it would clash with the government of Damascus leaving only a rather uncertain eventuality: that is to say that Ankara, pushing to the extreme, ends up breaking with NATO. As things stand, a prudent strategist can only wait for the fruit, in the case of maturation, to fall by itself into the metaphorical basket.
It is clear that the Afrin operation has a dual function: annihilate the Kurds in the border areas and establish a Turkish control zone in northern Syria, to be used as a basis for the anti-Assad jihadists supported by Ankara – perhaps giving Turkey the hegemony over what remains of Jihadism in Syria.
This would mean prolonging the Syrian conflict and nullifying government victories supported by the Russians. It follows that the Afrin operation goes against the interests of Russia: this is enough to disprove certain rumours about a prior agreement between Erdoğan and Putin.
It seems that the Assad regime has facilitated the transfer of Kurdish fighters in the Afrin area, and the logic of this initiative is clear: for now Kurdish ambitions do not threaten Damascus, but the same cannot be said in the case of a Turkish victory.
In the meantime, it looks like the Kurds have ceded some territories in the Aleppo area to government control. And if, as the al-Masdar agency claims, the Kurds will hand over the city of Manbij – a clear Turkish target – to the government in the near future, then it would mean that in order to continue Turkey would also go against Russia.


Here things become complicated for Russian policy, which is moving on a kind of tightrope. On the one hand, without Turkish cooperation the stability of Syria remains at risk; on the other hand, Ankara’s initiatives are at odds with this cooperation.
In addition, Moscow will have to avoid direct confrontation between Syrian and Turkish troops, and not only because the Syrians would have the worst of it: besides the serious deterioration of relations between Russia and Turkey (and so much for Syrian stabilisation), Moscow would receive not resistible pressure from Damascus and Tehran for its intervention, with potentially dangerous US countermoves.
But Turkey also has an interest in non-deterioration of its relations with Russia. The situation appears to be one of stalemate, but Moscow would have at least one chance to negotiate – especially if Kurdish resistance caused the Turks very heavy losses.
It would be a question of leveraging two factors: the fact that Ankara would still have achieved the objective of securing the Syrian border by blocking supplies between the Kurds of Syria and the PKK, as well as the costs – and dangers – that going beyond would imply.
At the same time, Moscow could act on the Kurds of Syria underlining the convenience of abandoning risky initiatives solicited by the United States – which would then leave them to their destiny – and convincing them, moreover, to soften their attitude towards the government of Damascus, because an agreement with it could have calming effects on Turkey.
A corollary would be to persuade Damascus to accept for the moment (and under Russian protection) both a Turkish presence in the north and the concession to the Kurds of some autonomy that would not be dangerous for the interests of Ankara.


IN DUE LINGUE (Italiano, Inglese)

© Shlomo Cohen
È cambiata la Turchia sotto Erdoğan? La domanda può apparire assurda solo per l’abitudine di considerare la Turchia, prima che Erdoğan salisse al potere, un Paese laico e occidentalizzato.
Tuttavia, quest’immagine consolidata si rivela falsa. Il cambiamento c’è stato, ma non nella sostanza: a cambiare è stata l’esteriorità. Infatti, pur col periodico ricorso alle elezioni, il Paese è sempre stato governato in modo autoritario, e oggi questa caratteristica è soltanto più evidente e maggiore è la sua qualità.
Mustafa Kemal e i suoi successori hanno compiuto sforzi immensi per occidentalizzare la Turchia in tempi brevi - troppo brevi - e apparentemente avevano avuto successo. La laicità kemalista non ha mai fatto proprio, per esempio, il modello francese, ma si è limitata a mettere sotto controllo politico e statale il mondo religioso turco e vietare le sue manifestazioni pubbliche.
Alla fine una plurisecolare storia nazionale, che con troppa fretta era stata destinata al museo delle cose passate, è riemersa con forza culturale, spirituale e politica.
D’altronde tutta la storia dei Turchi, dalla loro uscita dalle steppe dell’Asia centrale, si era sviluppata sotto il segno dell’Islam, e la rivoluzione kemalista - imposta anche sanguinosamente - aveva per vari aspetti violentato l’identità di quella che potremmo chiamare “anima turca”.
Se vogliamo lo stesso Atatürk, senza baffi e vestito all’occidentale, dava una certa sensazione di artificiosità. Questo non significa che non esista più un settore occidentalizzato e laico nella società turca, ma solo che esso ha perduto l’egemonia politica e culturale, rivelandosi per giunta minoritario.
Nel 2002 l’islamico Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (Akp) vinse le elezioni e in pochi anni riuscì a penetrare nelle roccaforti laiche dell’amministrazione pubblica e della giustizia che in precedenza sembravano impossibili da conquistare. Il loro potere fu neutralizzato e la stessa sorte toccò alle Forze armate, anch’esse in teoria solido pilastro e guardiane della svolta kemalista.
In definitiva, Erdoğan e l’Akp hanno liberato il sentimento profondo della Turchia popolare e islamica, il cui islamismo - prima confinato nella sfera privata - è diventato libero e di rilevanza pubblica.
Il successo risulta tale che il ritratto di Atatürk, ancora appeso alle pareti degli uffici pubblici, ormai non fa più danni e può restare dove si trova - in fondo rappresenta un momento di vittoria nazionale per i Turchi.
La vittoria dell’Akp non ha portato a un nuovo corso di democrazia, si è semplicemente affermato un nuovo culto della personalità: quella di Erdoğan invece di quella di Mustafa Kemal. Qualcuno afferma che in definitiva la svolta islamica non è stata fine a se stessa, bensì lo strumento per l’affermazione dell’erdoğanismo.
Ormai eletto direttamente dal popolo, Erdoğan si comporta come se fosse l’incarnazione della volonté générale della nazione turca. Il suo potere è pienamente consolidato: l’Akp ha la maggioranza in Parlamento, le Forze armate sono state domate, la magistratura e la Corte costituzionale sono obbedienti, i mass media sono per lo più controllati e infine (e non da ultimo) i nuovi padroni del Paese possono distribuire in tutta tranquillità gli appalti pubblici - piccoli e grandi - fra i loro clienti.
Uno strumento in particolare ha manifestato una singolare efficacia: l’ampio uso di una retorica che fonde vittimismo, arroganza neo-ottomana, sindrome da complotto interno-esterno e caccia ai traditori.
Si tratta di uno strumento efficace, perché corrisponde a un atteggiamento diffuso soprattutto fra gli strati più popolari, specialmente anatolici, e considerato da molti osservatori esterni un residuo psicologico della travagliata storia del declino imperiale ottomano.
Ormai il tradimento è percepito come presente in chiunque e in qualsiasi settore non conforme all’Akp. Si tratta di un bacino molto eterogeneo: sinistra turca, kemalisti, liberali, Curdi e filo-curdi, minoranze religiose come gli Aleviti, i pochi Sciiti esistenti, qualche superstite Armeno e/o Greco ortodosso.
Fra i traditori sono state incluse personalità che un tempo furono autorevoli esponenti dell’Akp, poi incorse nell’imperdonabile colpa della dissidenza politica - seppur minima: Abdullah Gül, tra i fondatori dell’Akp ed ex presidente della Repubblica; Bülent Arınç, anch’egli cofondatore ed ex speaker del Parlamento; e infine Ahmet Davutoğlu, ex ministro degli Esteri e presidente del Consiglio.
Fethullah Gülen è un nemico arcinoto, ma non è inutile ricordare che senza il suo appoggio (per la vasta rete di collegamenti di cui disponeva) Erdoğan forse non sarebbe riuscito a vincere la burocrazia laica e le Forze armate nel cruciale periodo 2011-12.
In aggiunta c’è la crescente nostalgia per il periodo ottomano - cioè imperiale islamico - fonte di ispirazione della variabile e contraddittoria politica estera di Erdoğan, grazie alla quale la Turchia resta nella Nato, ma compie disinvolti “giri di valzer” con la Russia.
Infine vi sono le velleità d’espansione, oggi rivolte alla Siria prendendo a pretesto l’ossessione curda di Erdoğan.


Sul problema curdo le iniziali “aperture” del Presidente turco sono durate poco, ed egli è tornato al più ottuso nazionalismo turco e alla sua menzogna di base: i Curdi non esistono, sono semplicemente “Turchi di montagna”.
Adesso, grazie anche alle precedenti complicità di Erdoğan con i jihadisti in Siria, si è creata una situazione per cui i Curdi siriani - collegati col Pkk di Turchia - non sono visti come nemici né dal Cremlino né da Washington; di qui l’altalena di Erdoğan fra Russia e Stati Uniti, accolta dai suoi interlocutori in modo opportunista quando conveniente, ma sempre con diffidenza.
Per inciso, il problema curdo-siriano non è l’unico ad inquinare le relazioni tra Ankara e Washington: sembra che gli investigatori del Fbi stiano lavorando a un dossier su Erdoğan, la sua famiglia e i membri del relativo entourage per una truffa che coinvolge la Banca di Stato turca in materia di commercio con l’Iran, suscettibile dell’accusa di violare le sanzioni e le leggi bancarie degli Usa.
Il problema diventerà concreto se vi saranno incriminazioni contro gli indagati, col rischio di sanzioni statunitensi alla Turchia. In tal caso la questione potrebbe anche riflettersi - teoricamente - sull’appartenenza turca alla Nato. Se questo avvenisse, un ulteriore avvicinamento turco alla Russia non dovrebbe stupire, ferma restando l’incognita della disponibilità (e possibilità) russa ad accogliere le pretese turche sui Curdi di Siria.


Intanto ad Afrin le cose non vanno benissimo per le truppe di Ankara, alle prese con una resistenza accanita e difficoltà tecniche nella protezione dei propri mezzi corazzati, che difatti hanno subito perdite ingenti. Se si arrivasse alla battaglia finale, i Turchi con tutta probabilità la vincerebbero, ma a prezzo di fortissime perdite non solo in termini di mezzi materiali, ma anche di proprie vite umane.
Sulla possibilità o meno di accoglimento russo delle pretese turche in Siria bisogna fare una riflessione. In Siria, Mosca ha stipulato accordi col governo di Damasco per i propri interessi geostrategici. La presenza militare della Russia richiede che il Paese sia stabilizzato e rimanga amico; a questo fine non ci sono alternative serie ad Assad, il cui governo deve essere definitivamente rafforzato e recuperare il controllo dell’intero territorio siriano. Cosa non facile, ma nemmeno impossibile.
Alla luce di ciò, la Russia non ha alcun interesse ad appoggiare le pretese turche, poiché andrebbe ad urtare col governo damasceno per disporre unicamente di un’eventualità piuttosto aleatoria: vale a dire che Ankara, spingendosi all’estremo, finisca col rompere con la Nato. Allo stato delle cose, uno stratega accorto può soltanto attendere che il frutto, in caso di maturazione, cada da sé nella metaforica cesta.
È chiaro che l’operazione Afrin ha una duplice funzione: annientare i Curdi nelle zone di frontiera e realizzare una zona di controllo turco nella Siria settentrionale, da usare come base per i jihadisti anti-Assad sostenuti da Ankara - magari dando alla Turchia l’egemonia su quel che resta del jihadismo in Siria.
Ciò significherebbe prolungare il conflitto siriano e vanificare le vittorie governative appoggiate dai Russi. Ne consegue che l’operazione Afrin va contro gli interessi della Russia: è quanto basta per smentire certe dicerie riguardo un preventivo accordo fra Erdoğan e Putin.
Sembra che il regime di Assad abbia facilitato il trasferimento di combattenti curdi nella zona di Afrin, e la logica di tale iniziativa è palese: al momento le velleità curde non minacciano Damasco, mentre lo stesso non può dirsi per il caso di una vittoria turca.
Nel frattempo pare che i Curdi abbiano ceduto al controllo dei governativi alcuni territori nell’area di Aleppo. E se, come sostiene l’agenzia al-Masdar, i Curdi prossimamente consegneranno ai governativi la città di Manbij - un chiaro obiettivo turco - allora vorrebbe dire che per proseguire la Turchia dovrebbe mettersi contro anche la Russia.


Qui le cose si fanno complicate per la politica russa, che si trova a muoversi su una specie di filo del rasoio. Da un lato, senza cooperazione turca la stabilità della Siria resta a rischio, dall’altro, le iniziative di Ankara sono in contrasto con tale cooperazione.
In più, Mosca dovrà evitare lo scontro diretto fra truppe siriane e turche, e non solo perché i Siriani avrebbero la peggio: oltre al grave deterioramento dei rapporti fra Russia e Turchia (con tanti saluti alla stabilizzazione siriana), Mosca riceverebbe da Damasco e Teheran non resistibili pressioni per un suo intervento, con possibili e pericolose contromosse statunitensi.
Ma anche la Turchia ha interesse a non deteriorare i suoi rapporti con la Russia. Sembra esservi una situazione di stallo, tuttavia Mosca disporrebbe di almeno una possibilità di trattativa - soprattutto se la resistenza curda causasse ai Turchi perdite molto pesanti.
Si tratterebbe di far leva su due fattori: il fatto che Ankara avrebbe comunque conseguito l’obiettivo di mettere in sicurezza il confine siriano bloccando i rifornimenti fra Curdi di Siria e Pkk, nonché i costi - e i pericoli - che lo spingersi oltre implicherebbe.
Parallelamente, Mosca potrebbe agire sui Curdi di Siria sottolineando la convenienza ad abbandonare le iniziative azzardate sollecitate dagli Stati Uniti - che poi con disinvoltura li abbandonerebbero al loro destino - e convincendoli, inoltre, ad ammorbidire l’atteggiamento verso il governo di Damasco, poiché un accordo con esso potrebbe avere effetti tranquillizzanti sulla Turchia.
Come corollario ci sarebbe da persuadere Damasco ad accettare al momento (e sotto protezione russa) sia una presenza turca nel nord che la concessione ai Curdi di una qualche autonomia che non risulti pericolosa per gli interessi di Ankara.

giovedì 8 marzo 2018


© Altan
Innanzitutto, i numeri giusti per la giusta finalità
Cosa ci interessa sapere dei risultati delle elezioni politiche? Ovviamente, la distribuzione dei seggi delle Camere fra i diversi partiti, fatto determinante - si presume - della composizione del governo. Il «si presume» consegue dalla possibilità che infine, constatata l’impossibilità o inopportunità di un governo politico, si formi una maggioranza favorevole a un governo «tecnico» o, meglio, tecnocratico, o qualche genere di pasticcio trasformistico. Eventualità da non scartare, visti i risultati di queste elezioni politiche.
Quindi, per il fine istituzionale della composizione delle Camere, della maggioranza e del governo, i numeri da considerare sono quelli forniti dal Ministero dell’Interno e dai mass media, di pronta disponibilità per chiunque. Le percentuali dei partiti sono calcolate sui voti validi.
Se, invece, si considerano le elezioni come una sorta di gigantesco sondaggio sulle opinioni politiche dei cittadini, allora quel che non si deve fare è ragionare a partire dalle percentuali calcolate sui voti validi. Occorre avere la pazienza di ricalcolare le percentuali in rapporto all’elettorato totale, di tutti i cittadini che hanno diritto di voto, astenuti compresi, qui indicati come adv: solo in questo modo ci si potrà fare un’idea corretta della «presa» dei diversi partiti sull’elettorato. Se si compie questa operazione, i risultati possono essere sorprendenti e importanti le implicazioni politiche. Ad esempio, facendo i calcoli sull’elettorato totale, in un passato non remoto sarebbe stato difficile parlare di «regime» berlusconiano, tesi mirante a giustificare la partecipazione di Rifondazione comunista, Comunisti italiani e Verdi ai governi nazionali e locali di centro-sinistra (i valori assoluti e le percentuali del 2018 si basano sui risultati elettorali per la Camera della quasi totalità delle sezioni: nel computo ne mancano meno di cento).

Continua a crescere l’astensione
Occorre tener conto che, a causa del carattere truffaldino delle leggi elettorali che si sono succedute in Italia nell’ultimo quarto di secolo, la rappresentanza parlamentare non riflette il voto popolare: le diverse espressioni del sacrosanto diritto di voto del Paese «reale» elettorale, nel Paese «legale» delle istituzioni non sono rappresentate correttamente, ovvero in modo proporzionale.
La distanza fra il voto popolare e la rappresentanza istituzionale cresce al crescere dell’astensionismo e dei voti non validi (schede bianche e nulle), fenomeno che aumenta ad ogni tornata elettorale. Nel 2013, ad esempio, si astennero dal voto 11,6 milioni di elettori, il 25% dell’elettorato, e 1,6 milioni furono le schede bianche e nulle; nel 2018 gli astenuti sono saliti a circa 14 milioni, quasi il 27% dell’elettorato globale, a cui si devono aggiungere le schede bianche e nulle. Sicché il primo «partito» italiano è in realtà quello dell’astensione. L’astensionismo non è riducibile all’obsoleta figura del qualunquismo.
Chi scrive ha trattato la questione numerose volte, per cui, a questo punto, non posso che ripetermi:
«L’equazione fra astensione e “qualunquismo”, ammesso che nella sua genericità sia mai stata valida - e non lo è stata - risulta obsoleta e inutile quando i partiti diventano organi dello Stato e il Parlamento cessa di essere cassa di risonanza, per quanto imperfetta, del conflitto sociale. Per motivi strutturali l’organo legislativo ora non è altro che la cassa di registrazione di decisioni prese al vertice dei partiti e del governo.
Al contrario, a fronte dell’oligarchia bipartitica, del trasformismo dilagante, dell’ipocrita e ignobile ricatto del “votare il meno peggio”, l’astensionismo è oggi un’elementare misura di difesa della propria autonomia di giudizio etico e politico. È una sana e progressiva reazione alla reale antipolitica, questa sì “qualunquistica”, della politica parlamentare e istituzionale» («I risultati elettorali confermano e accelerano il disfacimento del sistema parlamentare italiano», 26 febbraio 2013).

La crisi del centro-destra
La coalizione di centro-destra arresta la parabola discendente, aumentando i propri voti di 2,2 milioni relativamente alle politiche del 2013 e ottenendone 12,1 milioni - pari al 26% degli adv (37% sui voti validi) - ma nel 2008 ne aveva messi assieme 17 (il 36% degli adv).
Tuttavia il successo - molto relativo - della coalizione di centro-destra è anche un frutto avvelenato: da una parte appare come l’agonia politica terminale di Silvio Berlusconi, che ne è stato il capo e il collante per un quarto di secolo; dall’altra, e al di là del dato di queste elezioni, è improbabile che Matteo Salvini e la Lega possano svolgere il ruolo nazionale che furono di Berlusconi e FI.
Forza Italia ottenne il suo massimo successo nelle politiche del 2001: 10,9 milioni di voti, pari al 22% degli adv (risultato inferiore a quello della Dc in fase terminale, nel 1992: lo ricordo per chi blaterava di «egemonia» o «regime» berlusconiano); nel 2008 il Pdl, fusione di FI e An, ottenne 13,6 milioni di voti (il 29% degli adv), in realtà poco meno della somma dei voti per i due partiti nelle precedenti elezioni politiche.
Con 4,6 milioni di voti, nel 2018 la rinata o mai morta FI perde 2,7 milioni di voti sul risultato del 2013 e ottiene solo il 10% dei consensi sull’elettorato totale.
La Lega, invece, ottiene lo spettacolare risultato di triplicare il risultato del 2013 - ottenendo 4,8 milioni di voti in più - diventando il più forte partito del centro-destra col 12% sugli adv (17% sui voti validi). E sono consistenti i risultati conseguiti dalla Lega nel Mezzogiorno, strani per un partito nato contro i terroni: circa il 10% dei consensi per la Lega vengono da Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, segno che la linea sciovinista anti-immigrati paga, come pure quella del voto di protesta contro i partiti maggiori. Il precedente miglior risultato della Lega - allora Lega Nord - fu nel 1996, quando ottenne 3,7 milioni di voti (il 7,7% sugli adv).
Aspettando analisi più precise dei flussi di voto, ritengo che la crescita della Lega possa attribuirsi in gran parte a un rimescolamento interno all’area centrista, ovvero essenzialmente a flussi in provenienza da FI e dalla lista di Mario Monti che nel 2013 totalizzò 3,5 milioni di voti. Se questo è vero, siamo in presenza di uno spostamento verso destra all’interno dell’area centrista e di centro-destra, ma non di tutte le aree dell’elettorato.
Infine, malgrado il buon risultato nel Mezzogiorno e a meno che non stravolga completamente la propria ragion d’essere, la Lega resta un partito nordista e del Nord. Questo pone limiti obiettivi alla sua espansione elettorale, che - a parte contributi minori nel Centro e nel Sud - può avvenire soltanto nel Nord e principalmente a danno di Forza Italia e dell’area centrista.
Inoltre, seppur politicamente moribondo, è assai arduo immaginare che Silvio Berlusconi ceda le redini del centro-destra; ed è anche difficile immaginare Matteo Salvini come presidente del Consiglio dei ministri. Insomma, è possibile che queste elezioni portino a una lotta fratricida all’interno del centro-destra, il cui risultato finale non è detto sia la conferma o la crescita dei consensi registrati nel 2018.

Il crollo del centro-sinistra e in particolare del Partito democratico, non compensato da Liberi e Uguali
Il Partito democratico nacque come una sorta di realizzazione - pervertita, ma non troppo - del sogno togliattiano: l’unità fra i due grandi partiti popolari italiani, il Pci e la Dc. Nelle sue precedenti incarnazioni degli anni ‘90 del secolo scorso, quando il centro-sinistra governò l’Italia per un tempo pari a dieci volte quello del primo governo Berlusconi, esso fu responsabile di tutte le controriforme di taglio liberistico, godendo per la maggior parte del tempo anche dell’appoggio di partiti a denominazione «comunista». Infine, la grande unità si è risolta nella «democristianizzazione» del Pd, culminata nella figura di Matteo Renzi.
In Italia non abbiamo mai avuto un «regime» berlusconiano, ma una postdemocrazia di cui il centro-sinistra è stato volenteroso costruttore e pilastro.
Si può ben dire che il regime postdemocratico italiano funzioni attraverso la selezione del peggio, a destra e a manca, su tutto lo spettro partitico. È dunque «naturale» che il Pd abbia prodotto la meteorica ascesa di un personaggio come Renzi, che ha effettivamente finito per rottamare il proprio partito. Con 6,1 milioni di voti, il Pd ne perde 2,5 sul 2013 (circa un terzo dei consensi) e dimezza il risultato sul 2008. Calcolato sull’intero elettorato, il consenso per il Pd è ora giustamente sceso al 13% (il 17% sui voti validi), la metà del 25,7% del 2008 (il 33% sui voti validi). La coalizione di centro-sinistra è al 16% degli adv grazie al contributo della sua ala destra, +Europa.
Per quanto in concorrenza elettorale col Pd, chi scrive ritiene politicamente Liberi e Uguali una costola del centro-sinistra dal futuro assai incerto: ottiene il consenso del 2,4% degli adv.

Il successo del Movimento 5 Stelle
Il M5S si conferma il primo partito votato dagli italiani e con 10,7 milioni di voti aumenta il suo consenso di 1,5 milioni sul 2013; sul totale degli adv passa dal 18,5% al 23% (dal 25,6% al 32,7% sui voti validi). Rimane un contenitore dove passa di tutto e ormai anche la via più breve per fare una carriera politica. Ma è chiaro che ha guadagnato voti togliendoli principalmente al Pd, mentre a destra ne ha presi alla Lega (si veda la prima analisi dei flussi di voto dell’Istituto Cattaneo). Il partito di Grillo rimane un fenomeno assai particolare, una rivolta elettoralistica e pseudopopulistica contro la postdemocrazia costruita da centro-sinistra e centro-destra che continua a scombinare le manovre dei partiti di governo, pur avendo scarse possibilità di accedervi.
Intanto è pure un argine al voto di protesta verso i partiti di estrema destra. Ed è ovviamente uno strumento fondamentale per impedire che l’astensionismo diventi la maggioranza assoluta degli adv.

L’estrema destra fascista
Tra Forza Nuova, CasaPound e Fiamma Tricolore, nel 2013 i neofascisti ottennero complessivamente 182.566 voti, pari allo 0,4% degli adv. Nel 2018 la somma dei voti di CasaPound e Italia agli Italiani (Forza Nuova e Fiamma Tricolore) è di circa 437 mila. Si è verificato un raddoppio, che comunque porta il risultato dei gruppi neofascisti solo allo 0,9% dell’elettorato totale. Si tratta di ben poca cosa rispetto agli oltre due milioni di voti che il Msi otteneva normalmente negli anni ‘70-‘80, quasi tre nel 1972. Non è il caso di gridare al lupo. I neofascisti odierni possono essere pericolosi localmente, ma sono irrilevanti per le vicende politiche nazionali. Quel che veramente dovrebbe allarmare gli antifascisti non sono i risultati elettorali dei fascisti, ma i propri.

Miseria della sinistra
Per Potere al Popolo! mi sarei aspettato un risultato migliore: non buono, non da superare lo sbarramento, ma non proprio disastroso. Evidentemente ho sopravvalutato l’immagine dell’attivismo dal basso, perché questo risultato elettorale è una catastrofe senza appello. Ragione vorrebbe che si intraprendesse una riflessione lunga e profonda sulle ragioni del fallimento storico della sinistra post-Pci, ma dubito assai che ciò avvenga. Per farlo bisognerebbe liberarsi anche dello sciovinismo antieuropeista e del nazionalmonetarismo, nonché della simpatia per il paleoconservatorismo di Putin e per il capitalismo cinese.
PaP! ottiene 370 mila voti, pari allo 0,8% dell’elettorato totale. Questo significa un dimezzamento dei consensi sulla lista Ingroia del 2013, la riduzione a un terzo sulla lista Arcobaleno del 2008 e un crollo pari all’87% dei voti ottenuti dalla sola Rifondazione comunista nel 2006 (2,2 milioni di voti, il 4,7% degli adv; ovviamente il crollo del consenso sarebbe più ampio includendo Verdi e Comunisti italiani).
Sull’intero elettorato il sedicente Partito comunista ottiene lo 0,2%, un insulto alla memoria del vecchio Pci; Per una sinistra rivoluzionaria (somma di due gruppi di area trotskoide) ha lo 0,06%. Sono numeri così irrilevanti che la motivazione dell’uso delle elezioni al fine della propaganda rivoluzionaria appare francamente ancor più ridicolo di quanto non lo sia stato in passato.
Ebbene, dopo quarantun’anni o un’intera generazione post-Pci, dopo decenni di elettoralismo, di accordi e collaborazione col centro-sinistra nazionale, regionale e locale, il risultato è questo. Nel remoto 1976 Democrazia proletaria ottenne 557.052 voti, l’1,37% sull’elettorato totale (1,5% sui voti validi), 641.901 nel 1987 - 1,4% sull’elettorato (1,6% sui voti validi) - ultima sua partecipazione prima della confluenza con i rimasugli togliattiani e ingraiani del Pci. Benché ciò possa essere formalmente negato, sappiamo bene che per la sottocasta politica dei forchettoni rossi il termine di paragone del successo è sempre stato, in definitiva, il risultato elettorale; che la partecipazione alle elezioni è per la sinistra un dogma di forza superiore a quello della verginità di Maria per il Santo Padre; e che in nome del meno peggio tutto ciò ha portato a collaborare con il pilastro «di sinistra» della postdemocrazia. Ebbene, valutato col metro che più gli è caro, bisogna necessariamente concludere che la sinistra in tutte le sue componenti è il peggior disastro dell’intero sistema politico italiano. Si è verificata una regressione epocale non solo in termini elettorali, ma prima e più di tutto in termini di soggettività politica.

martedì 6 marzo 2018


Muchas cuestiones giran en torno al Paro Internacional de Mujeres convocado para el 8 de marzo, al que adhiero por considerarlo importantísimo aunque con algunas diferencias, porque percibo que está todo demasiado embrollado.
Un estandarte que debería mantenerse firme –porque la situación así lo exige– desde algunos sectores se desvirtúa, y demasiado para mi gusto; convengamos que son varios los movimientos feministas que se despliegan y, aunque parezca mentira, diferentes son las concepciones.
Hace unos días escuché a una mujer por televisión, invitando al paro y diciendo con una seguridad absoluta, casi como si fuera una verdad revelada: “Que ese día los padres queden al cuidado de los niños y las que no tienen marido que los dejen con la abuela”.
Yo no podía creer ese argumento y pregunto, para algún sector que sea en lucha por los derechos de la mujer –que realmente están tan demorados–, ¿las abuelas no somos mujeres, ese día nosotras sí tenemos que seguir criando?
Y me quedé pensando, además, ¿por qué las mamás no deberían atender a los niños ese día: acaso nos sentimos explotadas por ellos?
O, ¿por qué las mamás no pueden marchar con sus hijos, si sería eso uno de los mejores ejemplos para inculcarles, desde pequeños, que los derechos cuando son avasallados se exigen en las calles? No se ruegan ni se espera que caigan del cielo. Madres en lucha son maestras de la vida, nada nuevo en lo que digo.
No son los hijos los que nos ningunean: es el sistema, muchachas –a ver si lo tenemos claro de una buena vez–. Tampoco todos los hombres son explotadores, femicidas y acosadores, así como no todas las mujeres son abusadoras ni se basan en conceptos como escuché varias veces por ahí de algunas mamás, diciéndoles a sus hijas: “buscate un boludo que te mantenga”, cosa que así hizo la niña cuando creció… Y el 8M algunas aseguraron asistencia.
Los poderes dominantes tiene la propiedad del desvirtúe, generando divisiones y echando por tierra un concepto que es maravilloso además de imprescindible: la lucha por la igualdad de género. Y la igualdad es eso: igualdad, no dar vuelta la historia según nos convenga para pasar a tener el dominio absoluto que tanto decimos repudiar.
Quiénes se encolumnan detrás de las “propuestas del sistema” –como algunas ONG de las cuales ya sabemos cuál es el origen de sus financiamientos– no son sino mujeres confundidas que al final terminan siendo utilizadas por ese mismo sistema que las impulsa a deslegitimar luchas heroicas, que costaron tantas vidas a lo largo de la historia del mundo.
Creo que nos urge un debate más profundo que apunte al ojo del callo que enquistó un sistema nocivo, genocida y que sigue con su proyecto, desarticulando hasta los fines más nobles que pueda exigir el ser humano, y lo hace con una seguridad que espanta.
Por eso este “8M Paro Internacional de Mujeres” me parece perfecto que haya compañeros que quieran sumarse a la masa de mujeres movilizadas contra una sociedad patriarcal, cuya columna vertebral se encuentra en las iglesias que siguen considerando que somos el resultado de una costilla del hombre.
Iglesias que jamás tuvieron en cuenta que ese hombre se alimentó de nuestras tetas, mucho menos consideraron que gracias a su sentencia “parimos los hijos con dolor”, tal vez porque el hombre ya no podía perder más costillas…
Iglesias que jamás se manifiestan contra los femicidios y que muchas veces, a través de representantes, justificaron violaciones de niñas no quedando exentos de actos aberrantes muchos niños.
Muchas veces dije –y hoy sostengo en vísperas del 8M– que no me autodefino como feminista por considerarlo una redundancia: soy mujer comunista. Y no me vengan a decir, como escuché por ahí en medio de una maraña en un ovillo de incoherencias, que hay comunistas machistas.
No, compañeras: ser comunista es defender desde las vísceras la igualdad en todas sus formas y expresiones, tratando de aniquilar la supremacía aunque a veces, demasiadas, venga de otra mujer. Ejemplos sobran.
Marchemos juntas y juntos este 8M –madres, abuelas (cómo que no), compañeras, compañeros, hijos, hijas–, porque este sistema nos está pasando por arriba a todos y a todas.
Uno de los íconos mundiales del feminismo, Alexandra Kollontái (1872-1952), expresó:
“¿Cuál es el objetivo de las feministas burguesas? Conseguir las mismas ventajas, el mismo poder, los mismos derechos en la sociedad capitalista que poseen ahora sus maridos, padres y hermanos.
¿Cuál es el objetivo de las obreras socialistas? Abolir todo tipo de privilegios que deriven del nacimiento o de la riqueza. A la mujer obrera le es indiferente si su patrón es hombre o mujer”.
El 8M todas y todos autoconvocados contra:

• los femicidios (en 2017 se registraron 292 asesinatos de mujeres en la Argentina. Es decir que una mujer fue asesinada cada 30 horas en el país durante el año pasado);
• la brecha salarial;
• el aborto bajo la consigna: “Educación sexual para decidir, anticonceptivos para no abortar, aborto legal para no morir”.

Pero sobre todo no permitamos que este sistema excluyente siga planteándonos diferencias con el solo fin de quebrar todo principio de organización. No tengamos dudas de que si hay algo que preocupa a los tiranos es la unidad en idea y pensamiento, en actos y acciones.

mercoledì 28 febbraio 2018


IN DUE LINGUE (Inglese, Italiano)
IN TWO LANGUAGES (English, Italian)

© TIME Magazine/Marco Grob
It is not being dealt with by major media, but there appear to be new and dangerous winds of war about to blow in the eastern Mediterranean.
On October 15, 2016, in a speech at the university that (modestly) bears his name, the Turkish president outlined some lines of his new foreign policy, announcing the intention to regain territories lost by the Ottoman Empire following defeat in the First World War, with specific reference to Western Thrace and the Dodecanese, all areas belonging to Greece, in theory an ally of Turkey in NATO.
In December 2017 he was echoed by the head of the secular neo-Kemalist opposition, Kemal Kılıçdaroğlu, leader of the Republican People’s Party (CHP), who announced that Turkey would invade eighteen Greek islands in 2019 – as then Prime Minister Bülent Ecevit had done with Cyprus in 1974 – stating that “there is no document” demonstrating that these islands belong to Greece. This was to happen – and here lies the gravity of the situation – if his party (apparently Social Democratic) were to win the next elections.
Another sign came in Erdoğan’s speech on February 17 at a congress of his party (AKP) held in Eskişehir. Speaking of the military action against Syrian Kurds, he proclaimed:
“Those who think that we have erased from our hearts the lands from which we withdrew in tears a hundred years ago are wrong. We say at every opportunity we have that Syria, Iraq and other places in the geography [map] in our hearts are no different from our own homeland. Wherever the call to prayer is understood, we fight so that we do not brandish a foreign flag. What has been done so far is nothing compared with the even more imposing attacks that we expect for the coming days: God wills it!”.
Then, on his recent visit to Athens, Erdoğan had addressed – albeit only at the diplomatic level – the problem constituted by those Aegean Islands situated near Anatolia that the Treaty of Lausanne of 1923 had assigned to Greece, expressing the need for a review of that agreement.
In the meantime, it is worth noting, the final touches were being put to the sale to Turkey of the ultramodern Russian S-400 anti-missile system, an initiative highly criticised by NATO also because it is not compatible with other weapon systems used by the Atlantic Alliance.
It should be recalled that the Treaty of Lausanne – replacing the previous Treaty of Sèvres, which had been degrading for what remained of the Ottoman Empire – recognised the reconquest of the whole of Anatolia by Kemalist forces, and that in view of this the attribution to Greece of the now contested Thracian islands and territories was acceptable.
It was also a sort of sop to Athens, ruinously defeated by Atatürk after being installed with British support in the area of Smyrna, in the crazy dream of partly rebuilding the Byzantine Empire (it was the so-called Megali Idea).
The worrying episodes that form part of this pre-war climate are not lacking, and the recent confrontation in the Aegean between the Greek offshore patrol vessel 090 Gavdos and the Turkish patrol boat Umut was only one element of the series. On July 28, 2017, for example, a Turkish CN-235 spy plane was intercepted by the Greeks, and shortly afterwards, on August 12, eleven Turkish F-16 planes trespassed in Greek air space over a twelve-hour period, resulting in thirteen occasions on which as many Greek planes engaged in interception. The trespassing took place in the skies of Limnos, Lesvos, Samos and Chios.
That belligerent revanchist intentions also rub off on the Turkish opposition is serious both in and of itself, and because the neo-Kemalists would be expected to have it clear why Atatürk had warned several times not to make enemies on the borders: the good and security of Turkey.
Today, Ankara’s troops (and as many enemies) are outside the borders of the Turkish Republic in the occupied part of Cyprus, northern Syria and Iraq.
In the Iraqi area of Mosul, Turkish troops are present once again without the permission of the Baghdad government, which in fact speaks of invasion. In the Mosul region, according to former Greek Chief of Staff General Fragkos Fragkoulis, Turkey intends to secure access to Iraqi oil. Would it be a surprise if, sooner or later, Erdoğan were to claim (perhaps resorting also to military action) the entire territory of the former vilayet of Mosul, to which Kemalist Turkey effectively aspired but which was assigned to Iraq by British will?
At this point the current operation in Syria presents disturbing connotations, which could lead to international complications and bloodshed. The problem is to understand against whom the “imperial” intentions of Erdoğan are really directed.
It is now so evident that the doors of Europe are closed for Turkey that the majority of Turks themselves have stopped taking it into account, and perhaps – with the Islamist wind that is blowing – they no longer want to enter.
Another example of how political myopia strikes “indirectly”: if instead of closing up (hypocritically, without saying so) into racist xenophobia and paranoid anti-Islamism – yet having a higher, clearly deficient cultural level – European leaders had taken the opportunity to allow that country in when the assertively “moderate” Muslims still did not have power, today we would perhaps have a different situation and different problems.
And probably the AKP could have counted on one less card: dangerous wounded Turkish pride, which inevitably falls back on the old saying: “the Turk has no friend but the Turk”.
Today Erdoğan, whose popular consensus does not seem to have waned, is angry with so many: Germany, the European Union, NATO and the United States, partly because of the failed coup against him – most likely triggered by his Western “allies” – and with the addition that archenemy Fethullah Gülen continues to live peacefully in the United States. It cannot be ruled out that the hostile attitude towards Greece is part of a plan to create difficulties for NATO, of which both countries are part.
An article recently appeared in the Turkish newspaper Yeni Şafak (perfectly aligned with Erdoğan) which, while on the one hand it increased Greek concerns, on the other may provide elements of interpretation. Its author, İbrahim Karagül – an AKP “hardliner” considered the President’s unofficial spokesperson – writes that Erdoğan’s latest move follows the persistence of Western ambiguities and especially of the United States, false friend of Turkey and accomplice of the Kurdish enemy.
At this point, once the country had reunited around him, he would lead it to a new “war of independence” (after that of Atatürk), having all those who dared not to follow him classed as traitors of their country. In theory there could be neo-Kemalists among them, and perhaps (stressing perhaps) this would explain Kemal Kılıçdaroğlu’s “putting on a fierce face”. But this is not necessarily the case, because Turks are very sensitive to hyper-nationalist contagion.
On the fringes there are Erdoğan’s nods to Russia, being understood that in Moscow it is well known how unreliable the Turkish president is. But he is not behaving well even as far as Russia is concerned, as shown by the “Olive Branch” operation, which can also be seen as part of a broader strategy in which the neo-Ottoman dreams of Islamic “moderate” Erdoğan can turn into a nightmare for others.
Recent events on the battlefield of Afrin make the possibilities of an extensive confrontation between Turkish and Syrian troops anything but unrealistic.
Since it does not appear that the recent mass purges in the armed forces have reinforced its efficiency, if Syria reacts with the aid of Moscow, Erdoğan could end up calling on NATO for help, regardless of having previously pontificated that the obligations of the Atlantic Alliance do not extend to the Near East.
The Russians have so far maintained a cautious attitude, but as a successful ally of Assad they could not lose face by leaving the field open to Turkey. The fact is that it would not be Turkey that had been attacked – bearing in mind that the fighting is in Syrian and not Turkish territory –, but it would not be strange if, by turning the tables, Erdoğan were to argue (in the Israeli way) that his was a preventive action to prevent Kurdish aggression.
The Turkish President proves to be a good student of the US school of international politics – under which, when it is convenient, international law is waste paper – in the uninhibited violations of other countries’ borders, as shown by the case of armed intrusion in energy exploration in the sea around Cyprus, a sovereign country and member of the European Union, at whose door Erdoğan pretends to keep knocking.
For several days, Turkey has blockaded the drilling vessel Saipem, chartered by ENI and duly authorised by the Cypriot government, citing completely unfounded claims based on international treaties.
The 1982 Treaty of Montego Bay establishes that the sovereignty of a State extends up to 12 nautical miles from its coast; however for the specific case of the exclusive exploitation of minerals and hydrocarbons it is extended to the whole of its continental platform, to be understood as the natural extension of landmass until it is at a more or less constant depth before sinking. But arrogance always pays.
And the poor and crippled Greece, left high and dry by the European Union? It has asked the United States for protection! In fact, its right-wing Minister of Defence, Panos Kammenos, has offered the Americans new bases in the Aegean; this is a risky move given the high rate of Washington’s betrayal of its allies in their moment of need, and then because it was done precisely to infuriate the Turks.
At the worst, hope costs nothing, but in this case what the object of hope might be is not clear. Hope for Turkey getting bogged down in Syria? But even if that were the case, can we be sure that Erdoğan would not seek revenge on the very weak Greece?
Hope that, in the meantime, he will satisfy his imperial appetites in the Near East? Apart from the fact that it does not go without saying that this will happen, nevertheless, even if it were to happen, there is no guarantee that his imperial appetite would be satisfied, especially if he were really intent on reconquering former Ottoman territories lost in the Near East and Europe.
A seemingly insane design, but considering all the factors in the field – including the tried and tested unwarlike nature of the various players – it is not certain that it really is, even if the consequences would be insane.


IN DUE LINGUE (Italiano, Inglese)

© TIME Magazine/Marco Grob
Al momento i grandi media non se ne occupano, ma sembra proprio che nuovi e pericolosi venti di guerra stiano per soffiare nel Mediterraneo orientale.
Il 15 ottobre 2016, in un discorso nell’università che (modestamente) porta il suo nome, il Presidente turco ha esposto alcune linee della nuova politica estera da lui elaborata, annunciando l’intenzione di riconquistare i territori persi dall’Impero ottomano a seguito della sconfitta nella Prima guerra mondiale, con specifico riferimento alla Tracia occidentale e al Dodecanneso, tutte zone appartenenti alla Grecia, in teoria alleata della Turchia nella Nato.
Nel dicembre 2017 gli ha fatto eco il leader dell’opposizione laica neokemalista, Kemal Kılıçdaroğlu, guida del Partito Repubblicano del Popolo (Chp), annunciando che nel 2019 la Turchia avrebbe invaso diciotto isole greche - come nel 1974 l’allora primo ministro Bülent Ecevit aveva fatto con Cipro - dichiarando che «non esiste alcun documento» comprovante l’appartenenza alla Grecia di queste isole. Questo accadrebbe - e qui sta la gravità della cosa - se il suo partito (apparentemente socialdemocratico) dovesse vincere le prossime elezioni.
Un altro segnale è venuto dal discorso pronunciato da Erdoğan il 17 febbraio a un congresso del suo partito (Akp) tenutosi a Eskişehir. Parlando dell’azione militare contro i Curdi di Siria, ha proclamato:
«Coloro che pensano che abbiamo cancellato dai nostri cuori le terre da cui cent’anni fa ci siamo ritirati in lacrime si sbagliano. In ogni occasione ribadiamo che Siria, Iraq e altri luoghi della mappa dei nostri cuori non sono diversi dalla nostra stessa patria. Ovunque venga inteso l’appello alla preghiera, noi lottiamo affinché non si brandisca una bandiera straniera. Quanto fatto sinora è niente a confronto degli attacchi ancora più imponenti che prevediamo per i prossimi giorni: Dio lo vuole!».
Infine, nella sua recente visita ad Atene, Erdoğan aveva affrontato - solo sul piano diplomatico, però - il problema costituito da quelle isole egee poste vicino all’Anatolia che il trattato di Losanna del 1923 aveva assegnato alla Grecia, esprimendo l’esigenza di una revisione di quell’accordo.
Nel frattempo, è utile notarlo, veniva perfezionata la vendita alla Turchia dell’ultramoderno sistema antimissile russo S-400, iniziativa criticatissima dalla Nato anche perché non compatibile con gli altri sistemi d’arma usati dall’Alleanza Atlantica.
Va ricordato che il trattato di Losanna - superando il precedente trattato di Sèvres, leonino e vessatorio per quel che restava dell’Impero ottomano - riconosceva la riconquista di tutta l’Anatolia da parte delle forze kemaliste, e che a fronte di ciò l’attribuzione alla Grecia delle isole e dei territori traci ora contestati era accettabile.
Era anche una sorta di contentino per Atene, rovinosamente sconfitta da Atatürk dopo essersi installata con l’appoggio britannico nella zona di Smirne, nel folle sogno di ricostituire in parte l’Impero bizantino (era la cosiddetta Megali Idea).
Gli episodi preoccupanti che si inquadrano in questo clima prebellico non sono mancati, e il recentissimo scontro nell’Egeo fra due pattugliatori, il greco 090 Gavdos e il turco Umut, è stato solo un elemento della serie. Il 28 luglio 2017, per esempio, un aereo spia turco CN-235 era stato intercettato dai Greci, e il 12 agosto seguente undici aerei F-16 turchi erano sconfinati per un periodo di dodici ore nello spazio greco, determinando per tredici volte altrettanti voli d’intercettazioni da parte dell’aviazione ellenica, oltre alla formale segnalazione alla Nato. Si è trattato di sconfinamenti nei cieli di Limnos, Lesvos, Samos e Chios.
Che i bellicosi propositi revanscisti contagino anche l’opposizione turca è grave sia in sé e per sé, sia per il fatto che dai neokemalisti ci si aspetterebbe che abbiano ben chiari i motivi per cui lo stesso Atatürk aveva più volte ammonito a non farsi nemici alle frontiere: il bene e la sicurezza della Turchia.
Oggi ci sono truppe di Ankara (e altrettanti nemici) fuori dai confini della Repubblica turca nella parte occupata di Cipro, nel nord della Siria e in Iraq.
Nella zona irachena di Mosul, le truppe turche sono ancora una volta presenti senza il permesso del governo di Baghdad, che infatti parla di invasione. Proprio nella regione di Mosul, secondo quanto denunciato dall’ex capo di Stato maggiore greco, il generale Fragkos Fragkoulis, la Turchia intenderebbe assicurarsi l’accesso al locale greggio iracheno. Sarebbe una sorpresa se, prima o poi, Erdoğan rivendicasse (magari ricorrendo anche ad azioni militari) l’acquisizione di tutto il territorio dell’ex vilayet di Mosul, a cui effettivamente aspirava la Turchia kemalista ma che fu assegnato all’Iraq per volere britannico?
A questo punto l’attuale operazione in Siria presenta connotati inquietanti, che potrebbero portare a complicazioni internazionali e spargimenti di sangue. Il problema è capire contro chi, realmente, vada a operare la svolta “imperiale” di Erdoğan.
Che le porte dell’Europa siano chiuse per la Turchia è ormai così evidente che in maggioranza gli stessi Turchi hanno smesso di farci conto, e forse - col vento islamista che tira - non vogliono nemmeno più entrarci.
Un altro esempio di come la miopia politica colpisca “di rimbalzo”: se invece di chiudersi (ipocritamente, senza dirlo) nella xenofobia razzista e nell’antislamismo paranoico - disponendo tuttavia di un maggior livello culturale, chiaramente deficitario - le dirigenze europee avessero colto l’occasione per ammettere quel Paese quando ancora gli islamici assertivamente “moderati” non avevano il potere, oggi avremmo forse una situazione diversa e problemi diversi.
E probabilmente l’Akp avrebbe potuto contare su una carta in meno: il pericoloso orgoglio turco ferito, che inevitabilmente ripiega sul vecchio detto «il solo amico del turco è turco».
Oggi Erdoğan, il cui consenso popolare non sembra scemato, ce l’ha con tanti: la Germania, l’Ue, la Nato e gli Stati Uniti, in parte a causa del fallito golpe contro di lui - molto probabilmente attivato dai suoi “alleati” occidentali - e con l’aggiunta che l’arcinemico Fethullah Gülen continua a vivere tranquillo negli Usa. Non si può escludere che l’atteggiamento a dir poco ostile verso la Grecia faccia parte di un disegno per mettere in difficoltà la Nato, di cui fanno parte entrambi i Paesi.
Un articolo apparso di recente sul giornale turco Yeni Şafak (perfettamente allineato con Erdoğan), se da un lato ha aumentato le preoccupazioni greche, dall’altro può fornire elementi d’interpretazione. Il suo autore, İbrahim Karagül - un “duro” dell’Akp ritenuto portavoce ufficioso del Presidente - fa capire che l’ulteriore svolta di Erdoğan fa seguito al persistere delle ambiguità occidentali e in particolar modo degli Usa, finti amici della Turchia e complici del nemico curdo.
A questo punto, una volta ricompattato il Paese attorno a sé, egli lo condurrebbe a una nuova “guerra d’indipendenza” (dopo quella di Atatürk), facendo passare per traditori della patria quanti si azzardassero a non seguirlo. In teoria fra costoro ci potrebbero essere i neokemalisti, e forse (da sottolineare il forse) questo spiegherebbe il “fare la faccia feroce” da parte di Kemal Kılıçdaroğlu. Ma non è detto che sia questo il caso, perché al contagio ipernazionalista i Turchi sono molto sensibili.
A latere ci sono le strizzatine d’occhio del nostro alla Russia, fermo restando che a Mosca si sa bene quanto sia inaffidabile il Presidente turco. Ma anche verso la Russia egli non si sta comportando bene, come dimostra l’operazione «Ramo d’ulivo», che può anche essere vista come parte di una più ampia strategia in cui i sogni neo-ottomani dell’islamico “moderato” Erdoğan possono tramutarsi in un incubo per gli altri.
I recenti eventi sul campo di battaglia di Afrin rendono tutt’altro che irrealistiche le possibilità di un ampio scontro fra truppe turche e siriane.
Poiché non sembra che le recenti epurazioni di massa nelle Forze armate ne abbiano rafforzato l’efficienza, se la Siria reagisse aiutata da Mosca, Erdoğan potrebbe finire col chiamare in aiuto la Nato, indipendentemente dall’aver in precedenza pontificato che gli obblighi dell’Alleanza Atlantica non si estendono al Vicino Oriente.
Finora i Russi hanno mantenuto un atteggiamento prudente, ma come proficui alleati di Assad non potrebbero perdere la faccia lasciando campo libero alla Turchia. Sta di fatto che non sarebbe la Turchia ad essere aggredita - si tenga a mente che si combatte in territorio siriano e non turco - ma non ci sarebbe nulla di strano se Erdoğan, rigirando la frittata, arrivasse a sostenere (alla maniera israeliana) che la sua è stata un’azione di difesa preventiva per evitare l’aggressione curda.
Il Presidente turco si rivela un buon allievo della scuola statunitense di politica internazionale - per la quale il diritto internazionale, quando conviene, è carta straccia - nelle disinvolte violazioni dei confini altrui, come dimostra il caso dell’intromissione armata nelle prospezioni energetiche nel mare attorno a Cipro, Paese sovrano e membro dell’Ue, alla cui porta Erdoğan fa finta di continuare a bussare.
Da parecchi giorni la Turchia tiene bloccata la nave Saipem, noleggiata dall’ENI e regolarmente autorizzata dal governo cipriota, adducendo pretese destituite di ogni fondamento in base ai trattati internazionali.
Il trattato di Montego Bay (1982) stabilisce che la sovranità di uno Stato si estenda fino a 12 miglia marine dalla sua costa, tuttavia per il caso specifico dello sfruttamento esclusivo di minerali ed idrocarburi viene estesa a tutta la sua piattaforma continentale, da intendersi come naturale prolungamento della terra emersa sino a che essa si trovi ad una profondità più o meno costante prima di sprofondare. Ma la prepotenza paga sempre.
E la povera e disastrata Grecia, lasciata in braghe di tela dall’Ue? Ha chiesto protezione agli Stati Uniti! In effetti il suo destrorso ministro della Difesa, Panos Kammenos, ha offerto agli Statunitensi nuove basi nell’Egeo; mossa arrischiata per il notorio alto tasso di tradimento verso gli alleati da parte di Washington nel momento del loro bisogno, e poi perché è stata messa in atto apposta per far infuriare i Turchi.
Nel peggiore dei casi sperare non costa niente, ma in questo caso non è chiaro quale potrebbe essere l’oggetto della speranza. Sperare nell’impantanamento turco in Siria? Ma quand’anche così fosse, possiamo stare sicuri che Erdoğan non cercherebbe la rivincita sulla debolissima Grecia?
Sperare che intanto egli soddisfi i suoi appetiti imperiali nel Vicino Oriente? A parte il fatto che non è detto che ciò accada, tuttavia, se anche ciò avvenisse, niente garantisce che così si plachi il suo appetito imperiale, soprattutto se fosse davvero intenzionato a riconquistare vecchi territori ottomani perduti nel Vicino Oriente e in Europa.
Un disegno in apparenza folle, ma considerati tutti i fattori in campo - fra cui la sperimentata natura imbelle di vari soggetti in gioco - non è sicuro che lo sia veramente, anche se folli ne sarebbero le conseguenze.

martedì 27 febbraio 2018

“POLITICALLY CORRECT”, by Marcelo Colussi

IN DUE LINGUE (Inglese, Spagnolo)
IN TWO LANGUAGES (English, Spanish)

Although it is not very clear – or not at all clear – what the “correct” in “politically corrrect” consists of, there is a general consensus that we must practice “correctness”, that we must be “politically correct”.
Pushed by this trend, then, we cannot say “blacks” but “people of colour” and we always have to make explicit reference to gender, among myriad others. Following the same line, we should not say “disabled” but “people with different abilities”, “homosexual” and never “poof”, and “third age” instead of “elderly” – never think of saying “old”.
In the same way, it is politically correct to talk about “indigenous peoples” instead of “Indians”, or of “sex workers” rather than “prostitutes” – of course “whores” is sacrilegious. You have never heard anyone insulting someone as “son of a sex worker!”, but that would be the correct thing to do. The word “maid” must be replaced by “domestic collaborator”, and “ex-drunk” by “recovered alcoholic”. “Transsexual” has to be used in place of the offensive “transvestite”.
The intention that underlies this practice is without doubt praiseworthy; therein lies the attempt to highlight situations of exclusion, discrimination, flagrant injustice, and giving them visibility – at least in the field of language – is already a first step in the fight for their eradication. According to this logic, using politically correct language would be one way to begin fighting for change. Now, do things really change because of a change in the way they are called?
This thus leads us to question what “political correctness” is. Is it a polite way of saying things? Is it a good, socially accepted way of presenting the facts, with diplomacy, with tact? Is it an attitude of equanimity, of equidistance from everyone? Is it a real attempt to transform injustice?
Well, it can be a first step to shedding light on certain problems, raising them for discussion, but we have to be careful not to fall into a pure cosmetic exercise: in short, a situation where change is more functional for the statu quo than real.
Incidentally, politically correct language has its roots in left-wing positions, but conservative discourse can also adopt it for cosmetic purposes. In addition to language, it is fundamentally important to change attitudes towards the phenomena in question, and the real relations of power that frame them, which in many cases are transposed into public policies.
Does the fact of saying “indigenous peoples” effectively change the social relations that marginalise the “little Indians”, the “no-good Indians”, the historically excluded? Is the social situation of women who practise prostitution improved by being called “sex workers”? How and in what way is it improved? Does changing “fatherland” into “motherland” or “fraternity” into “sorority” equate the situation of women and men and achieve real gender equality, or can it lead us into questionable quagmires?
The aim of this invasion of political correctness in our lives is to begin remedying an ancestral situation, but it also brings with it the risk of creating a new Manichaeism – unjust and absurd like all others – where what is correct (difficult to define, as always, and of course from my point of view) is in accordance with good, and the politically incorrect (a position held, of course, by others) represents bad. “Hell is other people”, said Jean-Paul Sartre sarcastically.
Like all formalities, political correctness also faces the danger of ending up being an empty and potentially dangerous gesture. Dangerous, insofar as it can help give the feeling that the essence of a problem has changed, while what has actually changed is only its name.
For example, the situation of women worldwide continues to be phenomenally different from that of men, although we insistently place the mark of gender on words; this change in language can, of course, imply a change in attitude, but it can also serve only to put a sheen on reality.
Political declarations, the pompous presentations of the United Nations or what the diplomat of a major power may express are always “politically correct”, but that does not mean that they are true. It is difficult for politics – the art of governing, of leading, of moving in the pólis – to be correct: the exercise of power is enactment of a difference of power, of asymmetric forces.
How, then, to claim being correct in something that almost by definition does not go hand in hand, or even avoids the idea of being correct? Is being politically correct not being offensive? Diplomatic discourse is for sure. Is this what we are looking for?
It is worth bearing in mind that much, if not all, of what today is claimed as “politically correct” discourse is curiously driven by the great factors of power that dominate the world. The entire field of NGOs and their donor agencies, as well as international lending agencies (IMF, World Bank, IDB), are committed to maintaining this discourse of presumed correctness, financing efforts that are made in this direction. Curious, right?
If we pretend not to discriminate, rather than insist, for example, on the gender of the words we use, we should start by seeing and creating awareness about why discrimination exists, what power relationship is at play and, in any case, what actions must be taken to put an end to that imbalance.
The use, or if you prefer abuse, of “politically correct” language reminds us of Napoleon’s words: “There is only one step from the sublime to the ridiculous”.

RED UTOPIA ROJA – Principles / Principios / Princìpi / Principes / Princípios

a) The end does not justify the means, but the means which we use must reflect the essence of the end.

b) Support for the struggle of all peoples against imperialism and/or for their self determination, independently of their political leaderships.

c) For the autonomy and total independence from the political projects of capitalism.

d) The unity of the workers of the world - intellectual and physical workers, without ideological discrimination of any kind (apart from the basics of anti-capitalism, anti-imperialism and of socialism).

e) Fight against political bureaucracies, for direct and councils democracy.

f) Save all life on the Planet, save humanity.

(January 2010)

* * *

a) El fin no justifica los medios, y en los medios que empleamos debe estar reflejada la esencia del fin.

b) Apoyo a las luchas de todos los pueblos contra el imperialismo y/o por su autodeterminación, independientemente de sus direcciones políticas.

c) Por la autonomía y la independencia total respecto a los proyectos políticos del capitalismo.

d) Unidad del mundo del trabajo intelectual y físico, sin discriminaciones ideológicas de ningún tipo, fuera de la identidad “anticapitalista, antiimperialista y por el socialismo”.

e) Lucha contra las burocracias políticas, por la democracia directa y consejista.

f) Salvar la vida sobre la Tierra, salvar a la humanidad.

(Enero de 2010)

* * *

a) Il fine non giustifica i mezzi, ma nei mezzi che impieghiamo dev’essere riflessa l’essenza del fine.

b) Sostegno alle lotte di tutti i popoli contro l’imperialismo e/o per la loro autodeterminazione, indipendentemente dalle loro direzioni politiche.

c) Per l’autonomia e l’indipendenza totale dai progetti politici del capitalismo.

d) Unità del mondo del lavoro mentale e materiale, senza discriminazioni ideologiche di alcun tipo (a parte le «basi anticapitaliste, antimperialiste e per il socialismo.

e) Lotta contro le burocrazie politiche, per la democrazia diretta e consigliare.

f) Salvare la vita sulla Terra, salvare l’umanità.

(Gennaio 2010)

* * *

a) La fin ne justifie pas les moyens, et dans les moyens que nous utilisons doit apparaître l'essence de la fin projetée.

b) Appui aux luttes de tous les peuples menées contre l'impérialisme et/ou pour leur autodétermination, indépendamment de leurs directions politiques.

c) Pour l'autonomie et la totale indépendance par rapport aux projets politiques du capitalisme.

d) Unité du monde du travail intellectuel et manuel, sans discriminations idéologiques d'aucun type, en dehors de l'identité "anticapitaliste, anti-impérialiste et pour le socialisme".

e) Lutte contre les bureaucraties politiques, et pour la démocratie directe et conseilliste.

f) Sauver la vie sur Terre, sauver l'Humanité.

(Janvier 2010)

* * *

a) O fim não justifica os médios, e os médios utilizados devem reflectir a essência do fim.

b) Apoio às lutas de todos os povos contra o imperialismo e/ou pela auto-determinação, independentemente das direcções políticas deles.

c) Pela autonomia e a independência respeito total para com os projectos políticos do capitalismo.

d) Unidade do mundo do trabalho intelectual e físico, sem discriminações ideológicas de nenhum tipo, fora da identidade “anti-capitalista, anti-imperialista e pelo socialismo”.

e) Luta contra as burocracias políticas, pela democracia directa e dos conselhos.

f) Salvar a vida na Terra, salvar a humanidade.

(Janeiro de 2010)