L'associazione Utopia Rossa lavora e lotta per l'unità dei movimenti rivoluzionari di tutto il mondo in una nuova internazionale: la Quinta. Al suo interno convivono felicemente - con un progetto internazionalista e princìpi di etica politica - persone di provenienza marxista e libertaria, anarcocomunista, situazionista, femminista, trotskista, guevarista, leninista, credente e atea, oltre a liberi pensatori. Non succedeva dai tempi della Prima internazionale.

giovedì 9 agosto 2012

SIRIA I - RIFLESSIONI SULLA SIRIA (ALLO STATO DELLE COSE), di Pier Francesco Zarcone

Nel mondo di lingua araba a una “primavera” troppo precipitosamente proclamata dai media occidentali, e da essi stucchevolmente ripetuta, è seguita la stagione delle grandi e devastanti piogge. Gli scrosci sono le gesta a tutto campo dell’estremismo islamico, che notoriamente fu istigato e armato dagli apprendisti stregoni statunitensi in funzione antisovietica ed è a tutt’oggi sovvenzionato dall’Arabia Saudita, il primo Stato islamico integralista dell’epoca contemporanea.
L’integralismo islamico, ormai saldamente impiantato nello Yemen, si sta radicando nell’Africa subsahariana (a partire dal Mali), massacra in Nigeria e sta trovando nuove forze nella guerra civile siriana. Qui ci occupiamo della Siria, rimandando ad altra occasione il discorso sull’Islam subsahariano e sulle complessità specifiche dell’area in cui opera.

Il mosaico etno-religioso siriano
Per fornire una miglior cornice alle riflessioni che seguono è necessario avere ben presente quale sia in Siria la complessità etno-religiosa. Forse in un’ottica in cui la religione fosse equivalente solo di “fatto religioso”, e l’etnia solo di “fatto etnico”, si dovrebbe parlare di complessità religiosa ed etnica. Tuttavia, a motivo dei fortissimi vincoli comunitari esistenti fra gli appartenenti alle varie confessioni religiose siriane, che si intrecciano ai vincoli tribali-famigliari e sulla base delle identità-distinzioni sono la base della dialettica “noi/gli altri”, sì da far assumere ai gruppi religiosi connotazioni assimilabili a quelle etniche, abbiamo preferito disporre gli aggettivi nel modo suddetto. Per capire come tutto questo incida sull’organizzazione sociale, e sulle esistenze individuali, si ricordi l’assoluta “normalità” dell’esistenza di quartieri urbani e villaggi separati. L’eccezione sono le convivenze in aree “miste”. 
La popolazione della Siria è in maggioranza (90%) di discendenti degli antichi Aramei, arabizzati da molti secoli; a nord-est c’e una minoranza curda di un certo rilievo (9% circa); a ovest una piccola rappresentanza armena (1%?) e alcuni turcomanni e circassi.
Più composito è il panorama delle confessioni religiose. Qui sta il vero mosaico. Almeno il 74% della popolazione (74%) è musulmana sunnita, che considera o eterodossi o eretici tout court le altre confessioni musulmane. E in Siria un buon 13% della popolazione appartiene a questo mondo discriminato dai Sunniti: abbiamo gli Alauiti, che formano un ramo specifico dello Sciismo, detengono il potere con la famiglia degli Assad e costituiscono lo zoccolo duro delle Forze Armate; gli Sciiti detti Duodecimani (come in Iran e Iraq); a sud i Drusi, sulla cui ereticità anche i simpatizzanti devono convenire; gli Sciiti Ismaeliti (il cui capo è l’Agha Khan).
Vi è poi un 10% di Siriani per lo più appartenenti alle Chiese orientali (sono presenti essenzialmente nel nord): per metà fanno parte della Chiesa Ortodossa (Patriarcato di Antiochia), ma ci sono anche quelli delle Chiese Ortodossa Siriaca, Apostolica Armena, Assira, piccole minoranze protestanti, e Cattolici di vario rito (Melchiti, Maroniti, Siri, Armeno-cattolici, Caldei). Gli Ebrei rimasti sono poche decine a Damasco e Aleppo.
La distribuzione degli elementi del suddetto mosaico risulta dalla mappa.


Il labirinto politico siriano
Il regime di Bashar al-Assad, dopo aver dato una risposta solo militare alle contestazioni di piazza essenzialmente non violente, ma senza porvi fine, si è poi trovato a fronteggiare una vera e propria rivolta armata tradottasi in guerra civile. A questo punto il regime di Damasco non ha saputo, o non ha potuto, infliggere alle opposizioni armate un colpo di maglio del tipo di quello - terrificante, spietato, di brevissima durata ma decisivo - dato nel 1982 dal vecchio Hafez al-Assad, alla città di Hama, centro dell’integralismo dei Fratelli Musulmani siriani, che avevano iniziato azioni armate contro il regime. Oggi fare il bis non è più possibile, con le due maggiori città della Siria – Damasco e Aleppo – trasformate in campi di battaglia, e la defezione di una parte dell’esercito. Oggi al-Assad sembra contrattaccare, più che attaccare dove vuole lui, ed aumenta per i suoi avversari il margine di scelta dei luoghi dello scontro.
I profughi sono ormai centinaia di migliaia, l’economia siriana è da tempo in ginocchio, il paese è nel caos, i livelli di odio e ferocia reciproca sono alle stelle, e non si vede una via d’uscita realistica. In più alla frontiera settentrionale la Turchia riscalda i muscoli (vedremo il perché in seguito), elementi delle solite forze speciali statunitensi sono all’opera nelle zone controllate dai ribelli, e questi ultimi sono armati e finanziati da due alleati arabi degli Usa, l’Arabia Saudita e il Qatar onnipresenti dovunque l’integralismo islamico possa impiantarsi e propagarsi.
I ribelli sono all’attacco, ma appaiono ancora lungi dal vincere, e l’esercito siriano continua a combattere. Dai media politicamente corretti si ricava, nella sostanza,  l’immagine di un equivalente siriano della resistenza delle forze mercenarie e tribali di Gheddafi. Si tratta di un’equiparazione facile a farsi in un’ottica semplificatrice, ma non molto corrispondente alla complessità siriana; al pari di quell’altra semplificazione che vede nella guerra civile in Siria il momento culminante di una lotta finalizzata semplicemente a far cadere un regime tirannico.
Che all’inizio sia stato così è innegabile, ma con il degenerare della situazione e l’assunzione di un carattere radicalmente sunnita – con elementi jihadisti - da parte del fronte di opposizione, la situazione è un po’ cambiata. Per quanto il regime perda pezzi eccellenti (da ultimo un Primo Ministro) ormai è in corso una guerra fra la maggioranza sunnita e le consistenti minoranze siriane, a cui forse si aggiunge ancora una parte della borghesia sunnita. Cioè a dire, detta radicalizzazione fa in modo che ben più di ieri la sorte di queste minoranze dipenda dalla tenuta del regime di al-Assad. Lo zoccolo duro dell’esercito regolare è indubbiamente formato da Alauiti e Sciiti, ma anche le altre minoranze ben sanno che l’eventuale vittoria dei ribelli vorrebbe dire lo scatenarsi di un’ondata di vendette e rappresaglie non controllabili (tanto più che è lecito dubitare dell’esistenza di una forte leadership sul versante della rivolta). Piaccia o non piaccia (a loro e agli altri) per i non Sunniti il regime resta la difesa contro l’integralismo sunnita, mai estirpato del tutto e la cui presenza va crescendo. È significativo che il ministro della Difesa, generale Daud Rayha, ucciso in un attentato il 18 luglio, fosse un Cristiano ortodosso; significativo in una duplice accezione: che fosse arrivato a quel vertice in uno Stato musulmano, e che egli – cristiano - facesse parte dell’esercito siriano.
Per il labirinto siriano non si deve solo tenere conto della possibilità (tutt’altro che teorica) dell’avvento di un altro regime tirannico, suscettibile di fare rimpiangere il precedente a chi vivrà sotto di esso; si deve altresì dare per scontato che la precedente stabilità della Siria “laica” era una garanzia di stabilità per tutto il Vicino Oriente, e che la sua fine – con una transizione al buio – darà certamente luogo a turbolenze e pericoli per tutti e di creerà nell’area tali scombussolamenti da far piangere (ancora una volta) lacrime amare sulla mancanza di classi politiche europee, nordamericane (e russe) dotate di adeguata conoscenza delle situazioni sul tappeto e di capacità per non giocarvi col fuoco. In fondo il regime degli Assad era di garanzia anche per Israele, atteso che – alla luce della fattualità della politica estera siriana, e non delle tipiche rodomontate propagandistiche arabe – l’espansionismo di Damasco, dopo aver toccato più volte con mano quanto non convenisse cozzare militarmente contro l’entità sionista, si era concentrato sul Libano, Stato artificiale creato dall’imperialismo francese dopo la Grande Guerra, su un territorio che aveva fatto parte della Grande Siria per secoli e secoli. 

Che scenari sono al momento ipotizzabili in Siria?
Attualmente non sono molti. Il primo – Assad lascia la Siria e si instaurano negoziati fra le parti in causa per una transizione pacifica – è tanto auspicabile quanto irrealista nelle condizioni attuali.
Il secondo scenario – suscettibile di verificarsi anche a prescindere da un’eventuale uscita di scena di Bashar al-Assad – consiste nella fine della recente unità territorial/politica della Siria (avvenuta solo dopo la I Guerra Mondiale), paese che ha vissuto la maggior parte degli ultimi 5.000 anni senza essere Stato sovrano. Le minoranze religiose, cioè a dire, potrebbero costituire uno Stato – magari laico - nelle aree non sunnite, come la costa con Latakya, con le montagne adiacenti, e le montagne del sud. Dalla mappa risulta una distribuzione delle componenti etno/religiose abbastanza omogenea per quanto riguarda Alauiti e Sunniti. A essere dispersi, sono invece i Cristiani. Con l’ovvio esodo (non necessariamente forzato) dei Sunniti dalla zona alauita, sarebbe possibile costituire uno Stato siro-alauita oltre tutto geograficamente contiguo all’area libanese di maggior presenza degli Sciiti Duodecimani.  
È di tutta evidenza che questo non vorrebbe dire cessazione della conflittualità armata. Anzi! Ma almeno si tratterebbe di un’entità territoriale più omogenea della Siria odierna, verso cui potrebbero migrare anche altri gruppi minoritari psicologicamente e culturalmente meglio attrezzate a convivere fra loro. 
Un terzo scenario – tutt’altro che ipotetico – è dato dall’estensione del conflitto ad altri paesi, laddove esistono comunità i cui elementi identitari le leghino a quelle siriane. La perenne polveriera libanese – dove è poderosa la presenza degli Sciiti di Hezbollah – sarebbe la prima a esplodere, e il Libano sprofonderebbe di nuovo nel caos della violenza interreligiosa.
E Israele? A parte la certezza di una sua azione aerea se ci fossero problemi concreti circa l’arsenale chimico/batteriologico siriano, è chiaro che turbolenze libanesi potrebbero provocarne l’intervento, ma i suoi problemi aumenterebbero in caso di avvento di un governo islamista a Damasco, tanto più che già i recenti avvenimenti in Egitto hanno provocato il rafforzamento militare israeliano al confine egiziano.
Il quarto e ultimo scenario oggi ipotizzabile è quello della vittoria totale dei ribelli, con inerente bagno di sangue ed esodi di massa, maggiori degli attuali. Questo per la Siria. Va poi messo in conto la diffusione del contagio islamico sunnita nei paesi circonvicini, come Libano e Giordania, ma anche Turchia, pur prescindendo da come lì andrebbe a finire per la particolare posizione dell’esercito (o di buona parte di esso). 

È campato per aria in Siria il pericolo dell’integralismo islamico?
Giorni fa al Cairo un vecchio oppositore del regime siriano (vecchio anche anagraficamente: ha 81 anni!), Haytham al-Malenteh ha annunciato di essere stato incaricato, da una coalizione di quindici personalità indipendenti senza alcuna affiliazione politica, di formare un governo transitorio della Siria. Sulla questione Il fatto quotidiano ha intervistato un altro dissidente siriano, il cristiano Bassam Ishak, attivista dei diritti umani e membro del Consiglio Nazionale Siriano (Cns) di Istanbul, finora ritenuto l’organo ufficiale della dissidenza, di cui fanno parte esponenti di tutte le comunità religiose siriane (secondo le percentuali esistenti), altresì espressione di varie correnti politiche: socialista, comunista, nazionalista, liberale, islamica. L’intervista è stata pubblicata il 7 c.m.
In essa Ishak denuncia che il gruppo da cui al-Manteh avrebbe ricevuto il predetto incarico è formato da uomini di affari siriani operanti nei Paesi del Golfo, noti per il loro supporto ai settori salafiti; e altresì come nella loro neonata organizzazione politica le minoranze siriane non siano rappresentate, a parte un Druso di facciata. Ma al-Manteh in Siria è popolarissimo, mentre i membri del Cns di Ishak sono per lo più Siriani dell’esilio; e questo incide sulla loro popolarità e incidenza.
C’era da aspettarsi che gli integralisti si muovessero politicamente, ma questo riguarda – pur senza voler disprezzare nulla – la sfera dei giochi politici preliminari all’ingresso in una “stanza dei bottoni” non ancora espugnata. Il vero problema è chi abbia in mano le armi, perché in Siria comanderà domani il vincitore armato. Non pare però che l’autodenominato Esercito Libero Siriano” a tutt’oggi risponda a una dirigenza politica, o che abbia intenzione di farlo a stretto giro. E chi sono costoro? Restando senza risposta la domanda, al rischio dell’espansione integralista a seguito dell’eventuale sconfitta di Assad, se ne aggiungono altri due: la formazione di una dittatura militare in nuce se l’Esercito Libero Siriano avesse un ferreo centro di comando, o un’instabilità di tipo vuoi libanese vuoi iraqeno in caso contrario.

Gli interessi sauditi e turchi
Nel fronte degli Stati orientali attivamente impegnati contro Assad sono presenti interessi non omogenei: quelli della Turchia sono essenzialmente tattici, a motivo dell’afflusso destabilizzante di profughi dalla Siria e del pericolo di una saldatura fra Curdi anatolici e Curdi della Siria (autoctoni o profughi); quelli di Arabia Saudita e Qatar sono invece strategici, nel quadro del mai cessato conflitto fra Sunniti e Sciiti in genere e con l’Iran in particolare, e ai fini della proliferazione dell’integralismo sunnita nell’area, la cui disastrosità è di tutta evidenza. Il rapimento dei pellegrini iraniani sulla strada per l’aeroporto di Damasco fa parte di questa lotta ed è un bruttissimo segnale.
Per la Turchia – che ha già dovuto ingoiare (o sta facendo finta di ingoiare) il rospo di un’ampia autonomia curda nel nord dell’Iraq, ed è un’autonomia che rasenta la confederazione di fatto – l’indebolimento del controllo del regime di Assad nella parte settentrionale della Siria costituisce un problema più grave di quello dell’enorme afflusso di profughi in Anatolia.    
Il fatto è che i Curdi attualmente hanno assunto il controllo del nord-est della Siria. Essi sono sunniti, non hanno particolari motivi di affezione verso i governi siriani (senza eccezioni tutti quelli succedutisi dall’indipendenza a oggi) a motivo delle discriminazioni e dei maltrattamenti cui li hanno sottoposti. I Curdi in Siria per lo più non hanno la cittadinanza e non possono lavorare in enti pubblici, non hanno assicurazione sanitaria, non possono fruire di servizi scolastici e non sono tutelati nella lingua e nella cultura. Potendo contare sui Curdi iracheni e su quelli anatolici, non è escluso che diano vita a iniziative dalle ripercussioni pericolose in Turchia. È casuale che ci sia una recrudescenza della guerriglia curda in Turchia? Non c’è bisogno della palla di vetro per ritenere che se i Curdi siriani si muoveranno male sarà realistica l’ipotesi di un intervento militare turco, la cui onda d’urto non si fermerebbe peró alla Siria, ma creerebbe grossi problemi politici e militari in Iraq al governo (filo iraniano) dello sciita Nuri al-Maliki (e l’Iraq è a maggioranza sciita).

Mentre l’indignazione ufficiale monta, le diplomazie…
I soliti “bene informati” sostengono che Assad – alla luce della concretezza degli interessi economico/energetici dei paesi occidentali, e della minore incidenza dell’indignazione delle anime belle di un’effimera opinione pubblica – sia convinto della possibilità di ripetere il bis dell’Algeria durante la terribile guerra civile di fine secolo. All’epoca, l’Algeria sprofondò in un incubo di sangue e massacri dopo che i capi delle Forze Armate vollero l’annullamento di elezioni formalmente democratiche vinte dal partito islamico, e la situazione non era molto dissimile da quella siriana attuale. Atrocità senza nome furono compiute da integralisti islamici, militari e paramilitari, e almeno 200.000 persone di ogni sesso ed età furono uccise. Ma mentre l’indignazione straniera giungeva al calor bianco, il controllo di enormi risorse di petrolio e gas naturale da parte del governo algerino fece sì che venisse lasciato libero di condurre alla sua maniera la guerra civile fino alla sconfitta totale (per il momento) degli islamisti.
La Siria sul piano energetico non è l’Algeria, però può giocare un suo ruolo geostrategico, a cui l’economia occidentale (particolarmente in una fase di acuta e diffusa crisi) non può restare indifferente. Non ci si lasci ingannare dal fatto ormai notorio dell’appoggio militare Usa ai ribelli, perché giocare contemporaneamente su più tavoli, anche senza una logica apparente, è tipico della diplomazia imperialista.   
Orbene, a giugno il giornale britannico Independent ha parlato di trattative segrete in corso fra Stati Uniti, Russia e Unione Europea per concludere un accordo che lascerebbe Assad al potere per almeno altri due anni, a fronte di concessioni siriane ad ampio spettro (includendovi l’Arabia Saudita) e di tutela degli interessi russi. In sostanza, sul tavolo dei negoziati sarebbero stati messe le seguenti ipotesi: l’Arabia Saudita e il suo alleato Qatar otterrebbero maggiori e migliori posizioni per i Sunniti in Libano e Iraq, a fronte però del riconoscimento statunitense e russo dell’influenza dell’Iran sull’Iraq; la Russia avrebbe ampie garanzie sia sul mantenimento della sua base navale siriana di Tartus, sia sui rapporti amichevoli di un eventuale nuovo regime a Damasco, quand’anche influenzato dall’Arabia Saudita, ma dovrebbe fare buon viso al vero obiettivo occidentale, per il quale Usa e Ue sarebbero disposti a lasciare ad Assad il tentativo di risolvere i suoi problemi alla maniera algerina: sono in gioco due oleodotti che li renderebbero meno dipendenti dalla Russia per gli approvvigionamenti energetici. Entrambi passerebbero per la Siria - uno proveniente dal Qatar e dall’Arabia Saudita attraverso la Giordania, e l’altro proveniente dall’Iran attraverso l’Iraq meridionale – ed entrambi destinati a raggiungere il Mediterraneo e l’Europa 
L’accordo potrebbe anche non essere raggiunto, ma un tale esito nulla toglierebbe alla esemplarità di quelle trattative.

E la sinistra araba (superstite)?
Gli avvenimenti siriani hanno causato nelle sinistre arabe, come negli altri settori laici, divisioni attorno a scelte disomogenee. Ma non è il caso di gettare la croce addosso a chi ha optato, come vedremo, per posizioni che il rigore ideologico farebbe definire quanto meno “poco corrette”. Infatti, se la coerenza ideologica è in sé un bene, sovente in rapporto alle situazioni concrete (che si sviluppano ignare delle esigenze teoriche altrui) essa può apparire come un bene astratto, e anche un male. Il fatto è che nel mondo arabo sinistre e laici vivono sulla loro pelle l’immediatezza dell’integralismo islamico, ne hanno giustamente paura e stanno vedendo a cosa porti per una vita personale e sociale libera anche quell’islamismo “moderato” che i media occidentali ancora presentano in termini benigni. La crisi siriana, con quel che sta venendo fuori, ha innescato una situazione tale (come il più delle volte è accaduto nella storia) da mostrare i limiti vuoi pragmatici vuoi teorici di ogni scelta possibile, e come in definitiva non vi sia coincidenza fra “salvezza dell’anima” e difesa del presente e del futuro.
Le posizioni esistenti nelle sinistre arabe sono in concreto tre. In primo luogo ci sono i “puristi” – minoritari - che appoggiano incondizionatamente la rivolta siriana. In genere formano l’estrema sinistra della sinistra e sono di filiazione maoista (come Via Democratica in Marocco) o trotskista (come i Socialisti Rivoluzionari egiziani e il Forum Socialista libanese). Tutti hanno relazioni con l’opposizione di sinistra siriana, ma sono ostili al Cns siriano impiantato in Turchia temendo che il loro collaborazionismo con governi o imperialisti o reazionari sia contrario agli interessi della ribellione contro Assad. Ci sono poi (ma anch’essi minoritari) quanti – fatte le debite pesature – hanno ritenuto necessitato dalla realtà l’appoggio momentaneo al governo siriano nella speranza che la rivolta (per come si è andata connotando) venga sconfitta. Poi si vedrà. Infine ci sono i fautori della cosiddetta terza via: formale opposizione al regime siriano e messa in allarme per il ripetersi di situazioni di tipo libico.
Questo sul piano degli schieramenti più o meno definiti, giacché non mancano affatto – e sono in molti – coloro che non sanno quali  “pesci” prendere. In questo settore di definito ci sono solo le preoccupazioni: per l’integralismo montante, per la militarizzazione della rivolta a scapito della politica, per l’incremento di interventi stranieri, per una situazione geopolitica che fa della Siria una pedina nello scontro fra Usa e monarchie del Golfo, da un lato, e Russia, Iran e forse anche Cina dall’altro. Per cui ne risulta una certa prudenza in relazione alla rivolta siriana che non può non assumere i connotati della presa di distanza e dell’auspicio (al momento ottimista) che dalla crisi si esca riformisticamente, e non con l’abbattimento del regime di al-Assad da parte delle milizie ribelli. 
Un tipico esempio di ciò l’ha dato nello scorso mese di maggio l’Unione Generale Tunisina del Lavoro (Ugtt), sindacato in cui è forte la presenza di elementi di sinistra. Ebbene, l’Ugtt, se ha sottolineato il valore degli interessi democratici del popolo siriano, ha anche denunciato i complotti in atto degli Stati coloniali e delle monarchie reazionarie. Prudenza fatta propria dal Partito Comunista Libanese, che non ha partecipato a nessuna delle manifestazioni svoltesi a Beirut davanti all’ambasciata siriana.       
In definitiva, un elemento accomuna per ora tutti i settori della sinistra araba, eccezion fatta per le ali estreme: la paura in un esito della crisi siriana che veda la vittoria degli interessi statunitensi e sauditi. Di modo che sono in molti a pensare, per quanto non sempre lo dicano, che la vittoria di Assad sarebbe all’atto pratico il male minore, in mancanza di altre possibili scelte.


Nella diffusione e/o ripubblicazione di questo articolo si prega di citare la fonte: www.utopiarossa.blogspot.com

RED UTOPIA ROJA - Principles / Principios / Princìpi / Principes / Princípios

a) The end does not justify the means, but the means which we use must reflect the essence of the end.

b) Support for the struggle of all peoples against imperialism and/or for their self determination, independently of their political leaderships.

c) For the autonomy and total independence from the political projects of capitalism.

d) The unity of the workers of the world - intellectual and physical workers, without ideological discrimination of any kind (apart from the basics of anti-capitalism, anti-imperialism and of socialism).

e) Fight against political bureaucracies, for direct and councils democracy.

f) Save all life on the Planet, save humanity.

(January 2010)

* * *

a) El fin no justifica los medios, y en los medios que empleamos debe estar reflejada la esencia del fin.

b) Apoyo a las luchas de todos los pueblos contra el imperialismo y/o por su autodeterminación, independientemente de sus direcciones políticas.

c) Por la autonomía y la independencia total respecto a los proyectos políticos del capitalismo.

d) Unidad del mundo del trabajo intelectual y físico, sin discriminaciones ideológicas de ningún tipo, fuera de la identidad “anticapitalista, antiimperialista y por el socialismo”.

e) Lucha contra las burocracias políticas, por la democracia directa y consejista.

f) Salvar la vida sobre la Tierra, salvar a la humanidad

(Enero de 2010)

* * *

a) Il fine non giustifica i mezzi, ma nei mezzi che impieghiamo dev’essere riflessa l’essenza del fine.

b) Sostegno alle lotte di tutti i popoli contro l’imperialismo e/o per la loro autodeterminazione, indipendentemente dalle loro direzioni politiche.

c) Per l’autonomia e l’indipendenza totale dai progetti politici del capitalismo.

d) Unità del mondo del lavoro mentale e materiale, senza discriminazioni ideologiche di alcun tipo (a parte le «basi anticapitaliste, antimperialiste e per il socialismo.

e) Lotta contro le burocrazie politiche, per la democrazia diretta e consigliare.

f) Salvare la vita sulla Terra, salvare l’umanità.

(Gennaio 2010)

* * *

a) La fin ne justifie pas les moyens, et dans les moyens que nous utilisons doit apparaître l'essence de la fin projetée.

b) Appui aux luttes de tous les peuples menées contre l'impérialisme et/ou pour leur autodétermination, indépendamment de leurs directions politiques.

c) Pour l'autonomie et la totale indépendance par rapport aux projets politiques du capitalisme.

d) Unité du monde du travail intellectuel et manuel, sans discriminations idéologiques d'aucun type, en dehors de l'identité "anticapitaliste, anti-impérialiste et pour le socialisme".

e) Lutte contre les bureaucraties politiques, et pour la démocratie directe et conseilliste.

f) Sauver la vie sur Terre, sauver l'Humanité.

(Janvier 2010)

* * *

a) O fim não justifica os médios, e os médios utilizados devem reflectir a essência do fim.

b) Apoio às lutas de todos os povos contra o imperialismo e/ou pela auto-determinação, independentemente das direcções políticas deles.

c) Pela autonomia e a independência respeito total para com os projectos políticos do capitalismo.

d) Unidade do mundo do trabalho intelectual e físico, sem discriminações ideológicas de nenhum tipo, fora da identidade “anti-capitalista, anti-imperialista e pelo socialismo”.

e) Luta contra as burocracias políticas, pela democracia directa e dos conselhos.

f) Salvar a vida na Terra, salvar a humanidade.

(Janeiro de 2010)