L'associazione Utopia Rossa lavora e lotta per l'unità dei movimenti rivoluzionari di tutto il mondo in una nuova internazionale: la Quinta. Al suo interno convivono felicemente - con un progetto internazionalista e princìpi di etica politica - persone di provenienza marxista e libertaria, anarcocomunista, situazionista, femminista, trotskista, guevarista, leninista, credente e atea, oltre a liberi pensatori. Non succedeva dai tempi della Prima internazionale.

domenica 22 aprile 2012

AHMED BEN BELLA, UNO DEI NOSTRI, di Roberto Massari

L’11 aprile 2012 è morto ad Algeri Ahmed Ben Bella. Era nato a Maghnia nel dicembre 1918. Con lui scompare uno degli ultimi grandi rivoluzionari del dopoguerra, uno dei pochi che abbiano diretto una lotta di liberazione contro l’imperialismo senza cadere nel campo stalinista o in altre forme di dipendenza dall’Urss, ma soprattutto senza rinnegare i valori originari per i quali la rivoluzione algerina era stata condotta sino alla vittoria sul colonialismo francese.
Formatosi nel movimento nazionalista di Messali Hadj, il giovane Ben Bella aveva partecipato alla fondazione del Fronte di liberazione nazionale, iniziando la lotta armata nel 1952-54. Imprigionato nel 1955, fu liberato dopo la vittoria del Fln (accordi di Evian del 1962), divenendo presidente dell’Algeria indipendente. Alla guida del Paese, contrariamente alla prassi usuale in tutte le altre rivoluzioni politiche vittoriose in paesi coloniali e neocoloniali, Ben Bella realizzò una riforma agraria molto avanzata, non rinunciando al programma di trasformazione sociale in cui credeva e in cui aveva dimostrato di credere (per es. avviando processi embrionali, ma pionieristici, di liberazione della donna algerina). Durante la lotta armata aveva accettato - lui islamico e non-marxista - la collaborazione con Michel Pablo, all’epoca dirigente della Quarta internazionale, imprigionato a sua volta per una fornitura di armi ai combattenti algerini, continuando ad avvalersi in seguito della sua consulenza.
Ben Bella non dichiarò mai apertamente un vero e proprio programma socialista per la Rivoluzione algerina, ma nella veste di Presidente cominciò a realizzare delle riforme che andavano in una direzione socialista. Per realizzare tale programma, Ben Bella dovette rompere con i comunisti prosovietici algerini (per non parlare della rottura storica con lo sciovinismo degli staliniani del Pcf che avevano addirittura osteggiato in alcune fasi la lotta di liberazione). Fra destra e sinistra, fra nazionalismo e socialismo, Ben Bella tentò di mantenere un difficile equilibrio di centro nettamente orientato a sinistra e in parte vi riuscì per la grande popolarità di cui godeva tra le masse algerine e più in generale nel movimento di emancipazione panarabo.
Nei tre anni alla guida del governo, Ben Bella stabilì rapporti molto stretti di collaborazione con la Rivoluzione cubana e in modo particolare con Che Guevara. Ormai sappiamo - per varie sue dichiarazioni e altre testimonianze - che  l’entroterra di Algeri fu per un certo periodo il luogo principale di addestramento dei guerriglieri che Cuba inviava a combattere in America latina. Questo raro esempio di internazionalismo concreto e operativo fu rivelato per la prima volta dallo stesso Ben Bella in una memoria su Guevara (scritta nel ventennale della morte - 1987 - per una commemorazione ad Atene, e da noi pubblicata in italiano in due diverse antologie sul Che) e in tempi più recenti nell’intervista a Silvia Cattori (a Ginevra, 16 aprile 2006 http://www.silviacattori.net/article3085.html).
Ad ennesima dimostrazione che un programma ardito di riforme sociali non può essere realizzato dalla borghesia nazionale nemmeno nei paesi ex coloniali senza una rottura del quadro delle compatibilità capitalistiche e a causa del suo radicalismo, il governo di Ben Bella fu rovesciato a giugno 1965 da un colpo di stato che portò al potere il ministro della Difesa, Houari Boumedienne. Il golpe troncò definitivamente qualsiasi evoluzione in senso socialista dell’Algeria, istituendo col tempo una forma specifica di capitalismo burocratico di stato, in difficile equilibrio tra il nazionalismo algerino e gli interessi petroliferi delle compagnie imperialistiche. Per molti anni Boumedienne (sino alla morte nel 1978) incarnò falsamente gli ideali di liberazione e socialismo dell’Algeria (per es. nel Movimento dei paesi cosiddetti “non-allineati”), mentre Ben Bella finiva agli arresti domiciliari sino al 1980, quando fu esiliato in Svizzera, da dove poté tornare nel 1990, sempre guardato a vista e con sospetto.
Ben Bella non ha mai rinnegato la propria visione radicale del processo di liberazione delle masse arabe. Valorizzò la propria adesione alla fede islamica, ma non volle mai confondersi con le correnti integralistiche, cresciute nel frattempo per influenza popolare nella stessa Algeria. Dal 2007 fece parte della Commissione dei Saggi in seno all’Unione africana, continuando a rivendicare la necessità di un ampio coinvolgimento delle masse arabe nel processo di liberazione dall’imperialismo.
A gennaio del 2001 Ben Bella partecipò attivamente al primo Forum mondiale di Porto Alegre, ponendo per primo la firma su un appello antimperialistico proposto dal suo vecchio compagno d’armi Douglas Bravo (testo redatto insieme a chi scrive) e diffuso tra i partecipanti al Social forum. Quella dichiarazione [che riportiamo in appendice] doveva servire a differenziare le componenti più radicalmente antimperialistiche dalle posizioni più ingenuamente pacifistiche e in ultima analisi filocapitalistiche che dominavano già allora l’orientamento dei primi Social forum. Sappiamo che quel tentativo non ha dato i risultati che si sarebbero potuti sperare, ma resta il fatto molto significativo che Ben Bella abbia fornito un  proprio contributo in tale direzione. Con lo stesso spirito egli partecipò ai lavori del Primo Incontro mondiale in difesa dell’umanità (Caracas, dicembre 2004), in un periodo di massima radicalizzazione della rivoluzione bolivariana chavista.
A questo punto va data un’ultima informazione riguardo alla volontà di Ben Bella di proseguire sino alla fine l’itinerario rivoluzionario cominciato da giovane nella lotta contro il colonialismo. Nella primavera del 2011, in occasione di una sua visita in Italia, l’ex comandante guerrigliero e dirigente di Tercer Camino, Douglas Bravo - esponente di Utopia Rossa a livello internazionale - ci informò che Ben Bella avrebbe potuto aderire a sua volta a Utopia Rossa e che glielo avrebbe proposto personalmente in occasione di un loro prossimo incontro. Ma per i problemi che Douglas ha poi avuto con la polizia venezuelana (ivi compresa la proibizione di prendere l’aereo per il suo nuovo viaggio in Italia a ottobre del 2011), quell’ultimo incontro tra i due combattenti rivoluzionari non si è verificato e quindi non si è potuta formalizzare la richiesta a Ben Bella di aderire ufficialmente al progetto rivoluzionario di Utopia Rossa.
Ma anche se l’atto formale di adesione non si è potuto realizzare in tempo prima della sua morte, dobbiamo e possiamo sentirci moralmente autorizzati a considerare questo inflessibile combattente della causa di liberazione dei popoli come il primo grande utopista rosso del mondo arabo e quindi come uno dei nostri.
Hasta siempre, compagno Ahmed Ben Bella…


DICHIARAZIONE DI PORTO ALEGRE

Poiché crediamo che un MONDO MIGLIORE SIA POSSIBILE, siamo venuti in Brasile per incontrarci a Porto Alegre, nel Forum Sociale Mondiale, con i rappresentanti di 132 popoli di tutti i continenti: popoli che lottano e si ribellano alla dittatura del capitale globalizzato che pretende cancellare i sogni e le speranze di tutti gli uomini e le nazioni. Per questo siamo venuti a Porto Alegre, per cominciare a lavorare in una comunità universale, per realizzare un mondo per tutti in cui prevalgano la libertà, il benessere e la felicità per ogni essere umano, per condurre una vita in armonia con tutti gli esseri che popolano il pianeta Terra.
Ma questo MONDO MIGLIORE è possibile se siamo capaci di organizzare la resistenza universale di tutti i popoli e le nazioni, per combattere fino alla vittoria contro l’offensiva del capitale globalizzato, impiegando tutte le energie e le risorse materiali e spirituali in un confronto generale dei valori della vita umana contro i valori della morte e della dittatura del capitale. Solo in questo modo riusciremo a salvare l’uomo e il pianeta, e a conquistare la civiltà della vita.
Diciamo queste parole a titolo individuale, come uomini impegnati che si fanno carico di tale sfida liberamente, e mettiamo in guardia sugli aspetti più critici che assume oggi il confronto tra i valori e i diritti umani, da un lato, e le forze organizzate dell’oppressione e la barbarie, dall’altro. In questo senso vogliamo far sentire la nostra voce.

Siamo a favore ed esprimiamo la nostra solidarietà:

1. Con il popolo colombiano e tutti i popoli dell’America latina e dei Caraibi, rappresentati dalle loro avanguardie rivoluzionarie che combattono contro le oligarchie e i loro alleati dell’Impero nordamericano.
2. Con il movimento indigeno che si solleva dopo 500 anni di silenzio, con il Frente zapatista in Messico, con il Movimento dei Sem Terra e gli indigeni di varie etnìe in Brasile, con i popoli Pemón, Barí e Yukpa in Venezuela, con la Federación indígena dell’Ecuador, ma anche in Bolivia e in Cile, e con tutte le minoranze autoctone, con i neri del continente, con tutti gli esclusi che si scontrano attivamente con i progetti del capitale globalizzato.
3. Con il popolo palestinese che con l’Intifada intensifica la propria battaglia per raggiungere l’indipendenza.
4. Con la marcia contro il muro dell’ignominia, convocata nell’incontro contro la globalizzazione a Belén de Pará e ratificata nel Forum Sociale Mondiale come un processo di lotta, organizzazione, resistenza e ribellione contro l’Impero capeggiato dagli Usa.
Prendiamo la parola per denunciare e pronunciarci:

1. Contro il cosiddetto «Plan Colombia», nel quale denunciamo l’aspetto militare della globalizzazione, che ha come obiettivo il genocidio del popolo colombiano, il contenimento delle lotte e delle rivolte dei popoli latinoamericani e caraibici, l’appropriazione delle materie prime (in particolare il petrolio venezuelano, l’ossigeno e l’acqua dei bacini dell’Amazzonia e dell’Orinoco). In sostanza, contro l’attuale aggressione genocida ed ecocida ai danni della vita del continente.
2. Contro il piano di ricolonizzazione di tutti i popoli e paesi del mondo, sotto la dittatura del capitale globalizzato, con a capo gli Usa, che minaccia di distruzione la vita e il pianeta Terra.
3. Contro la scienza e la tecnologia di morte, condensata nell’arsenale di distruzione biologica, chimica e galattica con il quale vengono aggrediti e minacciati tutti i popoli.
4. Contro lo Stato reazionario d’Israele, strumento dei monopoli finanziari, alleato incondizionale degli Usa e nemico dei popoli arabi.

Qui, da Porto Alegre, desideriamo ricordare a tutti i partecipanti e a tutti gli esseri umani la profezia del grande Libertador che sconfisse il colonialismo spagnolo in una grande battaglia continentale, che dobbiamo emulare per sconfiggere la dittatura del capitale globalizzato. Disse Simón Bolívar: «Gli Stati Uniti sembrano predestinati dalla Provvidenza per affogare l’America nella miseria in nome della libertà».

Proposto e firmato oggi, 30 gennaio del 2001, da quanti lo condividono, a Porto Alegre in Brasile, in occasione del Forum Sociale Mondiale convocato in risposta ai piani delle forze del capitale riunite a Davos, in Svizzera.

SÌ, UN MONDO MIGLIORE È POSSIBILE

Primi firmatari dell’appello:

Ahmed Ben Bella (Algeria), Douglas Bravo (Tercer Camino, Venezuela), Roberto Massari (Fondazione Ernesto Che Guevara, Italia), Hebe de Bonafini (Madres de la Plaza de Mayo, Argentina).

Seguono centinaia di firme di singoli delegati (come la Ministra della cultura del Mali), di movimenti e gruppi politici presenti a Porto Alegre.

Nella diffusione e/o ripubblicazione di questo articolo si prega di citare la fonte: www.utopiarossa.blogspot.com

RED UTOPIA ROJA - Principles / Principios / Princìpi / Principes / Princípios

a) The end does not justify the means, but the means which we use must reflect the essence of the end.

b) Support for the struggle of all peoples against imperialism and/or for their self determination, independently of their political leaderships.

c) For the autonomy and total independence from the political projects of capitalism.

d) The unity of the workers of the world - intellectual and physical workers, without ideological discrimination of any kind (apart from the basics of anti-capitalism, anti-imperialism and of socialism).

e) Fight against political bureaucracies, for direct and councils democracy.

f) Save all life on the Planet, save humanity.

(January 2010)

* * *

a) El fin no justifica los medios, y en los medios que empleamos debe estar reflejada la esencia del fin.

b) Apoyo a las luchas de todos los pueblos contra el imperialismo y/o por su autodeterminación, independientemente de sus direcciones políticas.

c) Por la autonomía y la independencia total respecto a los proyectos políticos del capitalismo.

d) Unidad del mundo del trabajo intelectual y físico, sin discriminaciones ideológicas de ningún tipo, fuera de la identidad “anticapitalista, antiimperialista y por el socialismo”.

e) Lucha contra las burocracias políticas, por la democracia directa y consejista.

f) Salvar la vida sobre la Tierra, salvar a la humanidad

(Enero de 2010)

* * *

a) Il fine non giustifica i mezzi, ma nei mezzi che impieghiamo dev’essere riflessa l’essenza del fine.

b) Sostegno alle lotte di tutti i popoli contro l’imperialismo e/o per la loro autodeterminazione, indipendentemente dalle loro direzioni politiche.

c) Per l’autonomia e l’indipendenza totale dai progetti politici del capitalismo.

d) Unità del mondo del lavoro mentale e materiale, senza discriminazioni ideologiche di alcun tipo (a parte le «basi anticapitaliste, antimperialiste e per il socialismo.

e) Lotta contro le burocrazie politiche, per la democrazia diretta e consigliare.

f) Salvare la vita sulla Terra, salvare l’umanità.

(Gennaio 2010)

* * *

a) La fin ne justifie pas les moyens, et dans les moyens que nous utilisons doit apparaître l'essence de la fin projetée.

b) Appui aux luttes de tous les peuples menées contre l'impérialisme et/ou pour leur autodétermination, indépendamment de leurs directions politiques.

c) Pour l'autonomie et la totale indépendance par rapport aux projets politiques du capitalisme.

d) Unité du monde du travail intellectuel et manuel, sans discriminations idéologiques d'aucun type, en dehors de l'identité "anticapitaliste, anti-impérialiste et pour le socialisme".

e) Lutte contre les bureaucraties politiques, et pour la démocratie directe et conseilliste.

f) Sauver la vie sur Terre, sauver l'Humanité.

(Janvier 2010)

* * *

a) O fim não justifica os médios, e os médios utilizados devem reflectir a essência do fim.

b) Apoio às lutas de todos os povos contra o imperialismo e/ou pela auto-determinação, independentemente das direcções políticas deles.

c) Pela autonomia e a independência respeito total para com os projectos políticos do capitalismo.

d) Unidade do mundo do trabalho intelectual e físico, sem discriminações ideológicas de nenhum tipo, fora da identidade “anti-capitalista, anti-imperialista e pelo socialismo”.

e) Luta contra as burocracias políticas, pela democracia directa e dos conselhos.

f) Salvar a vida na Terra, salvar a humanidade.

(Janeiro de 2010)