L'associazione Utopia Rossa lavora e lotta per l'unità dei movimenti rivoluzionari di tutto il mondo in una nuova internazionale: la Quinta. Al suo interno convivono felicemente - con un progetto internazionalista e princìpi di etica politica - persone di provenienza marxista e libertaria, anarcocomunista, situazionista, femminista, trotskista, guevarista, leninista, credente e atea, oltre a liberi pensatori. Non succedeva dai tempi della Prima internazionale.

sabato 13 agosto 2016

STATUA DI DONÉ E LETTERA DI OBAMA, di Roberto Massari

Martedì 9 agosto, nello studio dello scultore Carlo Pecorelli, si è svolta a Jesolo l'inaugurazione «italiana» della statua di Gino Doné, alla presenza del Vicesindaco (Roberto Rugolotto, assessore alla Cultura) e alcuni organi di stampa (La Nuova Venezia, Il Gazzettino e il Corriere della Sera). Ben presto la statua sarà imballata e spedita a Tuxpan, in Messico, dove avverrà l'inaugurazione ufficiale il 26 novembre 2016 (60° anniversario della partenza del Granma), alla presenza del Sindaco e altre autorità municipali della città, di rappresentanti dello Stato di Vera Cruz e del noto biografo del Che, Paco Ignacio Taibo II.
La Fondazione Guevara Internazionale che ha fortemente voluto e organizzato tutto ciò, sarà rappresentata a Tuxpan da un gruppo di compagni/e (provenienti da Messico, Germania, Italia e Stati Uniti), compreso il sottoscritto che tutta questa vicenda ha vissuto come un sogno, a partire dall'aprile 2013, quando cominciò questa avventura sulle rive del fiume Tuxpan.
Pecorelli è un artista informale, ma per l'occasione ha realizzato (gratuitamente e con energica passione) una statua molto somigliante a Gino (si veda il suo sorriso), in armonia con le altre statue già presenti a Tuxpan nella Casa Museo del Granma. Esse raffigurano gli altri tre non-cubani presenti nella spedizione da cui doveva nascere la Rivoluzione cubana: un messicano, un domenicano e un… argentino (sì, proprio lui). L'assenza di Gino Doné, unico europeo presente sul Granma, non aveva più alcuna giustificazione dopo la sua morte (avvenuta a marzo del 2008), e così la Fondazione Guevara ha deciso di raccogliere l'invito da parte messicana a riempire quel vuoto. Grazie a Pecorelli e ai (pochi, pochissimi) compagni che si sono impegnati nell'operazione, il vuoto storicamente ingiustificato che vi è a Tuxpan verrà colmato. Cronista infaticabile di tutta questa vicenda (così come della precedente storia di Gino) è stato Giovanni Cagnassi, giornalista de La Nuova Venezia.
La campagna finanziaria è andata più male che bene a causa del disimpegno delle associazioni e delle persone che eppure del «mito» di Gino si erano fatte araldi nel corso degli ultimi anni. Ma questo è un segno dei tempi e forse occorreva mettere in bilancio fin dall'inizio una simile insensibilità. Tuttavia, grazie ad alcune sezioni locali dell'Anpi e al contributo personale di singoli compagni, siamo intanto riusciti a pagare le spese del calco e della fusione (in polvere di marmo), mentre cerchiamo ancora i soldi per il trasporto della statua (che per ovvie ragioni è molto costoso). [Approfitto quindi dell'occasione per lanciare un nuovo accorato appello alla sottoscrizione.]
La Giunta municipale di Tuxpan ha già allestito la colonnina e lo spazio di base in cui verrà collocata la statua il 26 novembre. In quella stessa occasione si svolgerà a Tuxpan il 18° incontro annuale della Fondazione Guevara che darà appuntamento al 19° (50° anniversario della morte del Che) in località e Paese ancora da stabilire.
In previsione e in preparazione dell'evento di Tuxpan, sono state avvisate istituzioni (culturali e diplomatiche) dell'Italia e del Messico, per ottenere un loro coinvolgimento. Ed è in questo quadro che Carlo Pecorelli ha scritto anche al Presidente degli Stati Uniti, inviandogli una semplice lettera (al costo di un francobollo di 2,20 euro…), con una sintesi della personalità di Gino e dei valori in cui egli ha creduto.
E Barack Obama ha risposto personalmente con la lettera di seguito riprodotta e tradotta, dando una lezione di stile e di correttezza a tutti i nostri italianissimi piccoli burocrati di enti locali, di partiti, sindacati ecc. che invece hanno la mala abitudine di non rispondere alle lettere o di farsi pregare per avere un incontro, giacché si considerano al di sopra del comune cittadino. Almeno sotto questo profilo, Obama ha dimostrato una superiorità etica incontrovertibile rispetto alla meschina presunzione dell'accozzaglia di burocrati o aspiranti tali che soffocano creatività e libera espressione della vita culturale italiana.
Se si tiene conto, inoltre, che Obama ha preso in tempi recenti l'iniziativa di riaprire i rapporti diplomatici con Cuba, mentre si batte contro una maggioranza ultrareazionaria del Parlamento statunitense che gli impedisce di togliere definitivamente l'embargo economico contro l'Isola, si capirà il significato più autentico di questa lettera (significato che non dovrebbe sfuggire comunque agli «addetti ai lavori»): essa non rientra nella routine delle risposte formali, ma a conferma di altri discorsi tenuti dallo stesso Obama nella sua recente visita a Cuba, dichiara esplicitamente di condividere i valori riassunti da Carlo Pecorelli nella sua descrizione della personalità di Gino Doné in quanto ex partigiano e pioniere della Rivoluzione cubana. Quanta sincerità e quanto calcolo possano esservi nella risposta di Obama non spetta a noi deciderlo e in fondo non sarebbe nemmeno giusto farlo a partire da un così breve messaggio.

La lettera di Obama è stata letta da Pecorelli nel corso della cerimonia di Jesolo e poi consegnata ai giornalisti presenti. Dopodiché il prosecco ha cominciato a scorrere a fiotti…
La statua di Gino sarà d'ora in poi visibile solo a Tuxpan, a meno che qualche Comune del Basso Veneto (zone San Donà, San Biagio di Callalta, Jesolo o dintorni) non decida di installarne una copia a ricordo di questo suo degno conterraneo o concittadino, rendendogli onore magari alla stregua di un moderno e nuovo garibaldino.

Ecco il testo della lettera di Obama:

The White House. Washington 8/8/2016
Dear Carlo:
Thank you for writing. I was touched by your kind words, and I appreciate your support for our shared values.

I believe we all have the power to make the world we seek. Our diversity and differences, when joined together by a common set of ideals, make us stronger. If we hold firm to our principles and back our beliefs with courage and resolve, then hope will overcome fear, and freedom will continue to triumph over tyranny - because that is what forever stirs in the human heart.

Again, thank you for your thoughtful message. I wish you all the best.
Sincerely,

Barack Obama

www.whitehouse.gov

[La Casa Bianca. Washington. 8/8/2016
Caro Carlo,
grazie per aver scritto. Sono commosso per le tue gentili parole e apprezzo il tuo sostegno a valori che abbiamo in comune.
Credo che tutti noi abbiamo la possibilità di costruire il mondo che vogliamo. Le nostre diversità e differenze, se unite da un insieme comune di ideali, ci rendono più forti. Se restiamo fedeli ai nostri princìpi e sosteniamo le nostre convinzioni con coraggio e determinazione, allora la speranza sconfiggerà la paura e la libertà continuerà a trionfare sulla tirannia - perché questo è ciò che si agita da sempre nel cuore umano.
Ancora grazie per il tuo premuroso messaggio. Ti auguro tutto il meglio.
Cordialmente,
Barack Obama]

Nella diffusione e/o ripubblicazione di questo articolo si prega di citare la fonte: www.utopiarossa.blogspot.com

RED UTOPIA ROJA - Principles / Principios / Princìpi / Principes / Princípios

a) The end does not justify the means, but the means which we use must reflect the essence of the end.

b) Support for the struggle of all peoples against imperialism and/or for their self determination, independently of their political leaderships.

c) For the autonomy and total independence from the political projects of capitalism.

d) The unity of the workers of the world - intellectual and physical workers, without ideological discrimination of any kind (apart from the basics of anti-capitalism, anti-imperialism and of socialism).

e) Fight against political bureaucracies, for direct and councils democracy.

f) Save all life on the Planet, save humanity.

(January 2010)

* * *

a) El fin no justifica los medios, y en los medios que empleamos debe estar reflejada la esencia del fin.

b) Apoyo a las luchas de todos los pueblos contra el imperialismo y/o por su autodeterminación, independientemente de sus direcciones políticas.

c) Por la autonomía y la independencia total respecto a los proyectos políticos del capitalismo.

d) Unidad del mundo del trabajo intelectual y físico, sin discriminaciones ideológicas de ningún tipo, fuera de la identidad “anticapitalista, antiimperialista y por el socialismo”.

e) Lucha contra las burocracias políticas, por la democracia directa y consejista.

f) Salvar la vida sobre la Tierra, salvar a la humanidad

(Enero de 2010)

* * *

a) Il fine non giustifica i mezzi, ma nei mezzi che impieghiamo dev’essere riflessa l’essenza del fine.

b) Sostegno alle lotte di tutti i popoli contro l’imperialismo e/o per la loro autodeterminazione, indipendentemente dalle loro direzioni politiche.

c) Per l’autonomia e l’indipendenza totale dai progetti politici del capitalismo.

d) Unità del mondo del lavoro mentale e materiale, senza discriminazioni ideologiche di alcun tipo (a parte le «basi anticapitaliste, antimperialiste e per il socialismo.

e) Lotta contro le burocrazie politiche, per la democrazia diretta e consigliare.

f) Salvare la vita sulla Terra, salvare l’umanità.

(Gennaio 2010)

* * *

a) La fin ne justifie pas les moyens, et dans les moyens que nous utilisons doit apparaître l'essence de la fin projetée.

b) Appui aux luttes de tous les peuples menées contre l'impérialisme et/ou pour leur autodétermination, indépendamment de leurs directions politiques.

c) Pour l'autonomie et la totale indépendance par rapport aux projets politiques du capitalisme.

d) Unité du monde du travail intellectuel et manuel, sans discriminations idéologiques d'aucun type, en dehors de l'identité "anticapitaliste, anti-impérialiste et pour le socialisme".

e) Lutte contre les bureaucraties politiques, et pour la démocratie directe et conseilliste.

f) Sauver la vie sur Terre, sauver l'Humanité.

(Janvier 2010)

* * *

a) O fim não justifica os médios, e os médios utilizados devem reflectir a essência do fim.

b) Apoio às lutas de todos os povos contra o imperialismo e/ou pela auto-determinação, independentemente das direcções políticas deles.

c) Pela autonomia e a independência respeito total para com os projectos políticos do capitalismo.

d) Unidade do mundo do trabalho intelectual e físico, sem discriminações ideológicas de nenhum tipo, fora da identidade “anti-capitalista, anti-imperialista e pelo socialismo”.

e) Luta contra as burocracias políticas, pela democracia directa e dos conselhos.

f) Salvar a vida na Terra, salvar a humanidade.

(Janeiro de 2010)