L'associazione Utopia Rossa lavora e lotta per l'unità dei movimenti rivoluzionari di tutto il mondo in una nuova internazionale: la Quinta. Al suo interno convivono felicemente - con un progetto internazionalista e princìpi di etica politica - persone di provenienza marxista e libertaria, anarcocomunista, situazionista, femminista, trotskista, guevarista, leninista, credente e atea, oltre a liberi pensatori. Non succedeva dai tempi della Prima internazionale.

domenica 17 luglio 2016

IL GOLPE IN TURCHIA: UN TRAGICO ENIGMA, di Pier Francesco Zarcone

Fare della "dietrologia" è cosa per molti antipatica e magari insopportabile. Riguardo al recente e fallito golpe turco commenti dietrologici sono già stati presentati anche da illustri giornalisti non tacciabili di ignorare le faccende del Vicino Oriente né di ingenuità credulona. Ad ogni modo dal canto nostro non possiamo fare a meno di porci delle domande spontanee, o meglio formulare la domanda di base: "Ma che razza di golpe militare è mai stato quello del 15 luglio?".
Possiamo pure evitare i raffronti con i precedenti colpi di stato nella quasi secolare storia della Repubblica di Turchia - i quali con precisione e rapidità assolute in brevissimo tempo dettero ai golpisti il totale controllo del paese - e limitarci a quanto è appena accaduto. Da questi recentissimi fatti consegue un giudizio tecnico (plausibile al di là delle apparenze?) di totale e strana incompetenza dei capi golpisti, se non addirittura di loro imbecillità.
Ebbene, è concepibile che il primissimo atto del golpe non sia stato l'arresto di Erdoğan in villeggiatura a Marmaris?
Perché non sono stati messi fuori funzione trasmettitori e ripetitori dei telefoni cellulari, nonché Internet?
Se fosse vera la notizia circolata all'inizio del golpe riguardo al preavviso del suo verificarsi dato dai golpisti agli addetti militari delle ambasciate turche, come valutarla tenuto conto che il golpe è risultato provenire da una parte soltanto dell'esercito e dell'aeronautica?
Se fosse vero che Erdoğan se ne andava in giro per i cieli in cerca di un asilo all'estero, come mai nessun caccia si è levato per abbatterne l'aereo finché si trovava nello spazio turco?
Com'è stato possibile che un golpe apparentemente vittorioso (in base alle prime notizie) finisse all'improvviso con la vittoria dei governativi?
Tenuto conto degli standard operativi dei militari turchi, come mai non si è sparato seriamente sulla folla che manifestava per Erdoğan? Perché sono stati usati per lo più militari di leva?
Perché nessun esponente del governo o del partito islamista è stato arrestato?
Ebbene, allora tanto valeva non fare nulla.
Ovviamente chi scrive è tacciabile di ipocrisia, avendo fatto domande considerabili "retoriche" nella migliore delle ipotesi. Ma queste domande è impossibile non porsele. E lasciamo stare l'infelice e cinica frase di Erdoğan (con più di 200 morti) sul golpe come "dono di Dio" per poter epurare l'esercito una volta per tutte. Frase solo cinica o anche rivelatrice?
Certo il "sultano" ha avuto un'occasione d'oro, anche per reiterare agli Stati Uniti la domanda di estradizione del suo arcinemico, l'imam Fethullah Gülen, additato come vera mente direttiva del golpe. Che Gülen ci fosse immischiato è questione su cui ancora nulla può dirsi; semmai è osservabile che il comunicato diffuso dai golpisti sembrava più che altro di taglio kemalista, e cioè di tipo laico e non islamico "moderato", come Gülen ama presentarsi.
Del pari certo è che adesso cominciano i dolori per i turchi avversi a Erdoğan. Ci sono tutti i segnali di una vendetta a vasto raggio, che potrebbe mettere definitivamente fine alla Turchia pensata da Mustafa Kemal, con conseguenze ancora non valutabili. La vendetta di Erdoğan sarà terribile e resterà da vedere quale sarà – se ci sarà - l'ipocrita reazione dell'Unione europea e degli Stati Uniti. Il giro di vite già iniziato porta molti commentatori a chiedersi se dal fallito golpe Erdoğan ne esca rafforzato o indebolito. Gli elementi a disposizione consentono solo di fare ipotesi che lasciano tutte il tempo che trovano. Invece una previsione è azzardabile: Erdoğan sarà maggiormente condizionato (forse più volente che nolente) dall'ala islamista "dura" del suo partito, che sul piano interno lo spingerà a una resa dei conti definitiva con la Turchia laica e cosmopolita; sul piano esterno resterà da vedere, ma il segnale del taglio dell'energia elettrica alla base Nato di Inçirlik (da cui partono aerei della scombiccherata coalizione anti-Isis di Obama) e del divieto di uso del suo spazio aereo non fa proprio ben pensare.
Comunque una cosa è tragicamente certa: la vittoria del golpe avrebbe portato alla fine di ogni forma di democrazia per lungo tempo, stante il fatto che in un paese per metà favorevole a Erdoğan solo una dittatura militare durissima e di lunga durata potrebbe imbrigliare il 50% di turchi ostili e oltretutto fanatizzabili dagli imam; per contro, la vittoria di Erdoğan ugualmente rappresenta l'inizio di una "democrazia totalitaria" senza diritti per gli oppositori, cioè una non-democrazia: con tutta probabilità di non breve durata.
In definitiva per la Turchia (solo per essa?) il tentativo di golpe si è risolto in una catastrofe. Il paese è irrimediabilmente spaccato in tre parti che si odiano visceralmente: laici, islamisti e curdi, con i quali ultimi è ripresa una sanguinosa guerra interna: in tali condizioni il maggiore autoritarismo di Erdoğan, che potrebbe puntare a eliminare anche formalmente ogni tipo di opposizione, non sarebbe affatto una cura, ma un aggravamento forse mortale.
Addio al sogno di Atatürk. Indipendentemente da ogni altra considerazione (comprese le possibili simpatie), fu un sogno di minoranza imposto con la forza a una maggioranza che non era nelle condizioni storiche per poterlo contrastare. Oggi questa maggioranza ha rialzato la testa con Erdoğan, e costui può tranquillamente ostentare nel proprio studio il ritratto di Mustafa Kemal, tanto si tratta ormai di un'icona inoffensiva, sempre utilizzabile in senso nazionalistico, non più laico, però, bensì islamistico.
Torneremo su questa vicenda quando avremo maggiori informazioni e saremo in grado, forse, di stabilire se di un vero tentativo di golpe si è trattato o non piuttosto di una messinscena abilmente guidata o sfruttata da Erdoğan.

Nella diffusione e/o ripubblicazione di questo articolo si prega di citare la fonte: www.utopiarossa.blogspot.com

RED UTOPIA ROJA - Principles / Principios / Princìpi / Principes / Princípios

a) The end does not justify the means, but the means which we use must reflect the essence of the end.

b) Support for the struggle of all peoples against imperialism and/or for their self determination, independently of their political leaderships.

c) For the autonomy and total independence from the political projects of capitalism.

d) The unity of the workers of the world - intellectual and physical workers, without ideological discrimination of any kind (apart from the basics of anti-capitalism, anti-imperialism and of socialism).

e) Fight against political bureaucracies, for direct and councils democracy.

f) Save all life on the Planet, save humanity.

(January 2010)

* * *

a) El fin no justifica los medios, y en los medios que empleamos debe estar reflejada la esencia del fin.

b) Apoyo a las luchas de todos los pueblos contra el imperialismo y/o por su autodeterminación, independientemente de sus direcciones políticas.

c) Por la autonomía y la independencia total respecto a los proyectos políticos del capitalismo.

d) Unidad del mundo del trabajo intelectual y físico, sin discriminaciones ideológicas de ningún tipo, fuera de la identidad “anticapitalista, antiimperialista y por el socialismo”.

e) Lucha contra las burocracias políticas, por la democracia directa y consejista.

f) Salvar la vida sobre la Tierra, salvar a la humanidad

(Enero de 2010)

* * *

a) Il fine non giustifica i mezzi, ma nei mezzi che impieghiamo dev’essere riflessa l’essenza del fine.

b) Sostegno alle lotte di tutti i popoli contro l’imperialismo e/o per la loro autodeterminazione, indipendentemente dalle loro direzioni politiche.

c) Per l’autonomia e l’indipendenza totale dai progetti politici del capitalismo.

d) Unità del mondo del lavoro mentale e materiale, senza discriminazioni ideologiche di alcun tipo (a parte le «basi anticapitaliste, antimperialiste e per il socialismo.

e) Lotta contro le burocrazie politiche, per la democrazia diretta e consigliare.

f) Salvare la vita sulla Terra, salvare l’umanità.

(Gennaio 2010)

* * *

a) La fin ne justifie pas les moyens, et dans les moyens que nous utilisons doit apparaître l'essence de la fin projetée.

b) Appui aux luttes de tous les peuples menées contre l'impérialisme et/ou pour leur autodétermination, indépendamment de leurs directions politiques.

c) Pour l'autonomie et la totale indépendance par rapport aux projets politiques du capitalisme.

d) Unité du monde du travail intellectuel et manuel, sans discriminations idéologiques d'aucun type, en dehors de l'identité "anticapitaliste, anti-impérialiste et pour le socialisme".

e) Lutte contre les bureaucraties politiques, et pour la démocratie directe et conseilliste.

f) Sauver la vie sur Terre, sauver l'Humanité.

(Janvier 2010)

* * *

a) O fim não justifica os médios, e os médios utilizados devem reflectir a essência do fim.

b) Apoio às lutas de todos os povos contra o imperialismo e/ou pela auto-determinação, independentemente das direcções políticas deles.

c) Pela autonomia e a independência respeito total para com os projectos políticos do capitalismo.

d) Unidade do mundo do trabalho intelectual e físico, sem discriminações ideológicas de nenhum tipo, fora da identidade “anti-capitalista, anti-imperialista e pelo socialismo”.

e) Luta contra as burocracias políticas, pela democracia directa e dos conselhos.

f) Salvar a vida na Terra, salvar a humanidade.

(Janeiro de 2010)