L'associazione Utopia Rossa lavora e lotta per l'unità dei movimenti rivoluzionari di tutto il mondo in una nuova internazionale: la Quinta. Al suo interno convivono felicemente - con un progetto internazionalista e princìpi di etica politica - persone di provenienza marxista e libertaria, anarcocomunista, situazionista, femminista, trotskista, guevarista, leninista, credente e atea, oltre a liberi pensatori. Non succedeva dai tempi della Prima internazionale.

martedì 14 aprile 2015

IN MORTE DI EDUARDO GALEANO, di Antonio Marchi

La letteratura latinoamericana e mondiale piange Eduardo Galeano. Il grande scrittore uruguaiano si è spento a Montevideo, all'età di 74 anni. Da una settimana era ricoverato in ospedale, in fase terminale di un cancro ai polmoni contro il quale lottava da anni.
Tra le sue opere più celebri ricordiamo: Memoria del fuoco (1982-1986), La conquista che non scoprì l'America (1991), Splendori e miserie del gioco del calcio (1995), Un incerto stato di grazia (con fotografie di Sebastião Salgado e testi di Fred Ritchin, 2002), Specchi (2008). Ma soprattutto Le vene aperte dell'America Latina (1971), requisitoria contro lo sfruttamento coloniale e postcoloniale del continente sudamericano, opera divenuta caposaldo della sinistra negli anni Settanta e Ottanta.
Tengo nello zainetto che mi porto sempre appresso un piccolo scritto di Galeano dal titolo «El derecho al delirio» [«Il diritto al delirio»], apparso nel 1998 in Patas arriba. La escuela del mundo al revés [trad. italiana: A testa in giù. La scuola del mondo alla rovescia, Sperling & Kupfer, Milano 1999].
Con quell'ultimo paragrafo del suo libro lo scrittore latinoamericano dava il benvenuto al Terzo millennio; similmente, proporlo su questo blog mi sembra il miglior modo di ricordarlo.
A.M.

IL DIRITTO AL DELIRIO, di Eduardo Galeano

Sta ormai per nascere il nuovo millennio. Ma non è da prendere troppo sul serio: in fin dei conti, l'anno 2001 dei cristiani è l'anno 1379 dei musulmani, il 5114 dei maya e il 5762 degli ebrei. Il nuovo millennio nasce un primo gennaio grazie a un capriccio dei senatori dell'impero romano che, un bel giorno, decisero di rompere la tradizione che ordinava di celebrare l'anno nuovo all'inizio della primavera. E il conto degli anni dell'era cristiana proviene da un altro capriccio: un bel giorno, il papa di Roma decise di metter una data alla nascita di Gesù, anche se non si sa quando nacque.
Il tempo si burla dei limiti che gli inventiamo per berci la favola secondo cui lui ci obbedisce; eppure il mondo intero celebra e teme questa frontiera.

Un invito a volare

Un millennio se ne va, un millennio viene, l'occasione è propizia perché gli oratori dalle parole infuocate perorino sul destino dell'umanità e perché i portavoce dell'ira divina annuncino la fine del mondo e l'esplosione generale, mentre il tempo continua, zitto zitto, il suo cammino lungo l'eternità e il mistero.
Diciamoci la verità, non c'è chi sappia resistere: in una data così, per quanto possa essere arbitraria, chiunque prova la tentazione di domandarsi come sarà il tempo che verrà. E vai a sapere come sarà. Abbiamo un'unica certezza: nel Ventunesimo secolo, se saremo ancora qui, tutti noi saremo gente del secolo scorso e, peggio ancora, saremo gente dello scorso millennio.
Anche se non possiamo indovinare il tempo che verrà, abbiamo almeno il diritto di immaginare come vorremmo che fosse.
Nel 1948 e nel 1976 le Nazioni Unite proclamarono estese liste di diritti umani; però l'immensa maggioranza dell'umanità ha solo il diritto di vedere, udire e tacere. Che cosa ne dite di cominciare a esercitare il mai proclamato diritto di sognare? Che cosa ne dite di delirare un po', per un attimo? Andiamo a fissare gli occhi più in là dell'infamia, per indovinare un altro mondo possibile:
l'aria sarà priva di qualunque veleno che non sia prodotto dalle paure umane e dalle umane passioni;
per le strade le automobili saranno calpestate dai cani;
la gente non sarà guidata dalla macchina, né programmata dal computer, né comprata dal supermercato, né guardata dal televisore;
il televisore smetterà di essere il membro più importante della famiglia e sarà trattato come il ferro da stiro o la lavatrice;
la gente lavorerà per vivere, invece di vivere per lavorare;
si aggiungerà ai codici penali il delitto della stupidità, commesso da chi vive per avere o per guadagnare, invece di vivere semplicemente per vivere, come l'uccello canta senza sapere di cantare o come il bambino gioca senza sapere di giocare;
in nessun paese verranno arrestati i ragazzi che si rifiutino di fare il servizio militare, bensì quelli che vogliano farlo;
gli economisti non chiameranno livello di vita il livello di consumo, né chiameranno qualità della vita la quantità delle cose;
i cuochi non crederanno che alle aragoste piaccia essere bollite vive;
gli storici non crederanno che ai paesi piaccia essere invasi;
i politici non crederanno che ai poveri piaccia mangiare promesse;
si smetterà di credere che la solennità sia una virtù, e nessuno prenderà sul serio nessuno che non sia capace di prendersi in giro;
la morte e il denaro perderanno i loro magici poteri, e né per decesso, né per fortuna la canaglia diventerà un virtuoso signore;
nessuno sarà considerato un eroe o uno stupido se farà ciò che ritiene giusto, invece di fare quello che più gli conviene;
il mondo non sarà più in guerra contro i poveri, ma contro la povertà, e l'industria bellica non potrà far altro che dichiarare bancarotta;
il nutrimento non sarà una merce, né la comunicazione un affare, perché il nutrimento e la comunicazione sono diritti umani;
nessuno morirà di fame, perché nessuno morirà di indigestione;
i bambini di strada non saranno trattati come spazzatura, perché non ci saranno più bambini di strada;
i bambini ricchi non saranno trattati come denaro, perché non ci saranno più bambini ricchi;
l'istruzione non sarà privilegio di coloro che possano pagarla;
la polizia non sarà la maledizione di coloro che non possano comprarla;
la giustizia e la libertà, sorelle siamesi condannate a vivere separate, si riuniranno, ben appiccicate, schiena contro schiena;
una donna, nera, sarà il presidente del Brasile e un'altra donna, nera, sarà il presidente degli Stati Uniti d'America. Una donna indigena governerà il Guatemala e un'altra il Perù;
in Argentina, le matte di Plaza de Mayo saranno un esempio di salute mentale, perché loro si rifiutarono di dimenticare ai tempi dell'amnesia obbligatoria;
la Santa Madre Chiesa correggerà alcuni errori delle tavole di Mosè, e il sesto comandamento ordinerà di celebrare il corpo;
la Chiesa, inoltre, detterà un altro comandamento, di cui il Signore si era dimenticato: «Amerai la natura di cui fai parte»;
saranno rimboschiti tutti i deserti del mondo e i deserti dell'anima;
i disperati saranno aspettati e i perduti saranno ritrovati, perché loro sono quelli che si disperarono per il troppo aspettare e quelli che si persero per il troppo cercare;
saremo compatrioti e contemporanei di tutti coloro che abbiano volontà di giustizia e volontà di bellezza, ovunque siano nati e in qualunque tempo abbiano vissuto, senza che contino nemmeno un po' le frontiere dello spazio o del tempo;
la perfezione continuerà a essere l'annoiato privilegio degli dei; ma in questo mondo maldestro e fottuto, ogni notte sarà vissuta come se fosse l'ultima, e ogni giorno sarà vissuto come se fosse il primo.

Nella diffusione e/o ripubblicazione di questo articolo si prega di citare la fonte: www.utopiarossa.blogspot.com

RED UTOPIA ROJA - Principles / Principios / Princìpi / Principes / Princípios

a) The end does not justify the means, but the means which we use must reflect the essence of the end.

b) Support for the struggle of all peoples against imperialism and/or for their self determination, independently of their political leaderships.

c) For the autonomy and total independence from the political projects of capitalism.

d) The unity of the workers of the world - intellectual and physical workers, without ideological discrimination of any kind (apart from the basics of anti-capitalism, anti-imperialism and of socialism).

e) Fight against political bureaucracies, for direct and councils democracy.

f) Save all life on the Planet, save humanity.

(January 2010)

* * *

a) El fin no justifica los medios, y en los medios que empleamos debe estar reflejada la esencia del fin.

b) Apoyo a las luchas de todos los pueblos contra el imperialismo y/o por su autodeterminación, independientemente de sus direcciones políticas.

c) Por la autonomía y la independencia total respecto a los proyectos políticos del capitalismo.

d) Unidad del mundo del trabajo intelectual y físico, sin discriminaciones ideológicas de ningún tipo, fuera de la identidad “anticapitalista, antiimperialista y por el socialismo”.

e) Lucha contra las burocracias políticas, por la democracia directa y consejista.

f) Salvar la vida sobre la Tierra, salvar a la humanidad

(Enero de 2010)

* * *

a) Il fine non giustifica i mezzi, ma nei mezzi che impieghiamo dev’essere riflessa l’essenza del fine.

b) Sostegno alle lotte di tutti i popoli contro l’imperialismo e/o per la loro autodeterminazione, indipendentemente dalle loro direzioni politiche.

c) Per l’autonomia e l’indipendenza totale dai progetti politici del capitalismo.

d) Unità del mondo del lavoro mentale e materiale, senza discriminazioni ideologiche di alcun tipo (a parte le «basi anticapitaliste, antimperialiste e per il socialismo.

e) Lotta contro le burocrazie politiche, per la democrazia diretta e consigliare.

f) Salvare la vita sulla Terra, salvare l’umanità.

(Gennaio 2010)

* * *

a) La fin ne justifie pas les moyens, et dans les moyens que nous utilisons doit apparaître l'essence de la fin projetée.

b) Appui aux luttes de tous les peuples menées contre l'impérialisme et/ou pour leur autodétermination, indépendamment de leurs directions politiques.

c) Pour l'autonomie et la totale indépendance par rapport aux projets politiques du capitalisme.

d) Unité du monde du travail intellectuel et manuel, sans discriminations idéologiques d'aucun type, en dehors de l'identité "anticapitaliste, anti-impérialiste et pour le socialisme".

e) Lutte contre les bureaucraties politiques, et pour la démocratie directe et conseilliste.

f) Sauver la vie sur Terre, sauver l'Humanité.

(Janvier 2010)

* * *

a) O fim não justifica os médios, e os médios utilizados devem reflectir a essência do fim.

b) Apoio às lutas de todos os povos contra o imperialismo e/ou pela auto-determinação, independentemente das direcções políticas deles.

c) Pela autonomia e a independência respeito total para com os projectos políticos do capitalismo.

d) Unidade do mundo do trabalho intelectual e físico, sem discriminações ideológicas de nenhum tipo, fora da identidade “anti-capitalista, anti-imperialista e pelo socialismo”.

e) Luta contra as burocracias políticas, pela democracia directa e dos conselhos.

f) Salvar a vida na Terra, salvar a humanidade.

(Janeiro de 2010)