L'associazione Utopia Rossa lavora e lotta per l'unità dei movimenti rivoluzionari di tutto il mondo in una nuova internazionale: la Quinta. Al suo interno convivono felicemente - con un progetto internazionalista e princìpi di etica politica - persone di provenienza marxista e libertaria, anarcocomunista, situazionista, femminista, trotskista, guevarista, leninista, credente e atea, oltre a liberi pensatori. Non succedeva dai tempi della Prima internazionale.

domenica 5 ottobre 2014

MORIRE IN BICICLETTA..., di Antonio Marchi

È un momento terribile per gli amanti del ciclismo ma anche per chi usa  la bicicletta per divertimento, per lavoro o semplicemente perchè è il mezzo più pulito ed economico per spostarsi.
La morte di Timothy Porcelli di Bersone, di soli 17 anni,  è un'ennesima tragedia che si perpetua giorno per giorno nelle strade di tutt'Italia e che ammutolisce e mi rende difficile qualsiasi parola partecipativa all' immenso dolore della famiglia. Quando inesorabilmente capita, non c'è giustificazione che tenga, non c'è rimedio o soluzione al dolore penetrante, alla disperazione che non trova risposta, c'è tribolazione permanente in un viatico continuo di domande che riecheggiano che tolgono respiro, forze, anni di vita… come se un maledetto e beffardo destino avesse già dettato l'agenda del vivere quotidiano di Timothy in quella maledetta curva con data di scadenza, rendendo muto e cieco qualsiasi disperato soccorso.  
L'Italia è maglia nera europea del ciclismo come mezzo di trasporto e la silenziosa bicicletta, nelle città piene di fracassose auto, non è sufficientemente protetta per essere alternativa anche per il rischio sempre presente di incidenti. In Italia - fonte Istat -  sono 5 milioni i ciclisti. Muore un ciclista al giorno (e quaranta finiscono in ospedale); nell'anno 2009 in 15.713 incidenti sono morti 352 ciclisti(+ 11% rispetto al 2007) e 14.535 sono rimasti feriti (+ 16,5%).

Sono quasi mille i morti negli ultimi tre anni
Una strage senza fine che però non impressiona più di tanto né la politica né l'opinione pubblica, a tal punto che - piste ciclabili o no - il numero di auto e di irresponsabilità pro capite continua ad aumentare, nonostante sia già uno dei più alti del mondo: più di 600 veicoli ogni 1000 abitanti. Un autoinscatolamento delinquenziale e imbecille, privo di senso, con spreco di tempo e di danaro oltre che con danni incalcolabili alla salute propria e dell'ambiente.
Un triste paesaggio di lamiere viaggianti che non migliora di molto neanche con l'aumento delle piste ciclabili che coprono 3.227 Km (380 in più del 2010). Se negli ultimi 10 anni i chilometri di piste ciclabili si sono triplicati, la percentuale di spostamenti urbani in bicicletta è rimasta la stessa anche se cresce nelle grandi città del Nord - Ferrara, Milano, Bolzano - e Roma (+ 3,8% contro il 27% dell'Olanda, il 18% in danimarca, il 12% in Svezia). Nonostante questo miglioramento la ciclopedonabilità è una triste realtà Italiana specie al Sud, a riprova di quanto poco gli amministratori locali fanno nelle città per la salvaguardia dell'incolumità della persona e dell'ambiente: le strisce d'asfalto "protette" inscatolano l'ignaro ciclista, ma molte volte non vanno da nessuna parte. Mancano i collegamenti, manca una regia di trasporto alternativo, manca una visione d'insieme  delle potenzialità ambientali, sociali ed economiche che l'utilizzo della bicicletta potrebbe dare sia sulla salute dell'individuo che della società, mancano percorsi protetti per i ciclisti più giovani.
In Italia si pedala in salita; ma non come il grande Marco Pantani che della salita era il Re: solo otto città hanno piste ciclabili più lunghe di 100 chilometri, mentre nelle città con più bici a disposizione il rapporto bici pubbliche/abitanti è di 1 a 1000 (a Parigi è di 1 a 100).
Ci si ostina alle alte velocità come formula magica del trasporto (Tav), ma come rimedio all'assurda strage la realizzazione di piste ciclabili non basta più: ci vogliono circuiti protetti per permettere (almeno) ai più giovani di allenarsi senza rischi. Perchè così dovrebbe essere, come ci sono i campi di calcio, le piste di atletica, i campi di pallavolo, pallacanestro ecc. perchè non il ciclismo? Perchè non deve esistere un percorso protetto dove potersi allenare senza correre il rischio di morire?. Siamo ossessionati dalla velocità degli spostamenti e non ci si prende il tempo per riflettere sulle macerie che produciamo. E alla fine si contano i morti: un bel risultato… anche se la bici è la "droga" più stupefacente di tutte per chi corre, e chi corre può morire giovane, giovanissimo e anche per niente....
"Non respiro più" così fini la vita di Alessio Galletti - 37 anni - in cima a una salita delle Asturie in un giro di Spagna; e Zanette, che muore dopo una visita dentistica; o Rusconi, fuori da un bar; o Salanson,  nel sonno; o Pantani, in una camera d'albergo; o in strada per incidente,  come è successo (appena "ieri") a Thomas Gasparotto; o a Claudio Capovilla di Capriana, morto a due passi da casa a soli 48 anni; o nel 2001, quel povero ragazzo di Ville di Giovo che si è schiantato in discesa contro un camion in manovra; o Weylandt nel giro di due anni fa; o quei sette ciclisti falciati da un pirata in Calabria; e più indietro tanti tanti altri... 
Ma a fronte dell'imprevisto, quel pericolo che si nasconde dietro una curva troppo chiusa o un 'auto che ti taglia la strada, una buca, un cane randagio ecc., a fronte dell'imprevisto non sempre si ha il cervello per rimediare. Nel pericolo mortale che non avverti ai 60 orari in discesa; o quando t'infili in un cunicolo distante centimetri dalla transenna e millimetri dal tuo rivale in un purificante colpo di reni; o quando nella fatica di una salita senti il polpaccio indurirsi e provi l'eutanasia delle cellule della fatica scivolare via come polvere di clessidra, fino allo scadere del tempo, fin che scendi dalla bicicletta: ci sei dentro, ma non hai tempo di pensare ad altro se non alla fine.
In bicicletta si è liberi di volare, ma anche troppo esposti al rischio, troppo vulnerabili e privi di protezione (benvenuto il casco che però non salva sempre la vita). So cosa vuol dire rinascere dopo che sei "morto", ma provo un brivido a immaginare cosa avrà provato il povero Timothy un momento prima che la bici gli scivolasse via… e con essa la vita… perchè la bici è un destino segnato o una sfacciata fortuna, e se il destino incrocia la tua strada Il più delle volte ne esci morto, qualche volta vivo. 
Ai genitori, ai famigliari vada il mio sentito e partecipato cordoglio: nel lento salire il "Golgota" della rassegnazione, non posso sostituirmi al vostro dolore, sono qui per aiutarvi a sopportarlo.

Nella diffusione e/o ripubblicazione di questo articolo si prega di citare la fonte: www.utopiarossa.blogspot.com

RED UTOPIA ROJA - Principles / Principios / Princìpi / Principes / Princípios

a) The end does not justify the means, but the means which we use must reflect the essence of the end.

b) Support for the struggle of all peoples against imperialism and/or for their self determination, independently of their political leaderships.

c) For the autonomy and total independence from the political projects of capitalism.

d) The unity of the workers of the world - intellectual and physical workers, without ideological discrimination of any kind (apart from the basics of anti-capitalism, anti-imperialism and of socialism).

e) Fight against political bureaucracies, for direct and councils democracy.

f) Save all life on the Planet, save humanity.

(January 2010)

* * *

a) El fin no justifica los medios, y en los medios que empleamos debe estar reflejada la esencia del fin.

b) Apoyo a las luchas de todos los pueblos contra el imperialismo y/o por su autodeterminación, independientemente de sus direcciones políticas.

c) Por la autonomía y la independencia total respecto a los proyectos políticos del capitalismo.

d) Unidad del mundo del trabajo intelectual y físico, sin discriminaciones ideológicas de ningún tipo, fuera de la identidad “anticapitalista, antiimperialista y por el socialismo”.

e) Lucha contra las burocracias políticas, por la democracia directa y consejista.

f) Salvar la vida sobre la Tierra, salvar a la humanidad

(Enero de 2010)

* * *

a) Il fine non giustifica i mezzi, ma nei mezzi che impieghiamo dev’essere riflessa l’essenza del fine.

b) Sostegno alle lotte di tutti i popoli contro l’imperialismo e/o per la loro autodeterminazione, indipendentemente dalle loro direzioni politiche.

c) Per l’autonomia e l’indipendenza totale dai progetti politici del capitalismo.

d) Unità del mondo del lavoro mentale e materiale, senza discriminazioni ideologiche di alcun tipo (a parte le «basi anticapitaliste, antimperialiste e per il socialismo.

e) Lotta contro le burocrazie politiche, per la democrazia diretta e consigliare.

f) Salvare la vita sulla Terra, salvare l’umanità.

(Gennaio 2010)

* * *

a) La fin ne justifie pas les moyens, et dans les moyens que nous utilisons doit apparaître l'essence de la fin projetée.

b) Appui aux luttes de tous les peuples menées contre l'impérialisme et/ou pour leur autodétermination, indépendamment de leurs directions politiques.

c) Pour l'autonomie et la totale indépendance par rapport aux projets politiques du capitalisme.

d) Unité du monde du travail intellectuel et manuel, sans discriminations idéologiques d'aucun type, en dehors de l'identité "anticapitaliste, anti-impérialiste et pour le socialisme".

e) Lutte contre les bureaucraties politiques, et pour la démocratie directe et conseilliste.

f) Sauver la vie sur Terre, sauver l'Humanité.

(Janvier 2010)

* * *

a) O fim não justifica os médios, e os médios utilizados devem reflectir a essência do fim.

b) Apoio às lutas de todos os povos contra o imperialismo e/ou pela auto-determinação, independentemente das direcções políticas deles.

c) Pela autonomia e a independência respeito total para com os projectos políticos do capitalismo.

d) Unidade do mundo do trabalho intelectual e físico, sem discriminações ideológicas de nenhum tipo, fora da identidade “anti-capitalista, anti-imperialista e pelo socialismo”.

e) Luta contra as burocracias políticas, pela democracia directa e dos conselhos.

f) Salvar a vida na Terra, salvar a humanidade.

(Janeiro de 2010)