L'associazione Utopia Rossa lavora e lotta per l'unità dei movimenti rivoluzionari di tutto il mondo in una nuova internazionale: la Quinta. Al suo interno convivono felicemente - con un progetto internazionalista e princìpi di etica politica - persone di provenienza marxista e libertaria, anarcocomunista, situazionista, femminista, trotskista, guevarista, leninista, credente e atea, oltre a liberi pensatori. Non succedeva dai tempi della Prima internazionale.

lunedì 3 marzo 2014

UCRAINA: UNA CRISI PERICOLOSA CON VARI ATTORI, di Pier Francesco Zarcone

Che sia in atto  uno scontro interimperialistico fra Stati Uniti e Ue da un lato, e Federazione Russa dall’altro, è sotto gli occhi di tutti. Va detto però che in tale scontro operano anche altri protagonisti, con ruoli strumentali, certo, ma in rappresentanza di propri interessi effettivi. Indipendentemente da come finisca la vicenda, le conseguenze che si delineano non sono di breve periodo. Premetto anche che chi scrive spera di essere riuscito a formalizzare un discorso il più spassionato possibile, senza cioè (in questa sede) parteggiare per nessuno; e “nessuno” include anche la fazione ucraina che ha prevalso a Kiev.

La rivolta antirussa di una parte dell’Ucraina
Visibile a tutti è l’esistenza di una rivolta antirussa da parte di alcuni settori della società ucraina: parlare di rivolta del popolo ucraino tout court risulta esagerato e fuorviante, non solo per quanto sta accadendo in Crimea, ma altresì alla luce della situazione montante nella parte orientale del paese. Di recente su La Repubblica è comparso un articolo dal titolo “Le quattro Ucraine”, contenente già alcune delle motivazioni per cui non si può parlare di rivolta “degli Ucraini” collettivamente intesi. Forse le Ucraine sono addirittura più di quattro: abbiamo gli Ucraini antirussi, quelli filorussi, i Russi dell’Ucraina, la Crimea (un caso un po’ a parte, essendo stata russa fin da quando venne sottratta alla signoria ottomana, per essere poi regalata negli anni ’50 alla Repubblica Ucraina dell’Urss da Chruščëv per ragioni di politica interna alla stessa Urss), i Ta(r)tari di Crimea (rientrati nella penisola dopo la deportazione ordinata da Stalin quale punizione per aver collaborato con gli invasori tedeschi, senza però poter riavere i beni loro sottratti) e infine quelli che non  stanno da nessuna parte, e alla sicura mercé di tutti gli altri.
Non è storicamente causale che i partiti antirussi abbiano il loro forte bacino elettorale essenzialmente nella parte occidentale e centrale del paese, mentre i filorussi siano forti nella parte centro-orientale (e in Crimea, ovviamente). La parte occidentale per secoli ha gravitato nelle orbite della Polonia e dell’Impero asburgico, e nel secolo scorso – dagli anni ’20 alla fine della Seconda guerra mondiale ha dovuto compiere dolorosi “vai e vieni” tra Polonia e Urss [1]. Impero zarista e Urss staliniana hanno fatto molto per non farsi amare (anzi!) dall’Ucraina in genere e da quella occidentale in specie, seminando milioni di morti. Tuttavia – come a volte accade nei “regni di mezzo” – alla fine si è sedimentata una divaricazione fra irriducibili nemici della Russia e abitanti ormai da tempo russificati oppure di etnia russa vera e propria. La situazione seguita all’indipendenza, nata dalla polverizzazione dell’Urss, non era certo tale da soddisfare i nazionalisti ucraini: ma si potrebbe dire “per forza di cose”. Economicamente, infatti, l’Ucraina indipendente non è in grado di reggersi e svilupparsi senza optare fra i corni di un dilemma non eludibile: restare “agganciata” alla Federazione Russa, oppure gravitare sempre di più verso l’Unione Europea (e verso la Nato); ma senza che nessuna di tali opzioni, in realtà, garantisca l’uscita da una dipendenza oggettiva.
Riguardo alla rivolta di Kiev, non ha alcun significato il fatto che abbia rovesciato un governo che formalmente aveva vinto le elezioni: si spera, infatti, che i popoli conservino il diritto di rovesciare i propri governi quando e come vogliono, indipendentemente dal numero di voti che questo ha conseguito alle elezioni. Semmai sarebbe da stigmatizzare l’avvenuta violazione dei patti per una transizione pacifica firmati il 21 febbraio scorso. Ma nemmeno questo è il punto. È vero però che i filoccidentali, nella loro aperta sfida a una grande potenza come la Russia, con un paese senza risorse economiche e senza Forze armate temibili, non avrebbero prevalso senza l’aiuto e l’incoraggiamento di alcune  potenze occidentali, contando sulla loro protezione, ma col forte rischio di fare la fine della Georgia nel 2008 [2]
Inoltre i nazionalisti ucraini sono andati alla carica come se dietro di sé avessero avuto un paese unito, mentre è il contrario. Esistono elementi di disunione a doppia faccia, cioè fonte di possibili argomenti da parte di tutte le fazioni in causa a sostegno delle rispettive scelte politiche.

Le faglie su cui poggia l’Ucraina
A un osservatore esterno non sfugge che costante dei nazionalisti sia stato lo sforzo di costruire un’identità nazionale ucraina sull’unico elemento disponibile: la contrapposizione con la Russia sviluppatasi in una lunga vicenda storica della regione che l’ha sempre vista come vittima della rapace “sorella maggiore”, la Russia. I buoni motivi per farlo ci sono eccome, e fra essi il grande genocidio per fame causato dalla stalinismo nei primi anni ’30 è stato forse l’ultima grande atrocità. Per chi ha subìto le ingiustizie russe, ovvero le sente a suo carico, non basta certo il fatto che nel secondo dopoguerra siano stati notevoli nell’Urss il peso dell’Ucraina e delle leadership da essa date all’Unione, come Chruščëv e Brezhnev. Questa contrapposizione, però, non era condivisa da circa metà della popolazione, e da qui il suo risolversi in elemento di disunione, invece che di unione.
Ad ogni modo l’Ucraina indipendente ha scelto di non scegliere per circa 20 anni in ordine a ogni possibile opzione, con la conseguenza che molti abitanti hanno lasciato il paese e la non-scelta si è rivelata esiziale. Tanto per citare un “inattaccabile” santone della politologia occidentale, il famigerato Huntington, ricordiamo che nel suo Clash of Civilizations aveva definito l’Ucraina un torn country, cioè un paese lacerato da faglie da est a ovest, pronosticandone la secessione per un futuro non lontano.   
E di faglie su cui poggia l’Ucraina ne ha parecchie. La prima è la faglia linguistico-culturale, tra chi parla russo e chi parla ucraino, lingua slava ma differente dal russo. Questa distinzione si riproduce nelle divisioni tra partiti politici: per esempio, Yanukovich è della parte orientale, e si esprime in ucraino in modo non perfetto.   
Poi c’è la faglia religiosa: qui fu battezzato il popolo slavo della Rus’ da S. Vladimir secondo il rito ortodosso, e qui è nata la Chiesa ortodossa russa. Per varie vicende storiche inerenti all’espansionismo polacco e asburgico la parte occidentale è diventata maggioritariamente cattolica, vuoi di rito latino vuoi di rito orientale (cattolicesimo travestito da ortodosso che è bestia nera di tutti gli ortodossi del mondo e ancora motivo di scontro col Vaticano).
E infine c’è la faglia economica, che s’intreccia con quella linguistico-culturale. Infatti nella parte occidentale, se è palese l’identità nazionale, non si riscontra però quella economica. Invece nella parte orientale – dove non sempre sono distinguibili gli ucraini russofoni dai russi etnici - l’identità economica è palese, seppure problematica.
La vera base industriale ucraina è data dalla siderurgia e dalla sua industria pesante, che produce missili balistici e grandi aerei da carico ed è apprezzata in molti paesi emergenti. Il rovescio della medaglia è che gli impianti sono vecchi e le esigenze ecologiche non si sa nemmeno cosa siano [3]. Inoltre tutta l’Ucraina dipende energeticamente dalla Russia, e per le sue pipelines (per quanto arcaiche e scadenti) passa il 60% del gas russo verso l'Europa. Sta di fatto, ad ogni modo, che se si cerca la base economica dell’Ucraina bisogna guardare alle sue regioni orientali, dove esistono sia le vere imprese industriali sia i centri dell’insieme di relazioni commerciali ed economiche con la Russia: queste relazioni sono state sì lo strumento per l’enorme arricchimento degli oligarchi locali, ma hanno anche consentito la sussistenza di tanti cittadini ucraini. 

I soggetti esterni interessati
Dopo aver accennato alle parti in causa interne, c’è da dire qualcosa sugli estranei portatori di interessi sull’Ucraina, anche per la loro maggiore importanza. Gli interessi della Russia sono notoriamente politici, economici e strategici, sottolineando che quelli strategici non si riducono all’essere l’Ucraina una specie di porta d’ingresso alla Russia: un eventuale ingresso dell’Ucraina nella Nato inciderebbe – per non dire altro - sull’agibilità della base navale russa di Sebastopoli, e poi è sempre pendente la possibilità che prima o poi dall’Occidente emergano le spinte antirusse anche in Bielorussia. Inoltre, l’Ucraina ha la sua importanza per il progetto russo di creare la tanto agognata Unione Euroasiatica.
Gli Usa hanno l’opportunità di restituire la pariglia per i recenti successi diplomatici di Putin e soprattutto per aver mandato a monte i piani di Washington sulla Siria. Evidentemente i vertici statunitensi prediligono le Olimpiadi: la crisi georgiana fu innescata in occasione di quelle cinesi; l’attuale crisi è andata al calor bianco durante quelle di Sochi.
Può essere giudicata maligna – ma non del tutto irrealistica – l’ipotesi che la crisi ucraina sia pilotata da Washington anche contro l’Unione Europea e sotto il naso di essa. Già in passato non sono mancati i malpensanti secondo cui l’appoggio Usa all’adesione della Turchia alla Ue mirava a espanderla al fine di diluirla, per così dire; oggi è lecito pensare che far espandere l’Ue verso un paese problematico come l’Ucraina costituisca un’ottima occasione per indebolirla ulteriormente.
L’Unione Europea ancora una volta si è messo in mezzo in modo incongruente, e soprattutto avvalendosi dell’intermediazione di suoi membri – come Polonia, Svezia e Lituania – che, per ragioni storiche e attuali, oltre ad avere legami con l’Ucraina sono anche titolari di propri interessi specifici. L’accordo tra Yanukovich e l’opposizione – da quest’ultima subito violato – è avvenuto con la mediazione dei ministri degli Esteri di Germania, Francia e Polonia, e quindi con l’ennesima brillante assenza della baronessa Ashton, che in teoria sarebbe ministro degli Esteri dell’Unione Europea.
L’Ue avrebbe anche potuto indirizzare diversamente le proprie manovre di attrazione dell’Ucraina. Ma ciò avrebbe richiesto un qualche progetto, inesistente nella mente dei burocrati di Bruxelles. Stante la chiarissima posizione dell’Ucraina quale delicata zona intermedia fra Europa e Russia, sarebbe stato possibile provare a convocare un tavolo trilaterale onde fare in modo che l’apertura verso l’Ucraina venisse inquadrata in una più ampia manovra di apertura e coinvolgimento verso la Russia quale parte integrante dell’Europa. Cioè presentando tale manovra globale non come questione di mera politica estera europea, bensì come questione europea quasi di ordine interno; e indipendentemente dalla possibile concretizzazione degli interessi russi oltre gli Urali.
Tanto per dare un quadro completo, diciamo che dietro le quinte c’è pure la Cina, a dimostrare la debolezza economica dell’Ucraina. In questo paese che è una grande pianura agricola sfruttata poco e male, ma ricca di fiumi, alcune imprese cinesi hanno già comprato 100.000 ettari lo scorso anno, e si parlava di ulteriori acquisti per i prossimi anni pari a 3 milioni. Cioè il 5% dell’intero territorio del paese. Comunque sia il ruolo della Cina non è problematico per nessuna delle parti ucraine in lotta per il potere – cioè per le oligarchie locali – giacché la Cina è indifferente alla natura politica degli Stati con cui negozia.
E poi c’è la Polonia: non dietro le quinte, ma sullo sfondo. Come dianzi detto, l’effimero accordo fra Yanukovich e l’opposizione è stato firmato dai ministri degli Esteri di Francia, Germania e Polonia. Che i primi due possano passare come esponenziali di due potenze forti dell’Ue, lo si può pure capire. Ma il ministro polacco? Forse perché negli ospedali polacchi vengono curati gli insorti feriti a Kiev (come dichiarato dal primo ministro Tusk il 20 febbraio)? Le spiegazioni possibili sono solo di due tipi: 1) umanitarismo: difficile da ipotizzare nei politici e in quelli capitalisti in particolare; 2) una rivincita polacca: è più plausibile.
Motivare quest’ultima ipotesi vuol dire rifarsi alla mai avvenuta metabolizzazione della perdita delle regioni orientali dello Stato polacco fatta da Stalin. La compensazione per una Polonia in mano agli stalinisti fu lo slittamento verso Occidente del corpo territoriale polacco: al posto dei territori presi dall’Urss la Polonia ebbe le regioni orientali tedesche, da cui cacciò senza tanti complimenti tutti gli abitanti di etnia germanica, con il plauso anche dei non-comunisti. Rimettersi in gioco nelle vecchie marche orientali sarebbe ottimo per sentimenti nazionalisti sempre in bilico fra passate glorie imperiali e frustrazioni plurisecolari avvenute per forza di cose.

Washington fa la voce grossa, ma …
La promessa di Obama sui costi che la Russia dovrà pagare in caso d’intervento militare in Ucraina è una cortina fumogena priva di concretezza. A un contro-intervento militare occidentale non crede pressoché nessuno, non essendo la Russia paragonabile alla piccola Serbia che fu “umanitariamente” bombardata per via del Kossovo e non essendo molte le carte in mano a Obama. Il fallimento del G8 a Sochi è ormai scontato, e forse anche la sospensione o espulsione della Russia da quell’organizzazione in caso di aggravamento della crisi. Possibili sono il blocco dei negoziati commerciali con la Russia e/o iniziative per rendere difficile la vita alle imprese russe all’estero. Sì, ma prima o poi il business rivendicherà i suoi sovrani diritti, giacché ormai i reciproci interessi economici sono enormi: le esportazioni Usa in Russia sono aumentate del 38% nel 2011 e quelle russe verso gli Stati Uniti del 35%; una serie di grandi società Usa, scarsamente sensibili ai fatti ucraini – General Motors, Ford, Paper Co., Exxon Mobil e General Electric hanno in corso grandi progetti di sviluppo in Russia, e al pari di Mosca sono interessate all’instaurazione di una specie di spazio di libero mercato tra Usa e Russia. Se Obama bloccasse tutto, la perdita per l’economia russa sarebbe pesante, ma anche per i capitalisti nordamericani. Comunque va registrato che le reiterate e recentissime rimostranze di Washington e della Georgia per il protrarsi della presenza militare russa in Abkazia e Ossezia del Sud, nonché in zone georgiane a prescindere dagli accordi di pace del 2008, sono rimaste senza riscontro a Mosca.
Ma i problemi di Obama, in caso di acutizzarsi della crisi, non sono solo economico-finanziari: la questione siriana è ancora aperta, quella del nucleare iraniano deve ancora chiudersi, e dulcis in fundo c’è l’Afghanistan. Sembra infatti che per il ritiro delle proprie truppe da questo paese gli Stati Uniti abbiano bisogno anche delle vie di comunicazione russe.  
Comunque vada a finire la faccenda ucraina sta di fatto che il clima da guerra fredda instauratosi fra Mosca e Washington non sarà di breve durata, giacché fra potenza russa e potenza statunitense il peggioramento dei rapporti ha natura quasi genetica; a prescindere da quali possano essere le buone o cattive volontà delle persone alle leve di comando.

Restiamo in attesa
Previsioni vere e proprie è molto difficile farne. Al mero stato degli atti, tuttavia, la rottura dell’unità politico-territoriale dell’Ucraina non appare completamente ipotetica. Ormai si profila all’orizzonte la secessione della Repubblica Autonoma di Crimea, con il referendum fissato per la fine del presente mese. Le regioni orientali ucraine – che già si vanno agitando in senso filorusso – potrebbero seguire l’esempio della Crimea e indire un proprio referendum. E qui verrà di nuovo messo alla prova l’opportunismo delle potenze occidentali: poiché non conveniva loro, esse già hanno negato il diritto di autodeterminazione ad Abkazi, Osseti, Serbi di Bosnia e del Kosovo, mentre lo hanno riconosciuto agli Albanesi kossovari. Si può scommettere che lo negheranno anche al popolo di Crimea e agli Ucraini orientali. Per cui costoro, alla pari di Abkazia e Ossezia, non potranno prescindere dal protettorato militare russo.



[1] Per sinteticità si può partire dal 1596, quando il regno di Polonia, fino a quell’epoca assai tollerante, optò per una politica di cattolicizzazione forzata delle popolazioni slave della sua parte orientale. Le comunità ortodosse furono costrette a entrare nella Chiesa cattolica in cambio del mantenimento del proprio rito slavo-bizantino. Poi cominciarono i problemi territoriali. Nel 1654, epoca della guerra tra Mosca e la Polonia, i cosacchi ucraini (viventi in parziale autonomia) tramite l’ataman Bogdan Chmielnicki firmò con lo zar Aleksej Michajlovič Romanov il trattato di Perejaslav che sanciva il passaggio dei loro territori sotto la sovranità russa. Con la terza spartizione della Polonia nel 1795 la Russia si impadronì anche della sponda destra del Dnepr, mentre la Galizia orientale diventava parte dell’Impero asburgico, fino al 1918. Nel turbolento e sanguinoso periodo della Rivoluzione russa, e dopo una guerra russo-polacca, l’Ucraina entrò a far parte dell’Unione Sovietica e la Galizia orientale della Polonia indipendente. Qui le correnti nazionaliste mantennero viva la rivendicazione dei territori orientali, considerati polacchi per ragioni storiche e culturali (per la Russia erano invece le regioni appartenute alla Rus’ di Kiev). Con il patto Molotov-Ribbentrop i territori ucraino-occidentali e moldavi furono annessi dall’Urss, ma nel 1941 vennero occupati dalla Germania, e ripresi dai sovietici nel 1944. I nazionalisti dell’Esercito Insurrezionale Ucraino (Upa) si dettero alla guerriglia, durata fino agli inizia degli anni ’50. Da rimarcare che dopo la vittoria del ’45 i beni della Chiesa uniate, per decisione di Stalin, vennero passati al Patriarcato di Mosca.    
[2] Negli anni, dopo il crollo dell’Urss, gruppi ucraini e Ong d’appoggio hanno ricevuto almeno 5 miliardi di dollari (fondamentale il ruolo del National Endowment for Democracy) non certo per fini socio-umanitari, tant’è che a beneficiarne sono stati settori ultranazionalisti e la Chiesa cattolica di rito orientale, detta “uniate”, creata dal Vaticano nel XVI secolo in funzione ostile al Patriarcato ortodosso di Mosca. Espressive della mentalità e del ruolo di questa Chiesa sono le parole pronunciate in un recente sermone da Mykhailo Arsenych, prete uniate della regione di Ivano-Frankovsk: “Oggi siamo davvero pronti alla rivoluzione. I soli metodi efficaci di combattimento sono assassinio e terrore! Vogliamo essere sicuri che nessun cinese, negro, ebreo o moscovita possa prendersi la nostra terra domani”. Dopo il 2004 sono stati costituiti centri di addestramento Nato per ultranazionalisti ucraini negli Stati baltici, cioè dopo la loro adesione al Patto Atlantico, e sono state rafforzate loro unità paramilitari. Pochi sanno che elementi nazionalisti ucraini hanno partecipato alle guerre balcaniche e alla guerriglia cecena, come Olexander Muzychko (Sasha Bilij).  
[3] È la roccaforte dei grandi oligarchi ucraini, come gli Akhmetov, i Firtash e i Pinchuk, divisi da un abisso di ricchezza dai loro concittadini dal reddito medio inferiore ai 300 € mensili.

Nella diffusione e/o ripubblicazione di questo articolo si prega di citare la fonte: www.utopiarossa.blogspot.com

RED UTOPIA ROJA - Principles / Principios / Princìpi / Principes / Princípios

a) The end does not justify the means, but the means which we use must reflect the essence of the end.

b) Support for the struggle of all peoples against imperialism and/or for their self determination, independently of their political leaderships.

c) For the autonomy and total independence from the political projects of capitalism.

d) The unity of the workers of the world - intellectual and physical workers, without ideological discrimination of any kind (apart from the basics of anti-capitalism, anti-imperialism and of socialism).

e) Fight against political bureaucracies, for direct and councils democracy.

f) Save all life on the Planet, save humanity.

(January 2010)

* * *

a) El fin no justifica los medios, y en los medios que empleamos debe estar reflejada la esencia del fin.

b) Apoyo a las luchas de todos los pueblos contra el imperialismo y/o por su autodeterminación, independientemente de sus direcciones políticas.

c) Por la autonomía y la independencia total respecto a los proyectos políticos del capitalismo.

d) Unidad del mundo del trabajo intelectual y físico, sin discriminaciones ideológicas de ningún tipo, fuera de la identidad “anticapitalista, antiimperialista y por el socialismo”.

e) Lucha contra las burocracias políticas, por la democracia directa y consejista.

f) Salvar la vida sobre la Tierra, salvar a la humanidad

(Enero de 2010)

* * *

a) Il fine non giustifica i mezzi, ma nei mezzi che impieghiamo dev’essere riflessa l’essenza del fine.

b) Sostegno alle lotte di tutti i popoli contro l’imperialismo e/o per la loro autodeterminazione, indipendentemente dalle loro direzioni politiche.

c) Per l’autonomia e l’indipendenza totale dai progetti politici del capitalismo.

d) Unità del mondo del lavoro mentale e materiale, senza discriminazioni ideologiche di alcun tipo (a parte le «basi anticapitaliste, antimperialiste e per il socialismo.

e) Lotta contro le burocrazie politiche, per la democrazia diretta e consigliare.

f) Salvare la vita sulla Terra, salvare l’umanità.

(Gennaio 2010)

* * *

a) La fin ne justifie pas les moyens, et dans les moyens que nous utilisons doit apparaître l'essence de la fin projetée.

b) Appui aux luttes de tous les peuples menées contre l'impérialisme et/ou pour leur autodétermination, indépendamment de leurs directions politiques.

c) Pour l'autonomie et la totale indépendance par rapport aux projets politiques du capitalisme.

d) Unité du monde du travail intellectuel et manuel, sans discriminations idéologiques d'aucun type, en dehors de l'identité "anticapitaliste, anti-impérialiste et pour le socialisme".

e) Lutte contre les bureaucraties politiques, et pour la démocratie directe et conseilliste.

f) Sauver la vie sur Terre, sauver l'Humanité.

(Janvier 2010)

* * *

a) O fim não justifica os médios, e os médios utilizados devem reflectir a essência do fim.

b) Apoio às lutas de todos os povos contra o imperialismo e/ou pela auto-determinação, independentemente das direcções políticas deles.

c) Pela autonomia e a independência respeito total para com os projectos políticos do capitalismo.

d) Unidade do mundo do trabalho intelectual e físico, sem discriminações ideológicas de nenhum tipo, fora da identidade “anti-capitalista, anti-imperialista e pelo socialismo”.

e) Luta contra as burocracias políticas, pela democracia directa e dos conselhos.

f) Salvar a vida na Terra, salvar a humanidade.

(Janeiro de 2010)