L'associazione Utopia Rossa lavora e lotta per l'unità dei movimenti rivoluzionari di tutto il mondo in una nuova internazionale: la Quinta. Al suo interno convivono felicemente - con un progetto internazionalista e princìpi di etica politica - persone di provenienza marxista e libertaria, anarcocomunista, situazionista, femminista, trotskista, guevarista, leninista, credente e atea, oltre a liberi pensatori. Non succedeva dai tempi della Prima internazionale.

lunedì 28 marzo 2016

ALLARME CLIMA: FEBBRAIO IL QUINTO MESE CONSECUTIVO CON TEMPERATURE SUPERIORI DI UN GRADO RISPETTO ALLA MEDIA, di Andrea Vento (Gruppo Insegnanti di Geografia Autorganizzati)

Accordi di Parigi a rischio. Avviare la transizione economica

I dati climatici diffusi dalla Nasa relativi al mese di febbraio confermano l'allarmante dinamica del surriscaldamento terrestre in atto e gettano sinistre ombre sulla sostenibilità dell'accordo raggiunto alla Cop 21 di Parigi, nel dicembre scorso. Il mese da poco concluso, infatti, non solo è risultato il febbraio più caldo dal 1880, inizio delle rilevazioni globali, ma addirittura quello con lo scostamento più elevato, ben 1,35 gradi, rispetto alla temperatura media del corrispondente mese rilevata nel trentennio 1951-1980, superando nettamente l'effimero record registrato in gennaio, con +1,14 gradi.
Tuttavia è la tendenza degli ultimi mesi a destare grande preoccupazione, tanto da spingere Stefan Rahmstorf del Potsdam Institute for Climate Impact Research a dichiarare che «siamo in una sorta di emergenza climatica. La situazione è davvero stupefacente e assolutamente senza precedenti». Secondo i dati della Nasa, siamo in presenza del quinto mese consecutivo in cui la temperatura media supera di un grado quella del trentennio di riferimento, con un trend crescente estremamente preoccupante. I primi due mesi del 2016 sono stati, infatti, preceduti dagli ultimi tre del 2015, anch'essi con temperature abbondantemente oltre la media: ottobre (+1,06 gradi), novembre (+1,03) e dicembre (+1,10). Estendendo l'analisi a tutto il 2015 rileviamo come, sempre in base ai dati forniti dalla Nasa e dall'Agenzia Federale per la Meteorologia (Noaa), siano stati ben dieci i mesi che hanno registrato un record di temperatura media, con le uniche eccezioni di gennaio e aprile. Nell'arco dell'intero anno la temperatura media terrestre è risultata di 1 grado superiore a quella del decennio 1880-1889, il primo dall'inizio delle rilevazioni, superando il precedente record del 2014 di 0,14 gradi. Situazione, come stigmatizzato dai meteorologi, estremamente preoccupante non solo per il record del 2015, il più caldo degli ultimi 136 anni, ma, soprattutto, per l'inarrestabile trend crescente delle temperature medie mensili.
I valori diffusi dalla Nasa si riferiscono alla media terrestre, omogeneizzando condizioni regionali che in alcune aree del pianeta assumono dimensioni ben più allarmanti. In particolare, secondo uno studio del Politecnico federale di Zurigo, nell'Artico e nelle aree adiacenti la temperatura avrebbe superato di 2 gradi la media del periodo preindustriale ormai da quindici anni e nel Mediterraneo, negli Usa e in Brasile potrebbe raggiungere questa soglia già nel 2030. Aggiungendo come un aumento della temperatura media terrestre di 2 gradi si concretizzerebbe con incrementi fino a 6 gradi in alcune zone del pianeta, soprattutto quelle a maggior densità di popolazione. Appare chiaro come, alla luce di queste ricerche, gli Accordi di Parigi mostrino limiti ancor più evidenti rispetto a quelli denunciati, non solo dagli ambientalisti, all'indomani della chiusura della Cop 21. Se forti perplessità erano state sollevate rispetto alla mancanza di controlli e alle modalità di contenimento delle emissioni, nonché sui tempi lunghi di verifica, la prima delle quali nel 2023, particolarmente critico appare il rispetto del limite di 1,5-2 gradi di aumento della temperatura media terrestre entro il 2050. Considerando l'inerzia atmosferica, anche procedendo ad un ipotetico immediato blocco degli incrementi delle emissioni di gas serra, in base ai dati di febbraio gli obiettivi di Parigi potrebbero essere sforati già nell'arco di qualche lustro.

Agli scettici che hanno obiettato come il record del 2015 sia stato influenzato da un evento straordinario come El Niño ha replicato il Segretario generale dell'Organizzazione meteorologica mondiale, Petteri Taalas. In sede di commento del «Provisional Statement on the Status of the Climate Change», Taalas ha fugato ogni dubbio affermando che «gli effetti del Niño svaniranno nei prossimi mesi, mentre quelli dei cambiamenti climatici indotti dall'uomo resteranno con noi per molti decenni». A conferma della matrice antropica delle cause alla base del fenomeno giungono i valori relativi alla concentrazione media di C02 nell'atmosfera, che continua inesorabilmente ad aumentare con un ritmo mai registrato in centinaia di migliaia di anni, arrivando a sfondare per la prima volta, nel mese di febbraio, il muro delle 400 parti per milione. Il valore record di 402,54 parti di CO2 per milione è accompagnato da una serie di primati negativi mai rilevati in precedenza: la contrazione negli ultimi cinquanta del 30% della superficie dei ghiacciai alpini rilevata dal Catasto dei ghiacciai, l'estensione del ghiaccio marino artico, ridotta per la prima volta nel mese di febbraio a soli 14,22 milioni di km2, l'accelerazione dell'innalzamento, entrambi secondo la Nasa, del livello degli oceani di 8 centimetri negli ultimi vent'anni, rispetto ai 12 degli otto decenni precedenti, la drammatica siccità che sta colpendo l'Etiopia, la più grave degli ultimi trent'anni. Solo per citare alcuni dei fenomeni estremi che si stanno verificando a seguito del surriscaldamento globale.
Gli effetti climatico-ambientali risultano devastanti, con sensibile aumento di «bombe d'acqua», inondazioni, smottamenti, siccità, bolle di calore e ondate di gelo, con pesanti ripercussioni in termini di vittime umane e danni materiali. Oltre alla riduzione delle rese agricole, stimate nell'ordine del 10% per ogni grado di aumento della temperatura media, dobbiamo calcolare i danni provocati alle coltivazioni dai fenomeni meteorologici estremi locali. Inevitabilmente, il fenomeno dei profughi climatici risulta in continuo aumento: dai 17,5 milioni del 2014 siamo passati ai 20 milioni dello scorso anno e, in base ad una previsione dell'Onu, questi saliranno a 50 milioni nel 2020. Profughi che al momento non godono nemmeno di protezione giuridica internazionale, ma ai quali, provenendo in buona percentuale dall'Africa subsahariana, dovremmo riservare un'accoglienza particolare, visto che le maggiori emissioni di gas climalteranti sono prodotte, oltre che dalla Cina e dagli Usa, dai paesi dell'Unione europea. Persone espulse dalle loro terre che andranno ad aggiungersi ai profughi causati dai numerosi conflitti che lacerano il mondo arabo e che i paesi europei e le istituzioni comunitarie non potranno pensare di arginare ergendo barriere o delegando il problema alla Turchia, volgendo lo sguardo altrove e facendo finta di non vedere il disumano spettacolo che proviene dal campo di Idomeni, al confine greco-macedone.
Gli Accordi di Parigi, come detto, rischiano di essere superati dall'accelerazione del surriscaldamento globale, chiamando i leader politici mondiali ad assumere provvedimenti efficaci in tempi ristretti nel merito di un'effettiva e vincolante riduzione delle emissione dei gas climalteranti, senza aspettare i tempi, non consoni, prefissati nell'ambito della Cop 21. Decisioni che debbono inevitabilmente prevedere scelte radicali in termini di cambiamento di modello energetico, liberandoci definitivamente dalla dipendenza dalle energie fossili e avviando la transizione ecologica dell'economia, col fine ultimo di uscire dall'illusione del perseguimento della crescita continua che ha mostrato, oggi più che mai, tutti i suoi limiti. Anzi, essendo essa stessa la causa delle tre crisi epocali (economica, sociale e ambientale) nelle quali l'umanità è ormai impantanata, senza riuscire a scorgere, al di là delle dichiarazioni dei politici e delle lobbies economico-finanziarie, l'improbabile via d'uscita.
Il referendum sulle trivellazioni del 17 aprile rappresenta per il popolo italiano un'occasione da non perdere per inviare, ai potentati economici e ai loro referenti politici, il messaggio chiaro e inequivocabile che non si tratta solo di salvaguardare il patrimonio costiero e marino nazionale, ma che la civiltà dei consumi, della crescita e delle devastazioni ambientali è giunta al tramonto e che dobbiamo necessariamente imboccare la grande transizione per fondare, col contributo di tutti, una società diversa in cui a crescere siano nuove realtà produttive, il rispetto dell'ambiente e l'equità sociale.

San Giuliano Terme (Pisa), 24 marzo 2016

Nella diffusione e/o ripubblicazione di questo articolo si prega di citare la fonte: www.utopiarossa.blogspot.com

RED UTOPIA ROJA - Principles / Principios / Princìpi / Principes / Princípios

a) The end does not justify the means, but the means which we use must reflect the essence of the end.

b) Support for the struggle of all peoples against imperialism and/or for their self determination, independently of their political leaderships.

c) For the autonomy and total independence from the political projects of capitalism.

d) The unity of the workers of the world - intellectual and physical workers, without ideological discrimination of any kind (apart from the basics of anti-capitalism, anti-imperialism and of socialism).

e) Fight against political bureaucracies, for direct and councils democracy.

f) Save all life on the Planet, save humanity.

(January 2010)

* * *

a) El fin no justifica los medios, y en los medios que empleamos debe estar reflejada la esencia del fin.

b) Apoyo a las luchas de todos los pueblos contra el imperialismo y/o por su autodeterminación, independientemente de sus direcciones políticas.

c) Por la autonomía y la independencia total respecto a los proyectos políticos del capitalismo.

d) Unidad del mundo del trabajo intelectual y físico, sin discriminaciones ideológicas de ningún tipo, fuera de la identidad “anticapitalista, antiimperialista y por el socialismo”.

e) Lucha contra las burocracias políticas, por la democracia directa y consejista.

f) Salvar la vida sobre la Tierra, salvar a la humanidad

(Enero de 2010)

* * *

a) Il fine non giustifica i mezzi, ma nei mezzi che impieghiamo dev’essere riflessa l’essenza del fine.

b) Sostegno alle lotte di tutti i popoli contro l’imperialismo e/o per la loro autodeterminazione, indipendentemente dalle loro direzioni politiche.

c) Per l’autonomia e l’indipendenza totale dai progetti politici del capitalismo.

d) Unità del mondo del lavoro mentale e materiale, senza discriminazioni ideologiche di alcun tipo (a parte le «basi anticapitaliste, antimperialiste e per il socialismo.

e) Lotta contro le burocrazie politiche, per la democrazia diretta e consigliare.

f) Salvare la vita sulla Terra, salvare l’umanità.

(Gennaio 2010)

* * *

a) La fin ne justifie pas les moyens, et dans les moyens que nous utilisons doit apparaître l'essence de la fin projetée.

b) Appui aux luttes de tous les peuples menées contre l'impérialisme et/ou pour leur autodétermination, indépendamment de leurs directions politiques.

c) Pour l'autonomie et la totale indépendance par rapport aux projets politiques du capitalisme.

d) Unité du monde du travail intellectuel et manuel, sans discriminations idéologiques d'aucun type, en dehors de l'identité "anticapitaliste, anti-impérialiste et pour le socialisme".

e) Lutte contre les bureaucraties politiques, et pour la démocratie directe et conseilliste.

f) Sauver la vie sur Terre, sauver l'Humanité.

(Janvier 2010)

* * *

a) O fim não justifica os médios, e os médios utilizados devem reflectir a essência do fim.

b) Apoio às lutas de todos os povos contra o imperialismo e/ou pela auto-determinação, independentemente das direcções políticas deles.

c) Pela autonomia e a independência respeito total para com os projectos políticos do capitalismo.

d) Unidade do mundo do trabalho intelectual e físico, sem discriminações ideológicas de nenhum tipo, fora da identidade “anti-capitalista, anti-imperialista e pelo socialismo”.

e) Luta contra as burocracias políticas, pela democracia directa e dos conselhos.

f) Salvar a vida na Terra, salvar a humanidade.

(Janeiro de 2010)