L'associazione Utopia Rossa lavora e lotta per l'unità dei movimenti rivoluzionari di tutto il mondo in una nuova internazionale: la Quinta. Al suo interno convivono felicemente - con un progetto internazionalista e princìpi di etica politica - persone di provenienza marxista e libertaria, anarcocomunista, situazionista, femminista, trotskista, guevarista, leninista, credente e atea, oltre a liberi pensatori. Non succedeva dai tempi della Prima internazionale.

giovedì 23 marzo 2017

S.O.S. GEOTERMIA, di Maurizio Fratta

La centrale Enel di Bagnore 4 nel comune di Santa Fiora
Ci fu un tempo nel quale scavare nelle viscere della terra per cercare minerali era avvertito come una profanazione.
Mentre i minatori cercavano di propiziarsi gli dei del sottosuolo, furono i fabbri a fondere e liquefare i metalli e a credere nella possibilità di poter cambiare la materia e a confidare, così come avevano fatto gli alchimisti, in una sua possibile trasmutazione.
Un sogno, quello dell'homo faber, meno millenarista di quel che si potrebbe credere considerando quanto l'idea del progresso illimitato abbia permeato non soltanto tutto il diciannovesimo secolo, ma perduri anche nelle attuali società industriali che hanno per obiettivo la trasmutazione della stessa Natura e la sua trasformazione in energia.
Ed è stata senza dubbio l'energia geotermica, tra le risorse energetiche, quella sulla quale l'uomo, sin dalla preistoria, ha cercato di fare affidamento e di trarre il massimo vantaggio.
Un sogno che si sta trasformando in incubo proprio in quella Toscana che ha visto nascere lo sfruttamento industriale delle risorse geotermiche e dove, proprio per il fatto che il suo impatto sull'ambiente è noto da tempo, si sarebbero dovute adottare strategie e soluzioni adeguate ed efficaci.
Ci riferiamo a quel che accade in Amiata dove sono all'opera le centrali geotermiche di Enel Green Power, il cui impatto sull'ambiente circostante non può essere ulteriormente taciuto o sottovalutato.
Sabato 4 febbraio, organizzato dalla Rete nazionale NOGESI e da SOS Geotermia, si è tenuto ad Abbadia San Salvatore un convegno dove ricercatori e studiosi hanno fatto luce sulla gravità dell'inquinamento prodotto dalle centrali e che fa oggi dell'Amiata la più grande questione ambientale dell'Italia centrale.
Non ha usato mezze misure nella sua relazione il geologo Andrea Borgia dell'Università di Milano, mettendo in relazione, dati ufficiali alla mano, la proliferazione dei veleni nell'ambiente e i loro effetti sulla salute delle persone.
È noto che l'attività di estrazione geotermica comporta, insieme al vapore acqueo, la fuoriuscita di fluidi dal sottosuolo che a loro volta rilasciano sostanze tossiche nell'aria, nel suolo, nelle acque superficiali: biossido di carbonio, ammoniaca, idrogeno solforato, metano, idrogeno a concentrazioni elevate e con essi altre sostanze dannose per la salute e l'ambiente, tra le quali cloruro di sodio, boro, arsenico, mercurio.
Un cocktail di inquinanti che potrebbero e dovrebbero essere completamente abbattuti se i sistemi previsti - sicuramente non all'avanguardia - funzionassero a dovere, soprattutto quando gli impianti vanno in avaria come succede quando nell'aria si avverte il puzzo di uova marce perché c'è una perdita di acido solfidrico.
E invece pare che i controlli avvengano - beninteso soltanto per alcuni degli inquinanti - ogni due o tre anni e sempre concordando data e ora di ispezione.
Fatto sta che oggi nei Comuni dell'Amiata, a detta della stessa Agenzia Regionale di Sanità della Toscana, si registrano tassi di mortalità significativamente superiori alle medie regionali, con il 30 per cento in più per alcuni tipi di tumore.
Ma i dati più impressionanti riguardano l'incremento di malattie (respiratorie, dell'apparato digerente, di quello genito-urinario, del sistema nervoso ecc.) e la presenza degli inquinanti contenuti nei fluidi geotermici immessi nell'ambiente con gli eccessi di rischio, fino a tre/quattro volte rispetto alle medie.
E si ha un bel dire, come ha provato a fare la Regione Toscana, o l'ARPA Toscana, che tutto dipende dagli stili di vita, cosa che ricorda il mantra ripetuto a iosa dai ministri dell'Ambiente degli ultimi governi quando dovevano giustificare il disastro ambientale e sanitario causato dagli impianti siderurgici di Taranto.
Particolarmente allarmanti i dati che riguardano l'inquinamento da mercurio. Soltanto per citare qualche dato, in circa cinquant'anni le centrali di Piancastagnaio hanno emesso nell'ambiente più di 52 tonnellate di mercurio e oggi quelle dell'Amiata rappresentano quasi la metà delle emissioni totali di mercurio rilasciate in Italia.
Oltre a quello finito in aria e nel suolo (e nella catena alimentare) lo si è trovato ora anche nelle acque del fiume Paglia, che confluisce nel Tevere nei pressi di Orvieto, e poi di conseguenza, concentrato nella sua forma più nociva, nei pesci.
Inquinamento che non può essere attribuito alle attività minerarie dismesse ormai da decenni, come ha cercato di sostenere l'ARPA, questa volta quella dell'Umbria, minimizzando il ruolo assunto dalle centrali dell'Enel Green Power.
Un'emergenza che ormai investe ben tre regioni e che non può essere più sottaciuta come si è fatto nel corso degli anni, quando si è preferito dare un quadro rassicurante della condizione sanitaria ignorando l'effetto accumulo degli inquinanti o supponendone la ricaduta soltanto in zone non abitate, stabilendo deroghe ai limiti di legge, come successo per l'arsenico nell'acqua potabile.
E per di più a favore di un'energia che ci si ostina a voler considerare pulita, quando una centrale geotermica, come una di quelle impiantate in Amiata, immette in atmosfera il doppio della CO2 di una centrale a gas ed elementi radioattivi in quantità superiori a quelle nucleari, sostenuta per giunta da improvvidi finanziamenti pubblici - denominati "Certificati verdi" - pagati da noi tutti e in nome della quale si progettano sempre nuovi impianti.


Pubblicato originariamente in l'altrapagina, marzo 2017, pp. 18-20.

Nella diffusione e/o ripubblicazione di questo articolo si prega di citare la fonte: www.utopiarossa.blogspot.com

RED UTOPIA ROJA - Principles / Principios / Princìpi / Principes / Princípios

a) The end does not justify the means, but the means which we use must reflect the essence of the end.

b) Support for the struggle of all peoples against imperialism and/or for their self determination, independently of their political leaderships.

c) For the autonomy and total independence from the political projects of capitalism.

d) The unity of the workers of the world - intellectual and physical workers, without ideological discrimination of any kind (apart from the basics of anti-capitalism, anti-imperialism and of socialism).

e) Fight against political bureaucracies, for direct and councils democracy.

f) Save all life on the Planet, save humanity.

(January 2010)

* * *

a) El fin no justifica los medios, y en los medios que empleamos debe estar reflejada la esencia del fin.

b) Apoyo a las luchas de todos los pueblos contra el imperialismo y/o por su autodeterminación, independientemente de sus direcciones políticas.

c) Por la autonomía y la independencia total respecto a los proyectos políticos del capitalismo.

d) Unidad del mundo del trabajo intelectual y físico, sin discriminaciones ideológicas de ningún tipo, fuera de la identidad “anticapitalista, antiimperialista y por el socialismo”.

e) Lucha contra las burocracias políticas, por la democracia directa y consejista.

f) Salvar la vida sobre la Tierra, salvar a la humanidad

(Enero de 2010)

* * *

a) Il fine non giustifica i mezzi, ma nei mezzi che impieghiamo dev’essere riflessa l’essenza del fine.

b) Sostegno alle lotte di tutti i popoli contro l’imperialismo e/o per la loro autodeterminazione, indipendentemente dalle loro direzioni politiche.

c) Per l’autonomia e l’indipendenza totale dai progetti politici del capitalismo.

d) Unità del mondo del lavoro mentale e materiale, senza discriminazioni ideologiche di alcun tipo (a parte le «basi anticapitaliste, antimperialiste e per il socialismo.

e) Lotta contro le burocrazie politiche, per la democrazia diretta e consigliare.

f) Salvare la vita sulla Terra, salvare l’umanità.

(Gennaio 2010)

* * *

a) La fin ne justifie pas les moyens, et dans les moyens que nous utilisons doit apparaître l'essence de la fin projetée.

b) Appui aux luttes de tous les peuples menées contre l'impérialisme et/ou pour leur autodétermination, indépendamment de leurs directions politiques.

c) Pour l'autonomie et la totale indépendance par rapport aux projets politiques du capitalisme.

d) Unité du monde du travail intellectuel et manuel, sans discriminations idéologiques d'aucun type, en dehors de l'identité "anticapitaliste, anti-impérialiste et pour le socialisme".

e) Lutte contre les bureaucraties politiques, et pour la démocratie directe et conseilliste.

f) Sauver la vie sur Terre, sauver l'Humanité.

(Janvier 2010)

* * *

a) O fim não justifica os médios, e os médios utilizados devem reflectir a essência do fim.

b) Apoio às lutas de todos os povos contra o imperialismo e/ou pela auto-determinação, independentemente das direcções políticas deles.

c) Pela autonomia e a independência respeito total para com os projectos políticos do capitalismo.

d) Unidade do mundo do trabalho intelectual e físico, sem discriminações ideológicas de nenhum tipo, fora da identidade “anti-capitalista, anti-imperialista e pelo socialismo”.

e) Luta contra as burocracias políticas, pela democracia directa e dos conselhos.

f) Salvar a vida na Terra, salvar a humanidade.

(Janeiro de 2010)