L'associazione Utopia Rossa lavora e lotta per l'unità dei movimenti rivoluzionari di tutto il mondo in una nuova internazionale: la Quinta. Al suo interno convivono felicemente - con un progetto internazionalista e princìpi di etica politica - persone di provenienza marxista e libertaria, anarcocomunista, situazionista, femminista, trotskista, guevarista, leninista, credente e atea, oltre a liberi pensatori. Non succedeva dai tempi della Prima internazionale.

martedì 3 gennaio 2012

CRISTIANESIMI (II), di Pier Francesco Zarcone


Premessa
Riprendiamo il discorso sulla santità istituzionale, ma stavolta centrando l’interesse sul fenomeno della santificazione e dopo aver effettuato un doveroso chiarimento sul modo di procedere di chi scrive. Vero è che i testi in genere fanno trapelare l’orientamento dei loro autori; tuttavia è sempre meglio evitare il possibile fraintendimento dei lettori, in buona o cattiva fede che siano.
Innanzi tutto va messa in chiaro l’inesistenza di qualunque intento offensivo verso il sentimento religioso, e ciò per un duplice ordine di motivi. Cominciamo col primo, che è di carattere generale. Non si tratta solo di buona creanza in quanto – alla fin fine – né i “credenti” né gli atei e/o agnostici possono dimostrare more geometrico la fondatezza inconfutabile delle loro rispettive posizioni filosofiche di base. In più c’è da dire che muovere dall’esterno all’attacco di un sistema di pensiero e di vita equivale a parlare col muro, sia per le reazioni che suscita sia a motivo della diversità (di presupposti e ottica) fra i sistemi in gioco. Il secondo motivo – di natura soggettiva – consiste nel fatto che l’autore di queste pagine non è per nulla ateo, bensì è filosoficamente teista.

Tirando le somme, il nostro proposito (che è anche un’ambizione) consiste nello sviluppare analisi critiche a partire dall’interno stesso di un dato sistema religioso (quand’anche non sia il proprio), cioè alla luce dei suoi elementi fondamentali; e non già dal di fuori. Altrimenti sarebbe come voler individuare gli errori di grammatica e sintassi nella pratica di un dato sistema linguistico alla luce della grammatica e della sintassi di una lingua diversa.
A questo punto si impone una scelta di fondo riguardo al sistema religioso da prendere in esame. Chi scrive è da tempo assolutamente convinto che non si possa parlare del Cristianesimo come di una realtà unitaria: al di là delle apparenze dovute a certi elementi formalmente comuni: Cattolicesimo, Ortodossia di matrice bizantina, Nestorianesimo, Chiese Copte e galassia del Protestantesimo, costituiscono mondi specifici, diversi fra loro ben più di quanto ritengano i non-specialisti. E altresì considerato che la stragrande maggioranza dei lettori italiani conosce sommariamente il Cattolicesimo e quasi niente sa delle altre confessioni cristiane, allora la conclusione diviene obbligata: il nostro discorso va centrato essenzialmente sul Cattolicesimo, fatto salvo qualche riferimento ad altri contesti cristiani ove necessario. Detto questo, soffermiamoci sul fenomeno della santificazione.

I gradi della santificazione istituzionale nel Cattolicesimo
In termini sintetici, i Santi sono quei cristiani che dopo la morte vengono ufficialmente venerati nella Chiesa e dalla Chiesa per i loro particolari meriti spirituali. Nel Cattolicesimo essi si dividono in due categorie, alla stregua del diritto canonico: i canonizzati e i beatificati. In buona sostanza, i primi – dopo la proclamazione ufficiale circa la certezza che essi si trovano in Paradiso – sono venerati e venerabili dalla Chiesa universale, mentre i beati sono da venerare in una Chiesa locale; ma poco male se qualcuno li venera anche fuori.
Nel mondo protestante sono assenti sia le canonizzazioni sia le beatificazioni, con l’eccezione della Chiesa anglicana, che però finora (se non andiamo errati) ha canonizzato solo Carlo I di Inghilterra (il significato estremamente - e bassamente - politico della cosa è evidente, al pari della canonizzazione dello zar Nicola II e della sua famiglia fatta dalla Chiesa ortodossa russa).
La Chiesa cattolica presenta invece una folta schiera di Santi (erano almeno 544 fino al 1990), poderosamente incrementata durante il pontificato di Giovanni Paolo II, che ne ha fatti ben 482 (Pio IX aveva elevato agli altari 52 persone, Leone XIII 18; Pio X 5; Benedetto XV 2; Pio XI 33; Pio XII 33; Giovanni XXIII 11; Paolo VI 83).
Beatificazione e canonizzazione avvengono a seguito di uno specifico processo canonico, di cui ai nostri fini non è particolarmente interessante ripercorrere le tappe. Interessa invece un particolare aspetto che va a collidere con il resto delle confessioni cristiane (tutte), per le quali il Vescovo di Roma non è il capo della Chiesa. A collidere non è il fatto che la dichiarazione di beatificazione e/o canonizzazione sia atto papale. Fin qui poco male, poiché in definitiva ogni Chiesa si organizza come meglio ritiene. L’aspetto delicato e conflittuale consiste nel fatto che la dottrina cattolica fa rientrare tale dichiarazione nella sfera di esercizio di quella innovazione moderna che è il dogma dell’infallibilità del Papa. Questo dogma fu proclamato da Pio IX a ridosso della conquista di Roma da parte dell’esercito italiano (una delle conseguenze fu la scissione dalla Chiesa di Roma di una piccola ala che ha costituito la Chiesa dei “Vecchi Cattolici”).
Quindi, ogniqualvolta viene proclamato un Santo (locale o universale che sia) il Papa è nell’esercizio dell’infallibilità e si riafferma dentro e fuori dalla sua Chiesa come Vicario di Cristo e fondamento di verità sotto l’asserita guida datagli dallo Spirito Santo. Proprio tutto ciò che gli altri cristiani non riconoscono.
Prima del citato nuovo dogma non mancarono nella Chiesa di Roma le opposizioni di dotti teologi a voler considerare infallibile la proclamazione papale di un Santo. Valgano per tutti i teologi Agostino d'Ancona (1243-1328) e Cajetan [Thomas o Gaetanus (di Gaeta), al secolo Tommaso De Vio] (1469-1534) i quali affermavano che la Chiesa, non potendo penetrare nelle coscienze umane, neppure poteva infallibilmente valutare la santità di una persona. Per completezza va detto che dopo il Vaticano II tesi similari sono state riprese, per esempio da padre Daniel Ols, professore nella Pontificia Università dell'Angelicum e altresì relatore della Congregazione per la causa dei Santi.

La santificazione: un abbozzo di analisi
A questo punto può essere utile affrontare il problema della santificazione in sé, a motivo di ciò che essa rivela.
Non vi sarebbero soverchi problemi se la santificazione ecclesiale:
-          si risolvesse nell’additare determinate figure di cristiani al resto del fedeli come esempi di vita, per la loro fede e per il loro modo di essere;
-          e altresì (visto che parliamo di dimensione religiosa) se si invitassero i fedeli a indirizzare anche ai Santi le loro preghiere per ottenerne dall’al di là aiuto spirituale per una vita più degnamente cristiana.
Sul secondo punto resterebbe aperta l’obiezione circa l’utilità di queste preghiere esistendo la possibilità di rivolgersi direttamente a Dio. Ma l’obiezione potrebbe essere parata in parte considerando che l’umanità dei Santi li rende ontologicamente e sentimentalmente più vicini rispetto all’incommensurabilità divina. Tuttavia nella santificazione non c’è solo questo; ed è proprio tale “altro” a creare problemi alla stregua del contenuto medesimo dei Vangeli canonici.
Innanzi tutto c’è il fatto che la Chiesa non solo tollera, ma altresì incentiva, l’immagine dei Santi per la valenza miracolistica. Le conseguenze sono almeno duplici. La prima consiste nel mettere prepotentemente in ombra l’identità “Santo=modello per il Cristiano”, la quale viene oscurata dalla funzione di tipo “simil-magico” consistente nell’erogazione di grazie riferite a bisogni materiali dei postulanti, e non più spirituali. Il tutto calato in un circuito di superstizione estraneo a qualsiasi dimensione sacrale e spirituale. La cosa porta a esiti non privi di ridicolo. Due soli casi: uno è: l’attribuzione di un preteso miracolo a un determinato Santo invece che a un altro. Al riguardo – e senza entrare nel merito dei criteri di attribuzione usati - viene spontaneo chiedersi che fine abbiano fatto le legioni di Santi che (poveretti) da secoli e secoli non fanno più miracoli: ciò quantomeno sulla base delle attribuzioni effettuate dai “fedeli” che asseriscono di averne ricevuti.
L’altro caso riguarda il problema dell’assegnazione papale di un settore specifico della vita umana e/o sociale a un dato Santo, senza conferma di accettazione da parte dell’incaricato: cioè a dire, siamo sicuri che S. Barbara protegga gli artiglieri e S. Francesco d’Assisi l’Italia? Il margine per le battutine non mancherebbe, ma al prezzo di un totale scadimento di stile.
Cercando una risalita qualitativa, si deve sottolineare un aspetto importante: ridurre la santità a forza erogatrice di miracoli (o consentendo che ciò accada) significa collocarsi appieno nella linea di pensiero anticristiano stigmatizzato da Dostoevskij nella “Leggenda del Grande Inquisitore”. Quando l’Inquisitore ne I fratelli Karamazov dice che l’uomo non cerca tanto Dio quanto i miracoli, applica a un aspetto specifico la sua generale sfiducia nell’essere umano e la sua avversione verso la libertà spirituale. Venerare un Santo senza miracoli è un libero atto di fede; il Santo miracolista, invece, si impone in virtù del potere esercitato (o presunto tale). Mentre per la vera fede non c’è bisogno di miracoli.
Vi è poi un’altra conseguenza da esaminare: essa riguarda il proficuo giro speculativo (in termini economici) innescato dal ruolo di erogatore di interventi soprannaturali diventato – come dicevamo dianzi - del tutto prevalente e onnivoro. Una visitina a Fatima o a Pompei sarebbe sufficiente a verificare quanto poco ci sia di spirituale nelle “sacre botteghe”. Niente di nuovo, per carità. Già Girolamo Savonarola doveva constatare che ormai da vari secoli la Chiesa (e questo non riguarda solo il Cattolicesimo) era passata dai vescovi d’oro con calici di legno, ai vescovi di legno con calici d’oro.
Strettamente intrecciato a quanto detto è l’uso strumentalmente politico delle santificazioni, di modo che la scelta del Santo di turno diventa la gratificazione simbolica (ma propagandisticamente utile) per determinate fazioni a scapito di altre di volta in volta sgradite al supremo vertice ecclesiale. Si pensi all’infornata in massa, fra la schiera dei beati, dei preti cattolici uccisi e/o giustiziati dai repubblicani durante la Guerra civile spagnola.
Ma il discorso sulla santificazione non può finire qui, cioè sugli aspetti più degenerativi (o comunque criticabili) dell’uso ecclesiastico della santità. A nostro avviso il fenomeno di cui parliamo esprime un più ampio processo, senz’altro definibile come “tradimento” della Buona Novella. Si consideri che nella storia del mondo cristiano è individuabile, già nei primi secoli, una mutazione schematicamente inquadrabile fra il III e il IV secolo, più o meno in corrispondenza con le controversie cristologiche (da cui è derivata la formalizzazione della dogmatica cristica e trinitaria). La mutazione è consistita nella prevalenza conquistata dal “credere” rispetto all’”essere”; nell’importanza data all’adesione a una data ortodossia dogmatica, in concreto risolventesi nel far passare in secondo piano lo sforzo di realizzazione come “figli di Dio”.
Se invece fosse prevalso un orientamento di segno diverso, forse oggi il mondo cristiano apparirebbe (sottolineo “forse”) come un campo in cui “cento fiori” coesistono pacificamente, con la realizzazione interiore come fine più importante. Così come accade nell’area buddista.
Per concludere, accenniamo a un ultimo aspetto della santificazione ecclesiastica, riguardo al suo essere da lungo tempo espressione di un trionfalismo ormai antistorico: infatti, tenuto conto delle attuali condizioni spirituali del Cristianesimo, non c’è davvero molto da stare allegri o da atteggiarsi a trionfatori.


Nella diffusione e/o ripubblicazione di questo articolo si prega di citare la fonte: www.utopiarossa.blogspot.com

RED UTOPIA ROJA - Principles / Principios / Princìpi / Principes / Princípios

a) The end does not justify the means, but the means which we use must reflect the essence of the end.

b) Support for the struggle of all peoples against imperialism and/or for their self determination, independently of their political leaderships.

c) For the autonomy and total independence from the political projects of capitalism.

d) The unity of the workers of the world - intellectual and physical workers, without ideological discrimination of any kind (apart from the basics of anti-capitalism, anti-imperialism and of socialism).

e) Fight against political bureaucracies, for direct and councils democracy.

f) Save all life on the Planet, save humanity.

(January 2010)

* * *

a) El fin no justifica los medios, y en los medios que empleamos debe estar reflejada la esencia del fin.

b) Apoyo a las luchas de todos los pueblos contra el imperialismo y/o por su autodeterminación, independientemente de sus direcciones políticas.

c) Por la autonomía y la independencia total respecto a los proyectos políticos del capitalismo.

d) Unidad del mundo del trabajo intelectual y físico, sin discriminaciones ideológicas de ningún tipo, fuera de la identidad “anticapitalista, antiimperialista y por el socialismo”.

e) Lucha contra las burocracias políticas, por la democracia directa y consejista.

f) Salvar la vida sobre la Tierra, salvar a la humanidad

(Enero de 2010)

* * *

a) Il fine non giustifica i mezzi, ma nei mezzi che impieghiamo dev’essere riflessa l’essenza del fine.

b) Sostegno alle lotte di tutti i popoli contro l’imperialismo e/o per la loro autodeterminazione, indipendentemente dalle loro direzioni politiche.

c) Per l’autonomia e l’indipendenza totale dai progetti politici del capitalismo.

d) Unità del mondo del lavoro mentale e materiale, senza discriminazioni ideologiche di alcun tipo (a parte le «basi anticapitaliste, antimperialiste e per il socialismo.

e) Lotta contro le burocrazie politiche, per la democrazia diretta e consigliare.

f) Salvare la vita sulla Terra, salvare l’umanità.

(Gennaio 2010)

* * *

a) La fin ne justifie pas les moyens, et dans les moyens que nous utilisons doit apparaître l'essence de la fin projetée.

b) Appui aux luttes de tous les peuples menées contre l'impérialisme et/ou pour leur autodétermination, indépendamment de leurs directions politiques.

c) Pour l'autonomie et la totale indépendance par rapport aux projets politiques du capitalisme.

d) Unité du monde du travail intellectuel et manuel, sans discriminations idéologiques d'aucun type, en dehors de l'identité "anticapitaliste, anti-impérialiste et pour le socialisme".

e) Lutte contre les bureaucraties politiques, et pour la démocratie directe et conseilliste.

f) Sauver la vie sur Terre, sauver l'Humanité.

(Janvier 2010)

* * *

a) O fim não justifica os médios, e os médios utilizados devem reflectir a essência do fim.

b) Apoio às lutas de todos os povos contra o imperialismo e/ou pela auto-determinação, independentemente das direcções políticas deles.

c) Pela autonomia e a independência respeito total para com os projectos políticos do capitalismo.

d) Unidade do mundo do trabalho intelectual e físico, sem discriminações ideológicas de nenhum tipo, fora da identidade “anti-capitalista, anti-imperialista e pelo socialismo”.

e) Luta contra as burocracias políticas, pela democracia directa e dos conselhos.

f) Salvar a vida na Terra, salvar a humanidade.

(Janeiro de 2010)